Mr. Lerner, tear down that wall!

in giornalismo by

Il “muro”, caro Gad, e’ il tuo blog.

Da poche altre parti, nella rete, si leggono cose superficiali, diffamatorie, denigratorie, da sconfitto rancoroso, come la’ sopra. Ok, il blog di Grillo.

Cosa scrive uno dei tuoi collaboratori, che non verra’ mai smentito?

“Sui social network circola questa foto con un’immagine della primo ministro britannica Margaret Thatcher, scomparsa nell’aprile di quest’anno, che dice “Niente sanzioni, Mandela è un terrorista”.

La foto sintetizza perfettamente le posizioni del Regno Unito e degli Stati Uniti dell’epoca, che negli anni ottanta erano i difensori del regime razzista dell’apartheid del Sudafrica”

No, tanta cialtroneria e’ rara. I giornali inglesi, alla morte di Maggie, hanno sentito il dovere di pubblicare intere paginate di debunking sulla merda che gente come i tuoi collaboratori hanno iniziato a riversare sulla rete. Scrive l’Independent:

“We have searched the record and spoken to one of her most recent biographers and can find no such comment. She did say, in answer to a question at a press conference at the 1987 Commonwealth Summit in Vancouver on reports that the ANC said they would target British firms: “This shows what a typical terrorist organisation it is.” Also, she did not, as frequently maintained, say: “Anyone who thinks the ANC is going to run the government in South Africa is living in cloud-cuckoo land.” This is a misquoting of her spokesman, Bernard Ingham, who, when asked if the ANC might overthrow the white South African regime by force, replied: “It is cloud-cuckoo land for anyone to believe that could be done.” There are plentiful records of Thatcher condemning apartheid; as far back as 1961 she was proposing a bill of rights for newly independent Commonwealth countries; and her government’s efforts in lobbying for Mandela’s release were crucial.”

Neanche i giornali di sinistra (inglesi) si azzardano a raccontare la storia nel modo ridicolo in cui la stampa stalinista, diffamatoria e violenta, disinforma e insulta l’intelligenza dei lettori in questo Paese disgraziato: si veda il Guardian, qui.

Ora, io non so piu’ che dire. Ho perso la pazienza con questa gente. Ma come si fa?

1452542_10202071909472360_1508153129_n

 

 

P.S. prevengo i prossimi commenti dei soliti fenomeni, visto che gia’ sono comparsi:

1. Maggie si opponeva a sanzioni economiche. Questo le fa onore. Le sanzioni economiche si abbattono sugli strati piu’ svantaggiati della popolazione di cui si vuole colpire il governo, e ne rafforzano la dipendenza dallo stesso. In breve, rafforzano le dittature. Che poi e’ l’argomento che molti di voi gia’ usano (correttamente) contro l’embargo cubano. Il libero mercato e la diplomazia funzionano meglio delle guerre e delle sanzioni, non l’abbiamo gia’ detto quando le vittime erano Saddam, Castro, finanche Milosevic (quando era sbagliato) ?

2. L’African National Congress ERA una organizzazione (a) comunista di stampo stalinista e (b) violenta. L’ANC uccideva la gente. Progettava e metteva in atto attentati in cui perdevano la vita decine di innocenti. Sabotava imprese locali e stranieri. Dire che l’ANC era un’organizzazione terrorista era dire la verita’. Poi la legittimita’ della resistenza anche armata a un regime oppressivo e’ un argomento separato. Ma tecnicamente, nel discorso della Thatcher, non c’era niente di inappropriato ne’ di falso. L’ANC si comportava in Sudafrica come l’ANP in Palestina. Si puo’ supportare la loro causa senza occultare la verita’, ossia che Arafat e Mandela non erano esattamente due non violenti. Ghandi e Mandela non sono iscritti allo stesso club.

(TACO'S LETTERS) Conosciuto anche come “Mazzò”, è un famoso polemista pop italiano. Ospite abituale in numerosi show televisivi, figura di rilievo nella polemica pop italiana dalla metà degli anni ’60 alla metà degli anni ’70, è conosciuto per l’estensione vocale (tre ottave) dei suoi insulti, come per l’agilità dialettica nell’enumerarli. Ritiratosi dalle scene live nel 1978, continua a rilasciare post di grande successo.

5 Comments

  1. Sarà ilmio Inglese, ma non capisco la sottile differenza tra dire ch la ANC è una tipica organizzazione terrorista e dire che Mandela è un terrorista.

    • Possiamo anche far finta di non capire, ma l’articolo di Lerner è merda diffamatoria. La spiegazione è abbastanza sottile per dar spazio a commenti come il tuo, ma la Thacher aveva ben presente l’enorme differenza tra la causa portata avanti da ANC e Mandela e i mezzi con cui veniva portrata avanti. Quella foto, quel commento sul blog di lerner è sporcizia intellettuale.

      • Parliamo di cose non dette? Io non mi scandalizzo delle lotte armate, e trovo addirittura corretta la posizione del tempo della T.
        Poco lungimirante rispetto agli esiti e imbarazzante per una beatificazione che si vorrebbe piena e veloce.

  2. Lerner scrive che la Tatcher non voleva le sanzioni poichè riteneva che l’ANC fosse un organizzazione terrorista. Ne concludi che Lerner sia un denigratore, diffamatore eccetera, perchè in realtà, proprio come descrivi alla fine del post, la Tatcher non voleva le sanzioni e riteneva che l’ANC fosse un organizzazione terrorista.
    Sei un fenomeno!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*