un blog canaglia

Tag archive

David Foster Wallace

Brevi interviste con uomini schifosi- La persona sieropositiva

in cinema/giornalismo by

Cosa vuol dire essere una Megastar positiva all’HIV? L’abbiamo chiesto ad un diretto interessato.

Keep Reading

Brevi interviste con donne schifose – La Mangiamerda

in cultura/società by

A:

Allora, da dove cominciamo? Vuoi dirmi come hai iniziato?

 

 

B: Ma così, per provare. Come tutti… Ero in vacanza con un gruppo di amici, al mare e…

A: Al mare dove? In Italia?

B: Sì, sulla riviera adriatica. A Tortoreto Lido. Eravamo in spiaggia, la sera di Ferragosto, e avevamo bevuto un bel po’. Vino, birra e soprattutto Gin, mischiato con la Lemon Soda.

A: Una classica indianata di Ferragosto, quindi.

B: Sì, sai quelle schifezze che fai da ragazzina, che bevi fino a vomitare l’anima. Che a quindici anni é un’ottima occasione per perdere la verginità.

A: Giá.

B: Sì, mi ricordo che c’era questo tipo di cui eravamo tutte innamorate. Faceva il bagnino all rotonda. Un buzzurro quarantenne con il cerchietto per i capelli e la canottiera anche di sera.

A:Ma non mi dire

B: Sí un tipo che oggi non userei per niente piú che farmi chiudere l’ombrellone. Uno che se gli chiedi l’ora ti dice “Le sedde e drendadrè”. A quei tempi mi sembrava irresistibile.

A: Rimaniamo sul tema. La tua prima volta.

B: Insomma siamo in spiaggia e io sono proprio cotta. Cotta al punto che una squadra di Bagnini abruzzesi potrebbe sodomizzarmi in sequenza e io non batterei ciglia.

A: Hai la fissa coi Bagnini.

B: Bagnini abruzzesi. Comunque, a un certo punto, io me ne sto lí a fantasticare su Gaetano (il bagnino abruzzese, ndr) che non mi accorgo che sta girando questa cosa, scura e fumante. Ad un certo punto, me la passano e io, senza pensarci, me la ficco in bocca.

A: E com’era?

B: Mah, te l’ho detto ero talmente cotta che un palo nel culo mi avrebbe fatto il solletico, peró il senso di nausea che ti lascia la prima volta, ecco, quello te lo porti dietro per sempre.

A: E poi, hai preso il vizio?

B: Ma figurati, sono passati anni e molti bagnini prima che pensassi di ripetere quell’esperienza. La seconda volta mi é successa a Londra, a 19 anni. Dopo la maturità ero andata per fare qualche mese lí, a studiare l’inglese, a cercare qualche lavoretto, a fare esperienza. Ai miei avevo detto che prima di iscrivermi all’università volevo vedere un po’ di mondo, per capire bene cosa avrei fatto da grande.

A: Se ne dicono di stronzate a quell’età.

B: Ah certo, e pure dopo. Comunque tempo una settimana e a Londra mi ero accombricolata con un gruppo di ragazzi di Roma. All’epoca a Londra c’era mezza Roma Nord. Io mi ero pseudo- fidanzata con un certo Saverio, uno stronzetto figlio di un notaio che giocava a fare lo squatter. Di solito, dopo quattro giorni passati a calarsi di exctasy e fumare gangia, accoppiandosi con le piú scellerate e tossiche e portatrici di malattie veneree tra le punkabestia, ecco, tornava all’appartamento di famiglia, un’attico con tripla esposizione dalle parti di Buckingham Palace.

A: Carino. Siete rimasti in contatto?

B: Dopo Londra non l’ho piú visto. Da amici comuni so che si é sposato e ha tre bambini. Abita al Fleming, e lavora nello studio da Notaio del padre. Ma ancora adesso, ogni volta che ho un prurito o una perdita bianca-gialla-verde non posso fare a meno di pensare a lui e alla sua gonorrea.

A: Delizioso, sta andando meglio di quanto sperassi. Insomma, sei a Londra, a metá degli anni novanta. Squatter pariolini bazzicano le crackhouse con la stessa disinvoltura con cui prendono lo Spritz a Ponte Milvio. E tu sei lì, e non impari una parola di inglese. Cosa succede?

B: Insomma, una sera, ci siamo calati gesú Cristo. Anzi é una settimana che andiamo avanti a Snow Ball, che un amico di Saverio (il figlio del notaio, ndr) ha detto che sono speciali, che ” c’è morta la gente” e insomma, stiamo in questa casa occupata, una Cosa che al confronto  l’appartamento di Trainspotting, quello dove vanno a farsi, é… la Cappella Sistina. per dire,  c’é ‘sta tipa che c’ha i capelli-capelli verde marcio eh- che le stanno crescendo a vista d’occhio…Fuma Crack da una pipetta di vetro e  si guarda le mani e grida  che le sono cresciute le dita e le unghie. Insomma, un bell’ambientino.

A: E quindi?

B: Quello che si atteggia a proprietario della casa, vale a dire il primo della combriccola che ha piazzato il suo culo rancido in quella topaia, uno Scozzese tutto ciccia e tatuaggi, bianco come un attore di True Blood, Russel mi pare si chiamasse, dice che é ora che ci diamo tutti una calmata e che ce l’ha lui una cosa che ti stende. Andiamo nella camera da letto di Russel -un buco di merda con il materasso poggiato in terra e  una lampadina al neon che penzola dal soffitto- in quattro: io, Saverio e il suo amico, il Giuda, figlio dell’assessore alla cultura e c’e’ pure una squatter, una  vera, quella sì, una secca malefica che tirava  la Ketamina con la disinvoltura di un poppante attaccato alla tetta della madre. Ci sono pile di giornali porno dappertutto, usati come comodino, come poggiapiedi, come appendiabiti…
A: Un tipo distinto, questo Russel.

B: Sì, uno schifoso in piena regola. Pensa che vicino al materasso c’é uno di quei cosi che si usano in ospedale per i pazienti allettati, quelli che non possono alzarsi per pisciare. Un fagiano.

A: Un pappagallo, forse.

B: Che fai, birdwatching? Comunque, Russel il pappagallo lo usa quando non gli va di andare a pisciare nel cesso comune… Comprensibile peraltro, visto che a confronto di quella latrina la fogna di Bombay é Sephora sugli Champs Elyseé

A: Capisco. Anche se pure i francesi, con questa storia del profumo non é che poi si lavino cosí tanto.

B: Ma infatti, pensa che c’avevo questo fidanzatino di Parigi, Michel, tanto carino e ben vestito, sempre con la camicetta azzurra abbinata con gli occhi cerulei, i calzini puliti e i jeans Le Copain e poi quando si spogliava, c’aveva sempre le mutande gialle.

A: Come le mutande gialle?

B: Ma sì, sgommate. Hai capito? Si puliva il culo sommariamente, e considerava il bidé una cosa da selvaggi.

A: Mon dieu! Atteniamoci al racconto però: siete nella camera da letto di Russel e…?

B: E niente, lui tira fuori da una scatola per scarpe poggiata vicino al pappagallo questa cosa qui, che dice che e’ “cucinata”… Infatti e’ croccante, quando la usi fa crack ed e’ tutta un’altra cosa rispetto a quella merda che avevo assaggiato a Tortoreto, la notte di Ferragosto

A: E gli effetti? Dimmi di piu’?

B: Beh vabbe’, il senso di nausea non te lo levi mai, quello rimane. Ci sta Saverio che vomita per terra al secondo schioppo, tant’e’ che Russel s’incazza a tal punto che lo sbatte fuori. Ma oltre al senso di nausea quel tipo di merda li’, ti fa sentire proprio una… una merda. Ecco. Il risultato e’ che ci mettiamo tutti nudi sul materasso e Russel ci scopa tutti e tre, a turno: a me, alla tossica-arma-biologica-ambulante e al Giuda per ultimo.

A: Ottimo. Ed e’ cosi’ che hai preso il vizio?

B: No, nemmeno cosi’. Dopo due anni di vitaccia a Londra sono tornata a Roma, e mi sono iscritta all’universita’.

A: Lasciami indovinare: Scienze della Comunicazione?`

B: Esatto. Ho dato otto esami in quattro anni. Il mio preferito e’ stato teoria e tecnica della comunicazione di massa. Mi sono incagliata su Statistica. Mai capito che cazzo e’ una Gaussiana. Comunque, all’universita’ ci facevamo un sacco di canne, tutto il giorno, tutti i giorni, e il Venerdi’ partivamo per andare alle discoteche del Nord. Il Peter Pan, il FitzCarraldo, il Red Zone… Il mio fidanzatino di allora, Lallo, figlio di un macellaio di Palestrina, ci portava tutti nella sua Golf GTI assieme ad un carico di 500-1000 pasticche che piazzavamo poi con ricarichi pazzeschi.

A: Ma scusa, un fidanzato onesto mai?

B: Mah, non e’ che lo facessi proprio apposta, sembra che io abbia una specie di calamita per questi tipi loschi, traffichini.

A: Senza dimenticare i bagnini.

B: Gia’… Comunque tiravamo avanti fino all’After Hours della Domenica mattina, al 99, e partivano sempre 10, 15, 20 pasticche a testa. Irrita il sistema nervoso a lungo andare… Per rilassarci Lallo tirava fuori questa merda stagionata, di solito andavamo in spiaggia a Cattolica, e finivamo con l’addormentarci sotto il sole. Di tanto in tanto qualcuno si svegliava e si preoccupava di girare gli altri, per essere certo che tutti ci abbronzzassimo in maniera uniforme. La sera tornavamo piano piano e il lunedi’ di nuovo in forma.

A: Quanto e’ durata questa vita?

B: Quattro anni. Poi i miei si sono stufati di pagarmi le rette e mi hanno detto o mangi ‘sta minestra o salti dalla finestra.

A: E tu?

B: Beh io ci ho provato a saltare dalla finestra, sono andata a stare da una collega dell’Universita’, una brava ragazza di Catanzaro. Maria Carmela. Religiosissima, aveva la media del trenta e non si era mai fatta una canna in vita sua. Mi sono trovata un posto in un call center e ho smesso con tutta quella merda.

A: Quanto hai resistito?

B: Quattro giorni. Poi sono tornata dai miei, che mi hanno pagato un corso in grafica ed impaginazione di sei mesi. E sono finita qui…

A: Quant’e’ che lavori qui al Messaggero?

B: Otto anni.

A: E alla merda, alla merda ci pensi ancora?

B: Tutti i giorni. Anche adesso. Anche dopo che te ne sarai andato. E’ una voglia che non ti togli mai.

considera l’uomo

in cibo by

Subito prima di entrare nel capannone al centro dell’area della “Sagra della Carne Umana”, ci lasciamo tentare da un chioschetto di due metri per due che vende arrosticini di pastore sardo e crostini di pane spalmati con  pate’ di fegato di cirrotico. Prendiamo quaranta arrosticini che la titolare del chioschetto, una simpatica cicala di mare con forte accento siciliano, ci consegna in due cartocci separati. Abbiamo fame e la fila per entrare al “Grand Buffet” del capannone non promette niente di buono. Davanti a noi, un gruppo di astici della Costa Brava  sta facendo casino per forzare la fila. Dietro ai cordoni di velluto, un altero e sdegnato astice blu inarca il carapace con l’esperienza tipica di chi ha fatto “dell’inarcare il carapace” un gesto professionale.
Si narra che all’interno del “Grand Buffet” vengano servite prelibatezze assolute. Gia’ dalla nostra posizione, la fine di una fila di aragoste disordinatamente ammassate le une sulle altre, arriva un forte, pungente odore di carne umana grigliata. Armati di santa pazienza, mangiamo arrosticini e studiamo la moltitudine crostacica.
Finalmente riusciamo a entrare e subito ci piglia l’indecisione. Ci sono stand ogni due metri e ognuno di essi propone qualcosa che dobbiamo assaggiare a tutti i costi. Io mi faccio un vassoio con spaghetti con polpette di bolognese, tacos di bambino obeso messicano e una nunnata di aborti spontanei saltata in padella. Rita si fa una porzione di ascelle fritte con salsa al curry, una lombata di bambino obeso americano con pure’ all’aglio e una gligliata di costolette di caucasico.
Troviamo posto ad una tavolata parzialmente occupata da un gruppo di aragoste del Maine, tutte piuttosto alticce. Hanno davanti a se’ porzioni enormi di glutei di obeso americano adulto scaloppati al burro e limone, tutto intorno resti di bicchieri di vino in cartone, piatti usati e vassoi impilati uno sopra all’altro. Dalla distanza a cui ci troviamo, posso sentire l’odore dei loro succhi gastrici.
Al terzo boccone di gluteo di bambino obeso americano, Rita ha un moto di ribellione. Mi dice che finche’ e’ carne di maschio adulto o di bambino americano, purche’ obeso, lei ci sta, ma vedermi mangiare la nunnata di aborti spontanei le da il voltastomaco. Io dico che non caso si chiamano “aborti spontanei”, proprio perche’ avvengono spontanemente. E che se non ce li mangiassimo noi- e se non fossero cosi’ deliziosi- andrebbero semplicemente giu’ per lo scarico del cesso. Lei dice che non ci crede a questa storia degli aborti spontanei, che dietro c’e’ un giro di soldi tale, e una richiesta tale, che gli aborti spontanei non basterebbero per rispondere a tutta la domanda. E’ sicura che la maggior parte degli aborti siano indotti e che insomma e’ una cosa schifosa. Io provo a dirle che tutto sommato, che sara’ mai, pure che fosse, sono essere umani mica aragoste, lo sanno tutti che non provano dolore da adulti, figurati da feti.  Ma lei niente, e’ incagliata, dice che c’ha un’amica che lavora per una multinazionale specializzata in prodotti di origine umana e pare che le donne incinte stiano in batterie pressate e senza la possibilita’ di muoversi e che le farine che danno loro da mangiare siano piene di ossitocina e altre schifezze chimiche e gli aborti spontanei li raccolgono insieme alla merda e che la vera nunnata e’ solo quella delle donne allevate a terra, biologiche, ma figurati se qui alla “Sagra della Carne Umana” ti danno quella.
“La merda ti mangi.” Mi dice schifata, con quella sua espressione da aragosta ferita nell’orgoglio.
Non voglio litigare quindi mi taccio, altrimenti le farei notare che il pate’ di fegato se lo e’ gustato alla grande e lo sanno tutti che agli umani destinati alla produzione di pate’ la cirrosi gli viene indotta costringendoli a bere enormi quantita’ di grappa, manco barricata. E che pure sui glutei di bambino obeso americano che sta spappolando con le sue nobili chele di aragosta del mediterraneo ci sarebbe molto da dire. Ma lo sa cosa gli fanno mangiare, a quelli, per farli diventare cosi’ ciccioni? Roba di pancetta fritta, hamburger e ketchup, una merda a base di pomodoro, zucchero e aceto.
Ci alziamo e caracolliamo un po’ appesantiti verso il fondo del capannone, cosi’, per fare un giro. Passiamo accanto ad una tavolata di aragoste rosse che stanno facendo a gara di sibili, dopo che buttano giu’ grosse sorsate di una bevanda allo zenzero. Un chiosco interamente di legno propone tagliata di filetto di caucasico adulto su letto di rucola e pomodori pachino. Poi e’ la volta dei fritti:  Rita dice di avere un po’ di nausea, che l’odore della trippa di obeso americano in pastella proprio non lo regge. Minaccia persino di diventare vegetariana e di nutrirsi solo di alghe e rucola.
Usciamo fuori a prendere un po’ d’aria. L’astice blu ai cordoni di velluto ci saluta con una inarcata del carapace da manuale dell’inarcatore di carapace. Giriamo intorno al capannone, drenando la folla che vuole entrare nel capannnone del “Grand Buffet”. Sento due aragoste del Mediterrraneo sibilare qualcosa a proposito della possibilita’, nella prossima edizione, di aprire le porte alle aragostine. Se cosi’ fosse, a me, mi si possono scordare: una volta che le aragostine mettano le loro chele nei nostri piatti, chi potra’ fermare tutti gli altri, vale dire scampi, gobbetti e mazzancolle e soprattutto quegli zozzoni dei gamberoni rossi, che altro non fanno se non  andarsene in giro per le nostre citta’ con la loro camminata all’indietro e la merda attaccata dietro al carapace?
Dietro al capannone del “Grand Buffet” c’e’ un capanno piu’ piccolo, animato da un gran via vai di addetti ai lavori. Ci avviciniamo lentamente, con fare disinvolto. Ci sono aragoste in tuta da lavoro che trafficano con fare sbrigativo. E’ ovvio che siamo davanti al mattatoio.  Rita non fa in tempo ad attaccare con la sua solfa bio-minchio-sostenibile, che un carretto trainato da quaranta aragoste giganti dell’Atlantico ci taglia la strada. A gruppi di tre o quattro vengono scaricati umani semi-svenuti ma ancora presumibilmente vivi, ammassati gli uni sugli altri, nudi e con le zampe legate dietro la schiena. Ce ne sono alcuni con la pelle nera, destinati alla preparazione delle salsicce piccanti, c’e’ un bambino obeso americano con gli occhi chiusi che cammina sulle sue zampe, i glutei gia’ delimitati a pennarello per farne lombate. Alcuni esemplari femmina, sporchi di sangue e terra, ci passano davanti prima di venire inghiottiti dal mattatoio, da dove riusciamo a cogliere il suono di grida umane. Rita dice che quelle sono grida di dolore. Facciamo il giro largo e ci affacciamo al finestrone sul retro. Al centro della stanza c’e’ un enorme pentolone, pieno di acqua bollente. Pare che la prebollitura dell’essere umano, ne aiuti la conservazione, ne ammorbidisca le carni e ne faciliti il disossamento, prima di destinarne le carni alla griglia, alla padella o al forno che sia. Ed e’ piu’ igienico, che lo sanno tutti che gli umani portano un sacco di malattie. Gli umani vi vengono gettati da un trampolino mezzi addormantati ma inequivocabilmente vivi. Il contatto con l’acqua ha il potere di risvegliarli per quei pochi interminabili istanti che li separano dalla morte. Come gia’ detto, gridano.
“E’ un riflesso condizionato” faccio a Rita.
“No, e’ un grido di dolore”
“Ma gli umani non provano dolore. Hanno la pelle e l’assenza di peli signifca che non hanno terminazioni nervose” insisto, convinto. L’ho letto su Aquam, una rivista di divulgazione scientifica.
“E il grido allora?”
“E’ il suono dei polmoni che si svuotano. Si chiama pneumotorace del cazzo.”
“E se invece fossero grida di dolore? Sarebbe tanto assurdo farli secchi in maniera indolore prima di gettarli nella pentola di acqua bollente, magari con un colpo alla testa?”
“Ma sono cosi’ deliziosi, cotti vivi.”
“E ho capito, ma se uccisi un istante prima, non e’ che vanno in putrefazione istantanea.”
“Ma perche’ te la prendi tanto, scusa? In fin dei conti stiamo parlando di uomini…”
“Ecco. Appunto. Considera questo.”
“Considera cosa?”
“L’uomo, considera l’uomo”.

Go to Top