un blog canaglia

Il M5S e gli insulti sul blog di Beppe.

in politica by

Nel video pubblicato qui sotto, alcuni giornalisti di Modena leggono ad alta voce gli insulti che Maria Novella Oppo, giornalista dell’Unita. ha ricevuto nei commenti ad un post sul blog di Beppe Grillo che la metteva all’indice.

Sono tre quarti d’ora di insulti: bastano cinque minuti di ascolto per farsi accapponare la pelle. Ancora di più se si pensa che lo staff del blog di Grillo, che pure non esita a cancellare i commenti scomodi, ha lasciato in rete questi commenti.

Su questo blog, che raccoglie i commenti cancellati dal blog di Grillo, potete leggere che i commenti al post della Oppo che sono stati cancellati riguardano per lo più i commenti critici di chi si lamentava di tanta violenza. 

I commenti violenti, invece, sono rimasti al loro posto.

Sono frasi di una ferocia  e violenza spaventose, che fanno ancora più paura se sono stati detti alla leggera, senza pensarci sopra due volte e magari credendo di essere spiritosi.

Io non so chi sia responsabile di tanta violenza, certo non può essere attribuibile solo a Grillo, che però se ne serve in maniera agghiacciante, mettendo le persone alla berlina sul suo blog.

Mi sembra però che sia un fenomeno  che dovrebbe spingere tutti alla riflessione, per primo il Movimento 5 Stelle ma non solo, perché siamo già ben oltre il baratro. E forse sarebbe ora che qualcuno nel Movimento iniziasse a chiedere conto di come è gestito quel blog. Santé

(SINDACATO PAGANO) Nato in terre calde e prospere di disoccupazione si trasferisce giovinetto al Norte dove adesso lavora, rigorosamente a fini di lucro. Attende con speranza che Grillo faccia approvare il reddito di cittadinanza così da poter finalmente vivere come un rentier. Ha scelto il nome da usare nel blog guardando tra le bottiglie di alcolici di un amico rivoluzionario.

8 Comments

  1. Absinthe, faccio un’osservazione forse cinica e spietata.
    Premetto che simpatizzo con i presupposti dei 5 stelle (alla larga però, sono più che altro indifferente alla politica in generale), ma mi pare che il problema dei commenti è un non-problema: chiunque naviga in rete sa che la gente insulta a iosa, a prescindere dal polo politico di appartenza (pensa, c’è gente che si scanna sui forum dei videogiochi)
    Il fatto che questi giornalisti abbiano fatto un video del genere in cui leggono gli insulti è sicuramente un segnale di solidarietà e di denuncia, ma enfatizza un aspetto del web che è conosciuto e straconosciuto al quale non darei troppa importanza, proprio perchè pervasivo della rete (sappiamo quanti insulti si becca Vendola, o Brunetta, o Gasparri, o Grillo stesso sul web).
    credo che i punti su cui riflettere siano almeno due: le istituzioni non possono davvero fare nulla in questi casi? (a parte moniti fini a sè stessi) e secondariamente che va tenuto presente che chiunque può commentare sul blog, vedi l’ultimo caso relativo a Giachetti.
    Davide

    • mi pare che il focus del post non sia su ‘esistono violenti su internet’, cosa inevitabile come ‘esistono ladri nel mondo’, ma che lo staff del Sacro Blog censuri le critiche e non gli insulti…

      • quello è solo un altro aspetto del problema. Comunque diffiderei delle testimonianze come la seconda (quella in prima persona) che mi pare irrilevante: potrebbe essere stato bannato semplicemente perchè linkava qualcosa di esterno (cose che capitano in numerosi forum)
        comunque, la moderazione dei commenti può essere affidata a aziende terze, ora io non so chi gestisca i commenti del blog di Grillo: dubito che sia gente del suo staff; resta il fatto che il discorso “moderazione” è un argomento un po scivoloso e semplificare dicendo “Grillo cancella le critiche ma non gli insulti” mi pare semplicizzare allo stremo (quanti commenti fa al giorno il blog? suppongo parecchie migliaia)
        buona serata

  2. “Dai, a questo punto la lista ce l’avete. Prendete un fucile e andate ad ammazzarli uno a uno a casa. Mi sembra il minimo.” (dal blog di Grillo).
    Che orribili cose scrivono questi orribili grillini! E l’orribile titolare del blog nemmeno le cancella!
    Cose così non possono essere che emanazione di indole fascista-nazista-squadrista-schiavista-razzista-terrorista-mafiosa-camorrista (estrema sintesi del ben più ampio campionario di libere valutazioni del libero opinionista Merlo).
    Vediamo un po’: chi è l’orribile esemplare grillino che incita allo sterminio di massa di parlamentari?
    Si chiama Nilo Pacenza, e…sorpresa, l’orribile esemplare di sottorazza grillina è ANCHE un fedelissimo e strettissimo collaboratore del Renzi Matteo: allarmante caso di sdoppiamento della personalità!!
    http://www.beppegrillo.it/2013/12/il_fuoco_amico_di_giachetti.html
    Bella porcheria, eh? Smascherata per puro caso, e NON CERTO dai “liberi” giornalisti di Repubblica, che, AL CONTRARIO, si erano già precipitati a diffondere la porcheria in nome del diritto di libera lapidazione a mezzo libere menzogne.
    http://www.repubblica.it/politica/2013/12/10/news/giachetti_contro_grillo_lettera_aperta-73215359/?ref=HRER1-1
    Era al corrente di questa porcheria l’estensore del post, mentre scriveva il post?
    Certamente no. NON POSSO pensare che ne fosse a conoscenza e la passasse sotto libero silenzio…
    Perciò la mia ‘segnalazione’ gli tornerà utile. Senza alcun dubbio.

    • Certo, Annamaria, e tu sei consapevole che il mio post si riferiva al post di Grillo sulla Oppo e non a quello su Giachetti?
      O vogliamo pensare che tutti i commenti violenti li postino renziani sotto mentite spoglie. E anche se fosse il risultato non cambia: lo staff del blog di Grillo – come documentato dal sito linkato nel mio post – cancella commenti critici alla linea e non cancella i commenti violenti a favore della linea, da chiunque essi provengano. Perché nella violenza ci sguazzano.

      • “non cancella i commenti violenti a favore della linea,..”: beh, no, non direi proprio che il commento del Pacenza, commento non solo violento, ma costruito deliberatamente per tendere-con la complicità di organi di “libera e onesta” informazione-un agguato vile, infame e feroce a chi esprime il consenso di circa 9 milioni di persone, fosse a favore della linea del Movimento.
        Questa infamia è stata scoperta e denunciata per un puro e fortunato caso: quante infamie di tal fatta-impossibili da smascherare- possono essere riversate quotidianamente sul blog di Grillo, agli stessi nobili scopi perseguiti dallo STRETTO AMICO E COLLABORATORE di Renzi (dettaglio, quest’ultimo, assai significativo), con la complicità, a mio avviso gravissima, di organi di “informazione” che praticano la libera lapidazione a mezzo menzogna, e guai a contestarli?

  3. parlate degli insulti che ha preso la giornalista dell’Unità. Sapete però quanti ne ha indirizzati lei stessa nei confronti del secondo partito italiano (su grillo, gli attivisti, le idee, i parlamentari, le loro azioni, le loro mozioni, le loro proposte di legge). E soprattutto sapete da quanto tempo lo fa? Almeno i commentatori l’hanno insultata “aggratis” mentre lei lo fa stipendiata dallo stato. A me fa più paura questa cosa, non so voi.
    57 posto per l’ibertà d’Informazoine al mondo non è a caso
    E noi poveri italiani a berci tutto…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from politica

La festa spenta

Oggi è il 25 aprile. Come sempre, ci sono manifestazioni e cortei
Go to Top