un blog canaglia

Amaca chips /2 – Parma police

in giornalismo/politica by

Fa piacere un giornalismo così benevolo e impressionabile da soffermarsi su una fiaccolata di mille persone. Le conclusioni che seguono – peraltro – sono sorprendentemente condivisibili, alla faccia dei fruttivendoli del ddl anticorruzione che vanno strillando come se in Italia non avessimo abbastanza fattispecie penali e il problema fossero i tempi di prescrizione, non la durata dei processi.

Un passo solo fallisce Michele Serra: quello in cui ostenta stupore per il fatto che “il repulisti energico e spesso ruvido fino all’approssimazione” di Tangentopoli non sia servito a ridarci il paese profumato di bucato. Più che approssimazione, in molti casi si trattò di vera e propria persecuzione e lo stupore è semmai che non si capisca l’ovvio: cioè che proprio l’uso fuori legge degli strumenti giudiziari abbia impedito e impedisca tuttora il radicamento della legalità. Suggestioni karmiche a parte, il paradosso di voler fare silenzio urlando sarebbe immediatamente evidente ai più, ma il metodo logico non è per tutti, pare.

Comunque a Parma i cittadini si sono incazzati, mille o centomila che fossero. E giù a seguire, benevoli e commossi, i giornalisti. Bene, grazie.

A Roma è successa la stessa cosa, ovvero la bancarotta di fatto del Comune, come questo e altri dossier hanno tentato di raccontare. I cittadini però non ne sanno nulla e i giornalisti, compresi quelli di Repubblica, si guardano bene dal raccontarglielo – chè guai a muoversi per primi, specie se tocca tirare in ballo oltre all’attuale sindaco il precedente e il precedente ancora.

E dire che un giornalismo d’inchiesta degno di questo nome potrebbe non solo allertare i governati, ma anche tenere sulla corda i governanti al punto da prevenire almeno in parte disastri simili.

E dire che ci accontenteremmo se si limitassero a non nascondere la polvere sotto al tappeto e smettessero di assicurare la politica da qualsiasi disturbo non soffi dai tribunali.

L’unica cosa di cui non sappiamo che farne è la benevolenza postuma, anzi non sappiamo proprio dove mettercela.

(Like a detuned radio, dicevano quelli)

1 Comment

  1. Parma Police, arrest this man, he talks in maths […]
    […] And for a minute there, I lost myself, I lost myself .

    Serra sarebbe d’accordo. Repubblica pure. Scalfari non pervenuto.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from giornalismo

Go to Top