un blog canaglia

Gianni Morandi e la rivoluzione della normalità su Facebook

in internet by

Nell’epoca del cinismo social, della provocazione obbligatoria e dell’accanimento godereccio, la normalità è un fatto assai raro. La narrazione del presente è affidata perlopiù alle dita pungenti degli istigatori di professione, dei mascalzoni ad ogni costo. Del resto, più si è cattivi, spietati, impietosi più si aprono le strade della notorietà: è questo il meccanismo che funziona sui social network. Ed è sempre questo il modo più diffuso per raccontare i fatti del giorno, commentare le notizie più sugose ed affrontare le questioni più spinose. Gli eroi dell’internet sono spesso personaggi costruiti intorno alla retorica spicciola dell’ostilità. Sono eroi-crisalide destinati all’oblio e forse anche per questo costretti a giocarsi tutte le carte a disposizione nel tempo iperbreve della Rete.

Il risultato è sotto gli occhi di tutti: Facebook e Twitter sono stati presi in ostaggio dal savoir-faire piacione e paraculo delle star della cattiveria e dai loro cloni e dai cloni dei loro cloni. È un’invasione cafona degli schermi che sembra inarrestabile. In questa giostra dell’insulto e della stilettata metaforica c’è poco spazio per il linguaggio mediano, pacato e ragionevole. Al contrario, tutto ciò che va in quella direzione viene risucchiato quasi subito nel vortice del politicamente scorrettissimo (bisogna essere superlativi perché la scorrettezza semplice non basta mica più) oppure in quello dell’indifferenza generale.

Questo teatrino non ha soltanto esasperato i toni della discussione pubblica e affermato il principio dell’homo homini like (l’uomo è un “mi piace” per l’uomo) ma ha anche svilito la capacità dell’arena social di raccontare la realtà. Cioè la possibilità di fare della virtualità un’appendice fondamentale, uno strumento per capirla meglio. Invece è avvenuto l’esatto opposto: abbiamo gettato le cose della vita nel chiacchiericcio e ormai le distinguiamo a fatica dalle altre, quelle virtuali.

È forse anche per via di questo “estremismo della condivisione” che sta silenziosamente montando la necessità di un linguaggio ordinario, di un’esposizione di sé più semplice e genuina. In sostanza, cominciamo ad essere stufi della solfa provocatoria. E la testimonianza più eclatante di questa necessità sulla scena dei social network italiani è senza dubbio la pagina Facebook di Gianni Morandi.

Sia chiaro: chiamarla pagina è decisamente riduttivo. Si tratta piuttosto di un vero e proprio romanzo popolare (cit. Giorgio Cappozzo); di un’epica sincera e disinvolta della normalità; di un’antropologia della quotidianità; di un giornaliero reportage esistenziale. Morandi non è soltanto un famoso cantautore seguito da quasi un milione di utenti Facebook; Morandi è un eroe contemporaneo. Lo è perché ha dimostrato che un altro modo di esserci è possibile; perché ha ribaltato la concezione esibizionistica del mezzo; perché ha stabilito una regola semplice: qui soltanto cose belle ma vere, qui non c’è spazio per le cattive notizie (affermando così il principio della felicità pubblica e del dolore privato), qui non esistono filtri – risponde lui; neanche l’ombra di un social media manager.

Sulla pagina Facebook di Gianni Morandi si possono trovare scene di vita (ormai celebri gli “autoscatti”; e il ricorso all’italiano pare più un atto di umiltà linguistica che un rifiuto dei tempi moderni), piccole riflessioni sull’attualità politica, brevi racconti autobiografici. La semplicità con cui si rivolge ai fans suona familiare, probabilmente perché rinuncia ai fronzoli, proprio come si farebbe con una persona di casa. La distanza dall’altro mondo, quello della truffa identitaria e della piaggeria, è abissale.

Certo, obietterete che anche nell’altro mondo si fotografa il piatto di pappardelle fumanti. Anche lì si pubblicano le foto della vacanza al mare. E anche dall’altra parte si polemizza con i giudizi tranchant di Michele Serra. Innegabile. Ma è tutto finto. Badate: non perché non siamo capaci di sincerità ma perché siamo ormai vincolati a un linguaggio totalitario e a un principio, quello dell’homo homini like, che non permettono passi falsi, pena la débâcle dell’apparenza.

Gianni Morandi è perciò un rivoluzionario: proprio quando tutto sembrava definitivamente perduto, proprio quando la partita sembrava essersela aggiudicata il cinismo social, ha mostrato a tutti un’altra strada percorribile. È esattamente questo – e non i suoi successi musicali passati e presenti – che fa di lui un grande personaggio Facebook: la capacità di riabilitare la normalità. Ora non resta che incamminarsi tutti e vedere dove si va a finire.

5 Comments

  1. Non condivido, o forse non ho capito.
    FB & Co sono pieni di gente normale che posta la normalità (lo so che l’hai scritto) ma il problema è che pensano che freghi qualcosa a qualcuno. A volte è vero (amici stretti o la miriade di ficcanaso), a volte meno, ma al 99,999% sono emeriti Nessuno che si atteggiano.
    Per Morandi essere “eccezionale” in questo senso è la normalità, grazie tante che possa postare la sua Normalità: è tutto , tranne che normale.
    perchè nella foto non vedo un Nessuno che coglie le mele, vedo Morandi che fa qualcosa.

    PS-frecciatina: il primo paragrafo non è un pò applicabile anche a Libernazione, sedicente blog canaglia?

  2. Non avrei mai creduto di dirlo visto che non mi sono mai granchè piaciute le sue canzoni. Ma questo articolo su Morandi mi piace. C’è uno scarto sostanziale però tra persone già conosciute e no. La stessa cosa vale per i blog e per tutto social media. Un personaggio pubblico bene o male famoso che mostra la sua normalità (cosa molto simpatica) è molto diverso da un personaggio privato che mostra la sua normalità. I tempi sono molto cambiati da quelli dell’affermazione di Morandi. Il paese è cambiato, i rapporti nella comunicazione sono cambiati. E forse lo sdoganamento di certi comportamenti ha a che fare proprio con la diversa modalità di acquisire la fama. Penso semplicemente alla differenza abissale che intercorre tra un Carmelo Bene e un Vittorio Sgarbi. L’uno personaggio veramente sui generis, l’altro personaggio davvero sui “divani”. Quelli giusti.

  3. Non staremo forse esagerando a fare dell’ermeneutica sulla pagina FB di Gianni Morandi (con tutto il rispetto parlando)?
    Non staremo forse incartandoci a fare a gara per elaborare analisi acute sull’accidente?

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from internet

Zelig in evidenza

You realise che stai arrivando a Craco quando d’un tratto lo sconfinato
Go to Top