un blog canaglia

Stavolta no

in politica/società by

Adesso uno scemo come me si aspetterebbe che le gerarchie ecclesiastiche -e con loro una pletora infinita di deputati, senatori, sottosegretari, ministri e premier– si scatenassero contro la possibilità di rinunciare all’alimentazione artificiale gridando all’indisponibilità della vita, all’impossibilità di lasciar morire di fame un essere umano e -in estrema sintesi- all’omicidio.
Presumo, invece, che stavolta tutto questo non accadrà.
Ne prendo atto con sincera -dico davvero- soddisfazione, auspicando che a partire da questo episodio l’atteggiamento dei cattolici nei confronti dell’autodeterminazione degli individui e delle scelte di fine vita possa essere considerato radicalmente cambiato per sempre.
E avvertendo che qualora -come temo- ciò non dovesse succedere sarò qua a ricordarvelo ogni volta che potrò.

METILPARABEN E’ nato e cresciuto al Colle Oppio, ha studiato dai preti, è commercialista, tifoso della Lazio e radicale. La combinazione di queste drammatiche circostanze lo ha condotto a sviluppare una fastidiosa forma di nevrosi ossessivo-compulsiva caratterizzata da crisi di identità: crede di essere il blogger Metilparaben.

7 Comments

  1. Posso capire i vari distinguo che già sorgono tra la Englaro ed il cardinal Martini: la volontà della prima non era diretta ed inequivocabile (anche se). Va bene, concediamolo pure.

    Ma allora qualcuno mi può spiegare quale sia la differenza con Piergiorgio Welby, al quale hanno negato il funerale religioso perché «era nota, in quanto ripetutamente e pubblicamente affermata, la volontà del Dott. Welby di porre fine alla propria vita, ciò che contrasta con la dottrina cattolica (vedi il Catechismo della Chiesa Cattolica, nn. 2276-2283; 2324-2325)»?

  2. Ricordo Gasparri, Quagliarello, Firmigoni, Sacconi, il Fidanzato di Ruby, … insomma i conservatori del Partito dei Ladri al Governo di allora, hanno fatto vergognare l’intero paese e le sue istituzioni di fronte ad un padre di famiglia.
    P.S.: Mettiamoci anche Giovanardi, anche se in questo momento non ricordo se e come intervenne sulla cosa, ma qualche stupidaggine avrà detto comunque.

  3. La chiesa Cristiana è sempre stata, dai suoi albori ad oggi, un’istituzione che si è macchiata di colpe ed ingiustizie vergognose ed inqualificabili (inquisizione, arricchimenti sull’ignoranza della gente, preti pedofili, le ricchezze e le sontuosità del Vaticano con i poveri che muoiono di fame, ecc.). Non è mai stata ciò che avrebbe dovuto essere. Un carrozzone che andrebbe demolito, restituendo le ricchezze ai poveri, come insegnò Cristo, da cui questa chiesa è lontanissima.

  4. Ah l’Italia…il Bel Paese….dove tutti si preoccupano per te fin da quando nasci. Sembrano tutti premurosi…ti dicono come studiare, cosa studiare, cosa leggere, cosa vedere, chi sposare, come sposarti, dove sposarti, quando scopare, come scopare, quando concepire e come concepire, quanti concepirne, come ammalarti, come curarti e dove curarti e se proprio non c’è più nulla da fare come morire, quando morire e se morire. Questo è amore signori, con la differenza che nel momento proprio del bisogno o hai la grana oppure sei mollato in mezzo ad un strada senza nemmeno un prego.

    In tutto sulla base di un racconto fantasy un pò più articolato del signore degli anelli.
    Come si dice? Se ho un amico immaginario mi dicono che sono pazzo, se lo stesso amico ce l’hanno qualche milione di persone allora è una Religione.

    Saluti dalla cattolicissima e civilissima Italia.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from politica

La festa spenta

Oggi è il 25 aprile. Come sempre, ci sono manifestazioni e cortei
Go to Top