un blog canaglia

#icebucketchallange e ricerca negata

in società by

E cosi’ l#’icebucketchallange e’ sbarcato in Italia, coinvolgendo personalita’ piu’ o meno note. Addirittura Matteo Renzi si e’ lodevolemente svuotato una secchiata d’acqua in testa per sostenere la ricerca contro la sclerosi laterale amiotrofica (SLA). La SLA, malattia tremenda, forse la piu’ tremenda che possa capitare. La SLA che uccide lentamente, dopo aver tolto a chi ne e’ afffetto oltre la speranza anche il movimento e la parola. Dunque benvenga ogni iniziativa per combattere questa malattia ? Si’, certo, ma. C’e’ un ma. Forse qualcuno ricordera’ che la SLA e’ la malattia che nel 2006 ha ucciso Luca Coscioni, presidente di Radicali Italiani. Una delle ultime battaglie politiche di Luca Coscioni fu la campagna referendaria contro la legge 40 ed in particolare contro il divieto di utilizzare le cellule staminali embrionali per la ricerca. Visto che le cellule staminali embrionali sono una delle possibili vie da percorrere per combattere le malattie neurodegenerative come la SLA, di fatto chi si svuota secchiate d’acqua ghiacciata in testa lo fa per aiutare un tipo di ricerca che in Italia e’ illegale. Forse chi come Matteo Renzi nel 2005 ha deciso di non andare a votare per abrogare la legge 40, e non ha alzato un dito per renderla meno rivoltante per altre vie, farebbe bene a ricordarlo prima di riempirsi la bocca con parole di sostegno ad una ricerca che se fosse per l’Italia non esisterebbe nemmeno. Il diveto di ricerca sugli embrioni e’ ancora in vigore, ultimo tra quelli della legge 40 non (ancora) dichiarato incostituzionale in questi 10 anni. Non sarebbe bello se anche l’Italia potesse fare la portatrice d’acqua contro la SLA e non solo tirarsela in testa per mettere il video su Twitter?

Triestina di nascita, della sua terra si porta dietro lo spirito patriottico, lo spritz e la tendenza a sottovalutare qualsiasi raffica di vento sotto i 130 km/h. Radicale, milanista e milanese nel cuore, dopo la laurea il suo corpo fugge verso la Perfida Albione. Qui ottiene un dottorato in storia economica con una tesi sul divario Nord-Sud dopo l’Unità d’Italia. Il suo cervello invece, grazie alla sua tesi e alla mai curata passione per la politica, rimane in larga parte in Italia.

11 Comments

  1. Sillogismo sbagliato: le staminali sono UNA delle vie, non l’unica. Questo non rende la ricerca inutile o addirittura illegale, semplicemente leva in Italia la via più perseguita le mondo. Che non è detto sia la migliore

      • La Ricerca, come tutte le cose del mondo, non può dilagare come un’inondazione senza freni. Solo perchè una cosa si può fare non è detto che si debba fare, in nome appunto della conoscenza. E te lo dico da persona che fa ricerca, seppure industriale (quindi sono pure uno spregevole assetato di gloria e denaro 😉 ), eh?

        Il divieto non è assurdo: semplicemente è un paletto, “oltre questo non andiamo per non farci prendere la mano”. La cosa giusta non è sempre la più facile.

        Del Vaticano, oggettivamente, sticazzi.

  2. Scusate l’off topic, ma mi rivolgo a tutti gli autori di LiberNazione: 17 autori, 17 giorni trascorsi, e 7 soli post? BORGHESI! Tutti in vacanza a ferragosto, eh? Neanche un minutino dal tablet o dallo smartphone che, da bravi borghesi, sicuramente avrete, eh? Notizie dal proletariato: il cervello non va in vacanza, potevate sicuramente impegnarvi un po’ di più, o sbaglio?

    RSVP

    Absinthe
    Aioros
    Capriccioli (questo al limite lo giustifico, dato che ha abbandonato metilparaben per pigrizia)
    Anna Missiaia
    Canimorti
    Dracula Frizzi
    Essedg
    Francesco Nardi (rimani pure in vacanza)
    JJ Spalletti
    Mazzone
    Malcolm Y
    Mario Braconi
    Nagasaki
    Platano Sorrentino
    Roberto Sassi
    Rosario D’Auria
    Vincenzo Vitulli

    • grazie a johnny dio, che bello! c’è ancora chi usa le vecchie care categorie marxiste della mia terza infanzia! e io che temevo di dovermi rivolgere ai fans di putin per rivedere una falce & martello!

  3. Concordo totalmente con il post, purtroppo l’Italia non è un paese civile e difficilmente lo diventerà fin quando avremo politici asserviti ad un certo stato estero presente a Roma…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from società

Al posto di Fabo

Già si sentono i rumori di fondo dell’esercito di fondamentalisti che si
Go to Top