Guida rapida alle Presidentielles (con endorsement)

in politica by
La campagna elettorale francese più bizzarra degli ultimi 50 anni sta volgendo al termine, domenica si vota per il primo turno che qualificherà i due finalisti per il ballottaggio di domenica 7 maggio.
Ci sono stati tanti colpi di teatro, dalla rinuncia di Hollande (mai vista dopo solo un mandato) all’eliminazione di tutti i big alle primarie (Sarkozy, Juppé, Valls), passando dagli affari giudiziari che hanno trasformato Fillon da stra-favorito a sopravvissuto (ha resistito contro i pessimi sondaggi e al quasi-consenso nel suo campo per sostituirlo in urgenza). Anche con uno scenario così folle e malgrado il fatto che si tratti di un’elezione importante per l’Europa, è possibile che la campagna non vi abbia interessati finora.
Ecco un brevissimo riepilogo della situazione e delle forze in campo. A pochi giorni del voto la situazione è molto aperta con 4 candidati appaiati tra il 18 e il 24% delle intenzioni di voto, un’indecisione molto alta tra gli elettori (il 25% non è ancora sicuro sulla preferenza da dare) per non parlare del possibile impatto dell’attacco terroristico di giovedì scorso.
I 4 potenziali finalisti in 2 righe
Jean-Luc Mélenchon: già candidato nel 2012, aveva fatto l’11,1%. Anche se la Francia ha già il 57% del PIL in spesa pubblica, propone come soluzione alla crisi 273 miliardi di euro di spesa pubblica in più. Non vuole uscire dall’UE ma minaccia di non applicarne più i trattati se non cambia come vuole lui (debito comune, armonizzazione sociale e fiscale). E se gli altri paesi non sono d’accordo? Chissà.
Emmanuel Macron: 39 anni e un’esperienza di alto funzionario, banchiere d’affari e ministro. Il suo programma “né di destra né di sinistra” propone un piano di investimenti di 50 miliardi di euro a fronte di un piano di risparmi di 60 miliardi e varie riforme per modernizzare il sistema di previdenza sociale. Vuole tanto bene all’UE e punta ad un’integrazione sempre maggiore, in particolare tra i paesi della zona euro.
François Fillon: l’ex primo ministro di Sarkozy ha vinto le primarie promettendo la soppressione di 500.000 posti di dipendenti pubblici e una terapia di shock per l’economia francese al quale non credono gli economisti (una riduzione così brutale della spesa pubblica avrebbe effetti recessivi) e che rischia di riscaldare l’anima dei francesi già infastiditi dalle rivelazioni sul suo uso dei rimborsi parlamentari. Rispetto all’UE, non è né contro, né convinto.
Marine Le Pen: è la figlia di suo padre, la Francia stava meglio prima, con confini veri. Propone una tassa sull’assunzione di dipendenti stranieri, dazi sugli importi e infine il ritorno ad una valuta nazionale. L’UE? Non merci.
Profili e personalità ben diversi ma per chi punta ad una politica pro-europea e progressista ambiziosa, solo una speranza: FORZA MACRON !

Transalpino arrivato a Roma a fine studi, ci è rimasto per il lavoro, la pizza e la pasta ma non tanto per il mandolino (non è un grande melomane). Da bambino voleva costruire dighe idroelettriche poi fare il giornalista, a quasi 30 anni unisce queste due passioni scrivendo di energia e di politica francese. Co-fondatore e co-amministratore di Selectra Italia e del sito luce-gas.it, portale di informazioni sull'energia.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*