un blog canaglia

Tag archive

merda

Vasco Rossi è stato un genio e io devo chiedergli scusa.

in arte/musica by

Qualche giorno fa mi ero messo ad ascoltare un best of di Franco Battiato, di cui fino ad allora conoscevo essenzialmente tre canzoni: Cuccuruccuccù, Bandiera Bianca e Centro di Gravità Permanente. Dalle casse sono cominciate ad uscire fuori Prospettiva Nevskij, L’Era del Cinghiale Bianco,  Summer on a Solitary Beach e tante altre ancora, e sebbene per un secondo mi sia rammaricato di non averle mai ascoltate prima, a dominarmi è stato subito dopo la meraviglia di avere davanti a me un’intera discografia ignota e di qualità eccelsa, praticamente un godimento infinito.

Mi ero quindi ripromesso di ascoltarmi ogni singolo album nelle settimane successive e così ho cominciato con Patriots. Mentre stavo per passare a Gommalacca, è avvenuto – ahimè – qualcosa di strano e mostruoso. Da un angolo remoto del mio cervello, come il serpente che tenta Eva con una pasticca fuori dalla scuola, ho sentito me stesso pensare: “Beh, se per questo, non hai mai ascoltato nemmeno la discografia di Vasco”. Il maledetto suggerimento veniva dal fatto che, gli stessi giorni in cui avevo l’epifania su Battiato, mi era capitato di ascoltare per la prima volta Colpa d’Alfredo. 

“Ho perso un’altra occasione buona stasera / è andata a casa con il negro, la troia”.

Come scusa? Ha proprio detto “è andata a casa con il negro, la troia”. Mi ero fatto la classica risatina da stupore in ritardo di 36 anni ed ero andato avanti ad ascoltare. Beh, pazzesco! Non mi aspettavo da Vasco un testo in cui, anziché vagheggiare i soliti sentimenti noiosi e banali, veniva narrato un aneddoto con un dettaglio incredibile delle persone coinvolte, del luogo, di tutto ciò che è contenuto effettivamente nelle parole e ciò di cui non c’è nemmeno bisogno di dire un aggettivo. Non è affatto facile rendere al pubblico una descrizione fotografica di una situazione usando pochissimi versi, ma Colpa d’Alfredo ci riesce benissimo.

Così, ancora con l’ironia imbecille di chi guarda Ciao Darwin “perché mi piace il trash e mi piace soprattutto sapermi migliore di loro”, ho cliccato sull’album omonimo alla canzone. “Solo un attimo, poi torno a Battiato.”.

Cantanti completamente strafatti durante un concerto: deve esserci un momento nella vita di queste persone in cui il bivio tra sopravvivere e soccombere è decisivo. L’importante è trovare sempre qualcosa di ironico nelle cose, come il fatto che questo video sia stato caricato dal profilo ufficiale del Partito Democratico.

Tralascio il classico Non l’hai mica capito, ché sulla questione dei classici pop di Vasco ci voglio tornare dopo. Susanna è divertente ma dimenticabile, senonché mi colpisce perché penso a mia sorella che si chiama come la canzone, che è contemporanea (o quasi) al disco e da ragazza era fan di Vasco, e mi viene in mente che magari questo brano le piaceva tantissimo da piccola e che dovrei ricordargliela la prossima volta che la sento. Poi Anima Fragile, dove tiro un sospiro di sollievo: finalmente una canzone inutile alla Vasco Rossi. E sono già pronto a chiuderla lì, quando salta fuori Alibi, e di nuovo mi accorgo che sono letteralmente immerso nella scena descritta. Non solo, ma poi comincia ad elencare “devono accertare / controllare / verificare / analizzare / eventuali connivenze / coincidenze”. Un uso delle parole singole, tutte in rima, che non so come ma mi ricorda Nun te reggae più. 

Cavolo, un disco piacevolissimo. Ha le canzoni strane, le canzoni famosissime e spensierate, un tot di canzoni banalotte come è lecito che sia per un album non scritto dai Beatles. O da Battiato, per dire. Così mi viene un dubbio: stai a vedere che prima di diventare famoso, Vasco era bravo. Seleziono quindi Non siamo mica gli americani  e schiaccio play.

Signori, popolo che mi legge, voglio oggi chiedere scusa a Vasco Rossi. Mi scuso per tutte le volte che ho pensato che fosse un coglione totale, uno dei minimi livelli della musica italiana, fagocitatore di fama senza aver contribuito a nulla in Italia se non ad arricchire i gestori degli stadi di calcio. Perché se da un certo punto in avanti della sua carriera questi concetti possono anche essere in parte o del tutto veri, è sicuramente certo che come artista ha fatto dei veri e propri capolavori assoluti quali Non siamo mica gli americani. 

L’album, il secondo della sua discografia, contiene 8 canzoni. Una metà è piacevolissima. L’altra metà è già diventata pietra miliari mia personale raccolta di canzoni fondamentali. Si tratta innanzitutto di Fegato, fegato spapolato, che guarda un po’ inizia esattamente come Alibi. E, nuovamente, racconta in maniera fotografica una mattina – che diventa poi automaticamente l’intera giovinezza – del classico fattone del piccolo paesello di provincia. Noi oggi quando vogliamo attribuire un complimento ad un altro divo del pop, Max Pezzali, diciamo “Eh, ma come ha raccontato lui certe situazioni dei ragazzi di provincia, proprio nessuno”. Sì, ma si trattava dei ragazzi puliti, quelli da oratorio d’inverno e Grest d’estate, e delle loro comunissime disavventure. Quindici anni prima Vasco parlava già dei comunissimi problemi dei lazzaroni tossici e cazzari che esistono e sempre esisteranno in provincia. Gente priva delle velleità dei disgraziati cantati dai Baustelle. Nonostante per assurdo poi il testo contenga tracce di poesia talvolta perfettamente unita al comico:  “La primavera insiste la mattina” o “La festa ha sempre lo stesso sapore, gusto di campane, non è neanche male”. Montale, scansati.

Segue Sballi ravvicinati del 3° tipo. Concetti dello spazio profondo, melodie lontane come i già citati L. dei Baustelle o No Time No Space di Battiato. Solo che parla, di nuovo, di fattoni completamente persi. Gente che non ha bisogno di parlare di serpenti giganti e autobus blu per spiegare che si è imbottita di fumo peggio di una centrale a carbone dell’800. E poi Non siamo mica gli americani, con quell’intro assurdo in dialetto meridionale o con quella divagazione (Astro del Ciel) dentro la melodia senza alcun motivo apparente che oggi vengono ricalcate da Elio e le Storie Tese,. Con la differenza che Elio parla di cose demenziali del tutto immaginarie, mentre Vasco sta semplicemente recitando frasi che le persone semplici pensavano o dicevano per davvero durante la leva militare. Perché se la guerra rende i soldati semplici vittime e poeti (aka Generale, quella famosa di Vasco che poi ha rifatto De Gregori…no dai, scherzo) in tempo di pace a dominare è la pura noia di essere obbligati a fare da guardia alla polveriera di domenica sera, sotto la sarcastica minaccia della guerra fredda.

E infine Albachiara. Uno, superata l’adolescenza, deve rendersi conto che il pop non è una merda. Il pop, come tutte le cose, può essere una roba orrenda o un’opera d’arte. Dietro Uptown Funk di Bruno Mars, per dire, c’è del genio. Dietro i diversi singoli di Pharrell Williams c’è del lavoro impressionante. E noi italiani non possiamo chiamare “cantautorato” le canzoni di massa che ci piacciono per lasciare che al pop la spazzatura. Adesso venitemi a dire che Agnese non è pop come Albachiara. Che Notte prima degli esami non è pop come Albachiara. Una canzone che non è orecchiabile, non è che si lascia ascoltare. E’ una bomba universale che al secondo ritornello stavo per salire in piedi sulla scrivania, tirare un calcio al monitor e cantare in mezzo all’ufficio. Ed è solo perché sono a Tokyo; se fossi stato in Italia non solo il gesto non avrebbe avuto ripercussioni, ma sono pronto a scommettere che avrei potuto interrompermi a “Sei fresca come…” e, col gesto del microfono rivolto al pubblico, lasciare che i colleghi completassero il verso.

 

vasco fan

 

E nonostante tutto, oggi, Vasco Rossi è oggettivamente il simbolo del peggio che la musica italiana possa offrire. Con il senno di oggi, mi dispiace pure per lui. Come sia avvenuta questa trasformazione non lo so, non conosco la sua biografia né moltissimi degli album che sono venuti dopo Vado al massimo, l’ultimo album – per altro anch’esso stupendo – che si è fermato a quota 100mila dischi venduti. Sarà stato il successo: Bollicine, subito successivo e con un milione di copie vendute, mi ha fatto cagare. Magari è perché ha riunito sotto di se gli eroi di cui cantava, cioè quei fattoni ignoranti e privi di sogni che presi singolarmente in qualche serata all’osteria fanno ridere a crepapelle ma messi tutti dentro ad uno stadio finiscono per fare cose immonde (dovrebbero scrivere un libro sui racconti di gente che negli anni 80-90 andava ai suoi concerti: venderebbe più di tutti i titoli di Palahniuk messi assieme).

Quello che è certo e che sono stato mosso da un pregiudizio, ed è giusto che me ne penta.

Brevi interviste con donne schifose – La Mangiamerda

in cultura/società by

A:

Allora, da dove cominciamo? Vuoi dirmi come hai iniziato?

 

 

B: Ma così, per provare. Come tutti… Ero in vacanza con un gruppo di amici, al mare e…

A: Al mare dove? In Italia?

B: Sì, sulla riviera adriatica. A Tortoreto Lido. Eravamo in spiaggia, la sera di Ferragosto, e avevamo bevuto un bel po’. Vino, birra e soprattutto Gin, mischiato con la Lemon Soda.

A: Una classica indianata di Ferragosto, quindi.

B: Sì, sai quelle schifezze che fai da ragazzina, che bevi fino a vomitare l’anima. Che a quindici anni é un’ottima occasione per perdere la verginità.

A: Giá.

B: Sì, mi ricordo che c’era questo tipo di cui eravamo tutte innamorate. Faceva il bagnino all rotonda. Un buzzurro quarantenne con il cerchietto per i capelli e la canottiera anche di sera.

A:Ma non mi dire

B: Sí un tipo che oggi non userei per niente piú che farmi chiudere l’ombrellone. Uno che se gli chiedi l’ora ti dice “Le sedde e drendadrè”. A quei tempi mi sembrava irresistibile.

A: Rimaniamo sul tema. La tua prima volta.

B: Insomma siamo in spiaggia e io sono proprio cotta. Cotta al punto che una squadra di Bagnini abruzzesi potrebbe sodomizzarmi in sequenza e io non batterei ciglia.

A: Hai la fissa coi Bagnini.

B: Bagnini abruzzesi. Comunque, a un certo punto, io me ne sto lí a fantasticare su Gaetano (il bagnino abruzzese, ndr) che non mi accorgo che sta girando questa cosa, scura e fumante. Ad un certo punto, me la passano e io, senza pensarci, me la ficco in bocca.

A: E com’era?

B: Mah, te l’ho detto ero talmente cotta che un palo nel culo mi avrebbe fatto il solletico, peró il senso di nausea che ti lascia la prima volta, ecco, quello te lo porti dietro per sempre.

A: E poi, hai preso il vizio?

B: Ma figurati, sono passati anni e molti bagnini prima che pensassi di ripetere quell’esperienza. La seconda volta mi é successa a Londra, a 19 anni. Dopo la maturità ero andata per fare qualche mese lí, a studiare l’inglese, a cercare qualche lavoretto, a fare esperienza. Ai miei avevo detto che prima di iscrivermi all’università volevo vedere un po’ di mondo, per capire bene cosa avrei fatto da grande.

A: Se ne dicono di stronzate a quell’età.

B: Ah certo, e pure dopo. Comunque tempo una settimana e a Londra mi ero accombricolata con un gruppo di ragazzi di Roma. All’epoca a Londra c’era mezza Roma Nord. Io mi ero pseudo- fidanzata con un certo Saverio, uno stronzetto figlio di un notaio che giocava a fare lo squatter. Di solito, dopo quattro giorni passati a calarsi di exctasy e fumare gangia, accoppiandosi con le piú scellerate e tossiche e portatrici di malattie veneree tra le punkabestia, ecco, tornava all’appartamento di famiglia, un’attico con tripla esposizione dalle parti di Buckingham Palace.

A: Carino. Siete rimasti in contatto?

B: Dopo Londra non l’ho piú visto. Da amici comuni so che si é sposato e ha tre bambini. Abita al Fleming, e lavora nello studio da Notaio del padre. Ma ancora adesso, ogni volta che ho un prurito o una perdita bianca-gialla-verde non posso fare a meno di pensare a lui e alla sua gonorrea.

A: Delizioso, sta andando meglio di quanto sperassi. Insomma, sei a Londra, a metá degli anni novanta. Squatter pariolini bazzicano le crackhouse con la stessa disinvoltura con cui prendono lo Spritz a Ponte Milvio. E tu sei lì, e non impari una parola di inglese. Cosa succede?

B: Insomma, una sera, ci siamo calati gesú Cristo. Anzi é una settimana che andiamo avanti a Snow Ball, che un amico di Saverio (il figlio del notaio, ndr) ha detto che sono speciali, che ” c’è morta la gente” e insomma, stiamo in questa casa occupata, una Cosa che al confronto  l’appartamento di Trainspotting, quello dove vanno a farsi, é… la Cappella Sistina. per dire,  c’é ‘sta tipa che c’ha i capelli-capelli verde marcio eh- che le stanno crescendo a vista d’occhio…Fuma Crack da una pipetta di vetro e  si guarda le mani e grida  che le sono cresciute le dita e le unghie. Insomma, un bell’ambientino.

A: E quindi?

B: Quello che si atteggia a proprietario della casa, vale a dire il primo della combriccola che ha piazzato il suo culo rancido in quella topaia, uno Scozzese tutto ciccia e tatuaggi, bianco come un attore di True Blood, Russel mi pare si chiamasse, dice che é ora che ci diamo tutti una calmata e che ce l’ha lui una cosa che ti stende. Andiamo nella camera da letto di Russel -un buco di merda con il materasso poggiato in terra e  una lampadina al neon che penzola dal soffitto- in quattro: io, Saverio e il suo amico, il Giuda, figlio dell’assessore alla cultura e c’e’ pure una squatter, una  vera, quella sì, una secca malefica che tirava  la Ketamina con la disinvoltura di un poppante attaccato alla tetta della madre. Ci sono pile di giornali porno dappertutto, usati come comodino, come poggiapiedi, come appendiabiti…
A: Un tipo distinto, questo Russel.

B: Sì, uno schifoso in piena regola. Pensa che vicino al materasso c’é uno di quei cosi che si usano in ospedale per i pazienti allettati, quelli che non possono alzarsi per pisciare. Un fagiano.

A: Un pappagallo, forse.

B: Che fai, birdwatching? Comunque, Russel il pappagallo lo usa quando non gli va di andare a pisciare nel cesso comune… Comprensibile peraltro, visto che a confronto di quella latrina la fogna di Bombay é Sephora sugli Champs Elyseé

A: Capisco. Anche se pure i francesi, con questa storia del profumo non é che poi si lavino cosí tanto.

B: Ma infatti, pensa che c’avevo questo fidanzatino di Parigi, Michel, tanto carino e ben vestito, sempre con la camicetta azzurra abbinata con gli occhi cerulei, i calzini puliti e i jeans Le Copain e poi quando si spogliava, c’aveva sempre le mutande gialle.

A: Come le mutande gialle?

B: Ma sì, sgommate. Hai capito? Si puliva il culo sommariamente, e considerava il bidé una cosa da selvaggi.

A: Mon dieu! Atteniamoci al racconto però: siete nella camera da letto di Russel e…?

B: E niente, lui tira fuori da una scatola per scarpe poggiata vicino al pappagallo questa cosa qui, che dice che e’ “cucinata”… Infatti e’ croccante, quando la usi fa crack ed e’ tutta un’altra cosa rispetto a quella merda che avevo assaggiato a Tortoreto, la notte di Ferragosto

A: E gli effetti? Dimmi di piu’?

B: Beh vabbe’, il senso di nausea non te lo levi mai, quello rimane. Ci sta Saverio che vomita per terra al secondo schioppo, tant’e’ che Russel s’incazza a tal punto che lo sbatte fuori. Ma oltre al senso di nausea quel tipo di merda li’, ti fa sentire proprio una… una merda. Ecco. Il risultato e’ che ci mettiamo tutti nudi sul materasso e Russel ci scopa tutti e tre, a turno: a me, alla tossica-arma-biologica-ambulante e al Giuda per ultimo.

A: Ottimo. Ed e’ cosi’ che hai preso il vizio?

B: No, nemmeno cosi’. Dopo due anni di vitaccia a Londra sono tornata a Roma, e mi sono iscritta all’universita’.

A: Lasciami indovinare: Scienze della Comunicazione?`

B: Esatto. Ho dato otto esami in quattro anni. Il mio preferito e’ stato teoria e tecnica della comunicazione di massa. Mi sono incagliata su Statistica. Mai capito che cazzo e’ una Gaussiana. Comunque, all’universita’ ci facevamo un sacco di canne, tutto il giorno, tutti i giorni, e il Venerdi’ partivamo per andare alle discoteche del Nord. Il Peter Pan, il FitzCarraldo, il Red Zone… Il mio fidanzatino di allora, Lallo, figlio di un macellaio di Palestrina, ci portava tutti nella sua Golf GTI assieme ad un carico di 500-1000 pasticche che piazzavamo poi con ricarichi pazzeschi.

A: Ma scusa, un fidanzato onesto mai?

B: Mah, non e’ che lo facessi proprio apposta, sembra che io abbia una specie di calamita per questi tipi loschi, traffichini.

A: Senza dimenticare i bagnini.

B: Gia’… Comunque tiravamo avanti fino all’After Hours della Domenica mattina, al 99, e partivano sempre 10, 15, 20 pasticche a testa. Irrita il sistema nervoso a lungo andare… Per rilassarci Lallo tirava fuori questa merda stagionata, di solito andavamo in spiaggia a Cattolica, e finivamo con l’addormentarci sotto il sole. Di tanto in tanto qualcuno si svegliava e si preoccupava di girare gli altri, per essere certo che tutti ci abbronzzassimo in maniera uniforme. La sera tornavamo piano piano e il lunedi’ di nuovo in forma.

A: Quanto e’ durata questa vita?

B: Quattro anni. Poi i miei si sono stufati di pagarmi le rette e mi hanno detto o mangi ‘sta minestra o salti dalla finestra.

A: E tu?

B: Beh io ci ho provato a saltare dalla finestra, sono andata a stare da una collega dell’Universita’, una brava ragazza di Catanzaro. Maria Carmela. Religiosissima, aveva la media del trenta e non si era mai fatta una canna in vita sua. Mi sono trovata un posto in un call center e ho smesso con tutta quella merda.

A: Quanto hai resistito?

B: Quattro giorni. Poi sono tornata dai miei, che mi hanno pagato un corso in grafica ed impaginazione di sei mesi. E sono finita qui…

A: Quant’e’ che lavori qui al Messaggero?

B: Otto anni.

A: E alla merda, alla merda ci pensi ancora?

B: Tutti i giorni. Anche adesso. Anche dopo che te ne sarai andato. E’ una voglia che non ti togli mai.

10 conseguenze – non tutte necessariamente negative- dello status di “obeso americano”

in cibo by

 

1. Evacuazione intestinale pestilenziale. Cioe’, non e’ che l’evacuazione sia di per se’ un evento dal piacevole afrore di rosa e acacia. La Merda Americana pero’ –vale a dire il prodotto di scarto di un’alimentazione fatta di uova strapazzate e pancetta fritta, pancake con sciroppo d’acero, crocchette di pollo , Ketchup piccante, salsa barbecue, T-bone steack grigliata su carbonella, cheeseburger con bacon e cheddar, frappe’ panna banana e cioccolato, Marshmallow (Marshmallow arrostiti sul fuoco!!!), gamberi fritti, aragosta del Maine al burro, pure’ all’aglio, carne rossa tutti i giorni, costolette di maiale, niente frutta fresca, coca cola alla vaniglia come base per l’idratazione giornaliera, irragionevoli e spropositate quantita’ di ghiaccio, pop-corn al caramello, anelli di cipolla fritti, patatine al formaggio, tacos, burritos, pizza pepperoni (col salame!), ciambelle con glassa al cioccolato, fagioli piccanti in scatola e tacchino ripieno nei giorni di festa- ecco, quella roba li’, puzza di piu’.  Puzza peggio.

SUmoBambino

Paragonare la Merda Americana aI prodotto del catabolsimo di un lottatore di Sumo giapponese , e’ come paragonare l’odore di un centro commerciale Texano con il  profumo di alberi di ciliegio in fiore di un giardino Zen.

2. Motorette elettriche per coprire lunghe distanze a piedi. L’obeso americano le utilizza per  non affaticarsi nello spostarsi all’interno di Disneyland, dei casino’ di Las Vegas o anche solo nel vialetto di casa per raccogliere il giornale, al pari di un portatore di una qualche rara disabilita’ genetica.

3. Viaggiare in business class: quei culoni flaccidi fanno fatica ad incastrarsi tra gli stretti pertugi dell’economy, costringendo la compagnia a frettolosi upgrading del ciccione di turno.

Aereo Ciccione

4. Sovraccarico dei condotti fognari. Tra coccodrilli ciechi di sei metri,  buttati nel cesso da piccoli, pantegane radioattive a tre teste e la materia fecale degli obesi- del cui afrore si e’ detto al punto 1- il sistema fognario americano sta diventando un postaccio

5. La tuta come unico indumento: come con l’armadio di Einstein e di Dylan Dog, non si perde tempo a decidere cosa indossare.  L’unico dubbio sono i colori: tute di ciniglia pastello, tute nere acetate, tute di felpa grigie, rosa shocking o giallo ocra.

6. Piu’ superficie corporea per tatuarsi. E piu’ spazio per l’ego, ipertrofico come gli adipociti:  gli epigoni di Norman Bombardini si mangeranno l’universo e ai vegetariani invidiosi non rimarranno che foglie di rucola.

7. Termoregolazione autonoma: caldo d’inverno, caldissimo d’estate. Il rivestimento adipocitario rende l’obeso adiabatico con l’ambiente esterno, coibentato verso le rigidita’ climatiche, isolato dalle asprezze invernali.

8. Tutta l’attenzione delle aziende farmaceutiche. Dopo i fumatori, e insieme ai vecchi, l’obesita’ e’ la manna dal cielo per i produttori di statine, antipertensivi, farmaci per il diabete, l’artrosi, la sindrome metabolica e la coagulazione del sangue.

Tre panze

 

9. La scena piu’ comica  nella storia del cinema (inglese, by the way).

10. E poi, la conseguenza delle conseguenze: il centro dell’attenzione. Lo sguardo riprovevole dei magri, il disappunto indignato dei genitori salutisti, l’orrore negli occhi dei vegetariani oltranzisti. Al grande obeso si riserva lo stesso trattamento sociale destinato a Marilyn e Charlie Manson; al pari di una rockstar maledetta o di un serial killer leggendario, l’omino della michelin in carne (soprattutto) e (poche) ossa e’ oggetto di dibattito, mela della discordia, pietra dello scandalo.

Omino della michelin

 
A fronte di tante conseguenze, un’unica causa: mangiare. Mangiare tutto quello si vuole, e anche di piu’.

 

RagazzaCicciona

Gli stupidi consigli finanziari de Il Giornale

in economia by

Mi piace leggere IlGiornale.it perché mi dà delle emozioni che altri giornali non sono in grado di suscitare. Si tratta di sensazioni specifiche, una sorta di thrills vicini a quelli che si prova guardando un film di spionaggio o di complotto politico o fantascientifico, soprattutto quando verso la fine il protagonista tira le somme e in trenta secondi spiega un intrigo complicatissimo, cosa che nella vita reale toccherebbe ad una commissione parlamentare e a un memorandum di almeno cinquecento pagine. E tu sei lì che percepisci che nella spiegazione frettolosa, tra proiettili vaganti o e fili rossi da tagliare, ci sono buchi logici abnormi, conclusioni basate sul nulla, rapporti causa-effetto surreali. Spesso la cosa bella è che, personalmente, sul momento mi sento anche un po’ in colpa, mi dico che se non ho capito alcuni punti della spiegazione è colpa mia che non ci arrivo.

Ecco, io provo identiche emozioni leggendo IlGiornale.it. Questa settimana per esempio è saltato fuori un documento “segreto” secondo il quale l’UE – o la Commissione Europea, o forse la BCE, boh tanto sono tutti uguali – vorrebbe togliere la soglia minima dei 100mila euro per i depositi su cui effettuare prelievi forzosi in caso di tracollo bancario (ah, le virgolette sulla parola “segreto” ce le mette lo stesso quotidiano, e non capisco quindi se siano sarcastici, se facciano dell’autoironia, o se sia la citazione di qualcuno). Sapere che a difendere i correntisti ci sia il leghista Buonanno (quello che esponeva finocchi in Parlamento, per dirne una) dà alla storia un primo tocco di surreale e fantascientifico, ma è agli ultimi paragrafi dell’articolo che si toccano vette altissime. Il giornalista, citando Claudio Borghi, conclude con ferrea logica che il prelievo forzoso sia una delle diverse trappole studiate dalla Germania “per rientrare dalla loro esposizione creditoria nei nostri confronti e incenerire la nostra industria”.

 

La redazione di Libero e Il Giornale intenta a scrivere articoli di economia. F2 per "salasso fiscale", F3 per "L'Euro che stritola", F4 per "la culona"
La redazione di Libero e Il Giornale intenta a scrivere articoli di economia. F2 per “salasso fiscale”, F3 per “L’Euro che stritola”, F4 per “la culona”

Vi prego, mandate subito Gian Maria De Francesco, colui che ha scritto queste righe, a Hollywood affinché incontri Nolan e scrivano assieme un meraviglioso sequel di Interstellar. Ma non dimenticate Ivan Francese e un anonimo redattore di Liberoquotidiano.it, che in un articolo correlato ci spiegano le 4 mosse fondamentali per tutelarsi dal prelievo forzoso. Ora, prima che ve le elenchi, dobbiamo definire ciò di cui si sta parlando. Trattasi di prelievo forzoso quando un’istituzione governativa preleva dai conti correnti determinate somme di denaro per sopperire ad una crisi bancaria o a specifiche necessità fiscali. L’ultima volta che ne abbiamo sentito parlare per esempio è stato quando a Cipro una percentuale dei soldi di correntisti (con più di 100mila euro a credito) è stata tramutata in azioni della banca che soffriva di una pesantissima sottocapitalizzazione, per giunta in una situazione di corsa agli sportelli. Bene, ciò che Libero e Il Giornale suggeriscono per evitare che lo Stato o le banche centrali saccheggino i nostri risparmi è:

  1. “Fate attenzione agli hedge funds, che sono difficili da maneggiare se non siete esperti”.
  2. “Attenzione a titoli di Stato e obbligazioni dell’Eurozona, che possono essere soggette a ristrutturazioni del debito”
  3. “Pensateci bene a sottoscrivere polizze vita se i soldi vengono depositati in banche dell’Eurozona”
  4. “Come per il punto 3, investite in fondi che depositano i soldi fuori dall’Eurozona.”

Leggendoli sono rimasto un po’ perplito, io che pensavo che per evitare un prelievo forzoso bastasse semplicemente non avere soldi in banca (con tutti i problemi che ne conseguono, ovviamente). Mi sbaglierò io, ma mi pare che nessuno di questi punti abbia nulla a che vedere con il punto in questione, ma anzi siano consigli massimalisti e del tutto insensati, come se ad uno con un braccio fratturato il dottore consigliasse: “Si copra quando esce e cerchi di non sudare.”. Gli hedge funds, signori: GLI HEDGE FUNDS! Attenzione a come li maneggiate perché un mio amico una volta ci ha perso due dita! Santo Dio, ma su Libero hanno idea di quanto sia il capitale minimo richiesto per investire in un hedge fund (risposta: 500 mila euro)? E cosa c’entrano i titoli di Stato e le obbligazioni in euro?

Ma no dai, mi sbaglio io.

Forse la trama di Interstellar ha un senso.

 

 

some men
Una foto dell’autore quando legge Il Giornale
Go to Top