un blog canaglia

Tag archive

Soldato israeliano

Davide e Golia

in mondo/società by

La conoscete tutti la storia di Davide e Golia, vero?

Davide è un piccoletto ebreo, un pastorello dagli incerti natali, che si offre di combattere il campione dell’esercito filisteo, Golia, un gigante armato di tutto punto temutissimo dai guerrieri di Israele. Sebbene i pronostici gli siano sfavorevoli, Davide non si fa vincere dalla paura e avanza deciso verso il gigante, mentre questi deride la stupidità di un ragazzino che si presenta mezzo nudo sul campo di battaglia; in mano il giovane pastore ha solo una frombola, e cinque pietre lisce raccolte da un torrente.  Lo scontro è tanto breve quanto sorprendete: approfittando dell’arroganza del gigante, al primo lancio Davide colpisce Golia alla fronte, che cade a terra incapace di rialzarsi. Sottratta la spada al nemico, il futuro re di Israele decapita il campione filisteo e pone fine alla guerra decretando così la vittoria degli Ebrei.

Diciamo la verità, delle motivazioni di Golia e dell’esercito filisteo non ci siamo mai troppo preoccupati. Si è sempre tifato Davide, per una culturalissima propensione per i perdenti: nella visione giudeo-cristiana del mondo, lo sfigato è destinato a prevalere sul potente di turno, se non in questa vita perlomeno nell’altra. Anzi, in termini etici il debole è sempre e comunque preferibile al forte: beati i poveri in spirito perché di essi è il regno dei cieli, beati gli afflitti perché saranno consolati, eccetera eccetera. La nostra scelta a favore del pastorello armato di fionda, a discapito del soldato corazzato, è dettata più da una questione di principio, che da ragioni prettamente “razionali” (Davide era davvero così buono e Golia così cattivo? Chi era degno della vittoria, il regno di Israele o i Filistei? Chi ha cominciato la guerra? Chi aveva torto e chi ragione?).

Ecco dunque come molti di noi, ancora oggi, di fronte a certe immagini tendano a sbilanciarsi subito per una fazione piuttosto che un’altra – quella del debole (o presunto tale). Il video del soldato israeliano che se la prende col bambinetto palestinese dal braccio ingessato (colpevole, a quanto pare, di aver tirato delle pietre nel corso di una protesta contro certi insediamenti ebraici in Cisgiordania) muove subito le coscienze in una direzione ben precisa. Aggiungeteci poi le donne armate di borsetta che strepitano e urlano finché il soldato non molla la presa: sbatti le madre-coraggio in prima pagina e il gioco è fatto.

È una questione di stomaco, non c’è niente da fare. Si dirà in seguito che il video era tutta una montatura. Si dirà che il bambino aveva sicuramente provocato, e il soldato non poteva fare altro. Si accuserà la vigliaccheria dei padri palestinesi, che preferiscono mandare sul campo i propri figli invece di affrontare di persona i soldati nemici. Si ricorderanno i razzi di Hamas e le vittime di Israele. Si parlerà di Olocausto e di diritto a difendersi. Si invocherà la ragione e il buon senso, l’importanza della Storia e l’obiettività dei fatti.

Eppure, chissà perché, il pastorello che lancia sassi continuerà sempre a farci più simpatia.

Go to Top