un blog canaglia

Silenzio

in politica by

Qualcuno lo ha puntualmente rilevato, ma solo qualcuno. Eppure Berlusconi surclassato in un giorno da titoloni è notizia che merita qualche parola. Il fatto stesso che tutti si domandino se abbia vinto Renzi o Grillo sta lì a dire che di certo ha perso il Cavaliere. Non che ci si aspettasse molto: ci ha cresciuto a generose porzioni di smentite e contraddizioni, ma ci ha anche abituato a lunghi e ostinati silenzi. Diverso è il caso di oggi, che ha parlato e nessuno lo ha preso in minima considerazione. Stima Renzi, ne aprezza le idee e gli mette a disposizione i voti per le riforme (cioè per l’unica cosa che Renzi ha annunciato di voler fare), però non gli vota la fiducia “per responsabilità”. Ecco, con una posizione del genere è davvero difficile far titolo, al punto che si può immaginare che sia esattamente quello che vuole. Perché? Forse perché crede sia questa la colonna sonora ideale per il lento e inesorabile logoramento di Renzi. Così ecco la parola d’ordine che non si può pronunciare, perché – come in quel film – se solo fai il suo nome, non c’è più. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from politica

La festa spenta

Oggi è il 25 aprile. Come sempre, ci sono manifestazioni e cortei
Go to Top