un blog canaglia

Ivan, il terribile se conviene

in politica by

Vediamo se ho capito: il presidente del consiglio Matteo Renzi, in tempi non sospetti, si pronuncia esplicitamente contro il matrimonio tra persone dello stesso sesso, precisando di voler introdurre delle unioni civili ad hoc sulla falsariga delle civil partnership tedesche.
Il che, detto che la cosa sarebbe comunque un bel passo avanti, ha un significato ben preciso: Renzi ci tiene a sottolineare, sul piano del principio, che il matrimonio è un istituto riservato alle coppie eterosessuali; tant’è che per le unioni gay che intende introdurre parla espressamente di “compromesso“, con ciò sottolineando una differenza che secondo lui, evidentemente, deve essere e restare ben chiara per tutti.
Ebbene, a quanto mi consta nel governo Renzi Ivan Scalfarotto fa il sottosegretario, mica l’usciere: e non mi risulta, a meno che non mi sia sfuggito qualcosa di clamoroso, che abbia mai trovato nulla da dire sul distinguo chiaramente operato dal suo leder.
Senonché, a un certo punto succede che il distinguo lo fa Alfano, affermando che “in Italia non è possibile che ci si sposi tra persone dello stesso sesso”: cioè ribadendo lo stesso, identico principio sostenuto da Renzi. Allora, come d’incanto, Scalfarotto si sveglia: si tratta, nientepopodimeno, di “una retromarcia di retroguardia oscurantista”.
Ora, detto da un lato che Alfano non pare aver capito esattamente di cosa si sta parlando, e dall’altro che le civil partnership di Renzi non si sono ancora viste, un fatto mi pare piuttosto chiaro: sul significato della parola “matrimonio”, cioè sul principio che per sposarsi occorre essere un uomo e una donna, i due sembrano perfettamente d’accordo.
Qualcuno, se ha due minuti di tempo, mi faccia il piacere di spiegarlo anche a Scalfarotto.

METILPARABEN E’ nato e cresciuto al Colle Oppio, ha studiato dai preti, è commercialista, tifoso della Lazio e radicale. La combinazione di queste drammatiche circostanze lo ha condotto a sviluppare una fastidiosa forma di nevrosi ossessivo-compulsiva caratterizzata da crisi di identità: crede di essere il blogger Metilparaben.

8 Comments

  1. Non ci si comporta così, sia mai che Scalfarotto dovesse leggere quanto scrivi chi lo accompagnerà tutti i giorni dall’analista ? Come farà a convivere con quell’Ivan che giornalmente lo infastidisce ? Sarà a tutti gli effetti un sottosegretario a metà, e la colpa sarà tua.

  2. Ma Scalfarotto fa parte del PD. Mica può svegliarsi domani fuori del partito. Cosa più che probabile, se rompo le balle a Renzi. Tirare contro Alfano, invece, é come spararesulla Croce Rossa. Tutti deprecano, ma non succede niente

  3. Diciamo che per fare un passo avanti si può accettare il compromesso delle civil partnership sul modello tedesco, che Renzi aveva promesso alle primarie del 2012 in soli 40 giorni. Se arrivassero almeno quelle…

  4. bellissimo l’errore di battitura “Freudiano” :-), hai scritto “leder” anziché “leader”, ti prego non correggerlo, boia d’un Renzi lèder! 😀

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from politica

La festa spenta

Oggi è il 25 aprile. Come sempre, ci sono manifestazioni e cortei
Go to Top