un blog canaglia

Tag archive

naturismo

Dio che fastidio signora mia

in politica/società by

Vediamo se ho capito: viviamo in un paese in cui i diritti di sposarsi con chi si sceglie, di decidere se sottoporsi o non sottoporsi ai trattamenti medici, di morire come si preferisce, di concepire un figlio vincendo la sterilità, di farsi una canna in santa pace nel giardino di casa non sono considerati abbastanza rilevanti da essere riconosciuti: mentre si reputa che vada tutelato il diritto a non vedere -dio che fastidio signora mia- un pisello -leggasi pene, membro, cazzo eccetera- o una vagina -leggasi fica, cinciallegra, pucchiacca e via discorrendo-, pur essendo ben noto che chiunque sa bene come quelle parti anatomiche siano fatte -avendone presa visione in numerose circostanze-, in omaggio ad un “senso del pudore” non meglio precisato ancorché considerato così essenziale da non consentire a chi sente minacciato il proprio non dico di farsi una ragione dello spettacolo, ma perfino di voltarsi dall’altra parte.

Cioè, non so se mi sono spiegato: se uno lotta contro una terribile malattia progressiva e chiede di porre fine all’inenarrabile sofferenza che sta provando lo stato arriva e gli dice che non può; se un altro ha il desiderio di lasciare la propria eredità al compagno che gli è stato accanto per tutta la vita lo stato irrompe e glielo impedisce; invece se uno si lamenta perché la visione di un uccello -dio che fastidio signora mia- l’ha profondamente turbato lo stato si arma e si schiera al suo fianco, gli dice non preoccuparti caro so quanto stai soffrendo, adesso a quel cattivone con la minchia di fuori lo puniamo severamente, così non sarai più costretto a provare -dio che fastidio signora mia- quel senso di disgusto che ti invalida come nessun’altra cosa al mondo potrebbe fare.

Ma andate a cagare.

Go to Top