un blog canaglia

PD: le immagini sono importanti

in politica by

Ero curioso (ognuno ha le sue depravazioni) di ascoltare l”intervento di Civati all”Assemblea PD di sabato. Sono andato sul suo sito e l”ho trovato.

Devo dire che ho fatto fatica ad ascoltarlo: non per quello che diceva: l”ho risentito e mi trovo d”accordo praticamente su tutto. Ma sono rimasto interdetto da quello che chiamerei “presentazione”.

In una sala dalle pareti grigie e rosse che già negli anni “80 avrebbe fatto calare il latte alle ginocchia, il palco dell”assemblea si stagliava su un fondo verde-oliva-ammuffita che avrebbe fatto venire la tristezza persino a Breznev, illuminato da luci al neon da ospedale.

Ora, non dico che uno debba mettere gli sfondi azzurro-cielo e le calze sulla telecamera, però andiamo: possibile che non viene in mente a nessuno che quell”accozzaglia di colori orrendi e luci  dia da sola l”immagine di un partito sbiadito, vecchio, noioso fino alla morte?

Non credo ci voglia un premio Nobel della comunicazione per capire che si trattava di un disastro in termini di immagine. Potrà sembrare un”osservazione superficiale o berlusconiana, non è così: capisco bene che sia più importante il contenuto del contenitore e tutto il resto.

Ma se fai venire la tristezza a chi vorrebbe ascoltarti prima ancora che inizi a parlare, potrai fare il miglior discorso del mondo ma nessuno lo noterà. Santè.

(SINDACATO PAGANO) Nato in terre calde e prospere di disoccupazione si trasferisce giovinetto al Norte dove adesso lavora, rigorosamente a fini di lucro. Attende con speranza che Grillo faccia approvare il reddito di cittadinanza così da poter finalmente vivere come un rentier. Ha scelto il nome da usare nel blog guardando tra le bottiglie di alcolici di un amico rivoluzionario.

1 Comment

  1. Una roba brutta, davvero. Ma sai, mica il PD deve fare come Berlusconi (o Renzi) per ottenere voti. Le persone votano i programmi, mica le facce!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from politica

La festa spenta

Oggi è il 25 aprile. Come sempre, ci sono manifestazioni e cortei
Go to Top