un blog canaglia

Immorale e autolesionista

in società by

Volevo soltanto far notare che in un periodo come questo, un periodo come dire di completo disastro economico, mentre si cerca di grattare il fondo del barile facendo il gioco delle tre carte tra un’imposta e l’altra, il gettito fiscale della prostituzione e del commercio di droga -i quali andrebbero già legalizzati di loro per un’infinita serie di ragionevoli motivi che vanno dalla tutela dell’autodeterminazione individuale alla lotta contro la criminalità organizzata- porterebbe nelle casse erariali le risorse necessarie ad abolire l’IMU, abbassare l’IVA e ritrovarsi pure con qualcosa di avanzo.
Come dite? È immorale che lo stato “lucri” su attività del genere?
Io dico di no. Io dico che invece  è immorale appaltarle ai delinquenti, quelle attività, ingrassando le mafie e rinunciando pure alle relative imposte.
Immorale e autolesionista, per come la vedo io: ammesso che ci sua rimasto un briciolo di ragionevolezza, naturalmente, e che si possa provare, per una volta, ad usarla al di fuori dei soliti slogan.

METILPARABEN E’ nato e cresciuto al Colle Oppio, ha studiato dai preti, è commercialista, tifoso della Lazio e radicale. La combinazione di queste drammatiche circostanze lo ha condotto a sviluppare una fastidiosa forma di nevrosi ossessivo-compulsiva caratterizzata da crisi di identità: crede di essere il blogger Metilparaben.

2 Comments

  1. Non è un caso che lo stato lasci alla criminalità organizzata il monopolio su prostituzione e droghe leggere: Tra soci d’affari non ci si calpesta i piedi.

  2. il fine è appunto quello di tenere i profitti tax free, e di sottrarli agli appetiti degli, ehm, “azionisti di minoranza”.

    ricorda qualcuno anche a voi? ecco.
    non si inventa mai nulla, a questo mondo…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from società

Al posto di Fabo

Già si sentono i rumori di fondo dell’esercito di fondamentalisti che si
Go to Top