un blog canaglia

jesuis

Ve lo spiega Rosario vostro special edition “guerre di religione”

in cultura by

Oh, siccome vi vedo carichissimi su questa cosa della religione, senza che ovviamente ci capiate un cazzo di niente come di consueto (in due parole: o siete troppo bigotti e minchioni che credete alla gente con le ali in Paradiso – ma che so’, piccioni? (cit.) – oppure vi credete sto grancazzo col vostro relativismo stupido e inutile – le grandi evoluzioni dell’Uomo, che vi piaccia o no, sono per larga parte da ascrivere a gruppi organizzati e irregimentati, non a singoli, piantatela di sentirvi Gauss, Cristo, Socrate, Newton, Einstein, Zidane, ecc -) vi racconto questo simpatico aneddoto che spesso racconto nei miei post sull’Impero Bizantino.

A partire dal V secolo d.C., quando in Europa non si capiva più nulla perché i tedeschi sputavano sulle nostre candide tuniche e si arrubbavano gli ornamenti d’oro delle nostre deliziose statue di marmo copiate dai greci, del Cristianesimo serio non si occupava solo Papa, ma anche i bizantini. E facevano i bellissimi concilii di Calcedonia, Nicea, Trebisonda, insomma, sceglievano i posti in virtù della bellezza dei nomi che avevano. E come dar loro torto?

Siccome all’epoca non avevano né il terziario né Facebook, in qualche modo dovevano capire come impegnare quelle enormi praterie di tempo libero che avevano. E quindi si scannavano (letteralmente: i vescovi si pigliavano a schiaffi durante i concilii, oppure venivano fatti sparire awww) sulla natura di Cristo. Cioè le genti cristiane si odiavano tra loro perché alcuni cristiani erano convinti che Cristo fosse soltanto divino, mentre altri credevano che aveva una doppia natura, umana e divina.

Lo so, state pensando “ma che cazzata è mai questa?”. Eppure non solo la gente si odiava, ma la cosa rappresentava un problema serissimo per tutto l’Impero, e quindi i potenti dell’epoca dovevano giocoforza occuparsene. O fare finta di occuparsene per fare contenti i poverelli che a ‘ste cazzate ci credevano sul serio, così come fanno oggi per i soldi per noi “occidentali”, o come sono le vignette per quei pazzi squinternati.

Oh. Tornando a noi, e alla natura del Cristo, nel corso del IV e V secolo d.C., era fortissimo il dibattito su questa benedetta natura di Cristo, se umana, divina, o entrambe (la faccio semplice, lo so, se volete parlare di teologia seriamente contattatemi in pvt). Tanto forte che, dopo la decisione del concilio di Calcedonia del 451 d. C. di considerare due nature per Cristo, umana e divina, la quasi totalità dei vescovi egiziani si incazzò tantissimo, considerarono eretici tutti gli altri, e si rilanciarono come i pazzi sul monofisismo, secondo il quale la natura umana di Cristo era stata assorbita da quella divina, e quindi Cristo aveva una sola natura, appunto divina. Il concilio di Costantinopoli del 553 d.C. non fece altro che peggiorare le cose, e quindi, nel corso del VII secolo, la situazione era diventata insostenibile. Non potevano più convivere nello stesso Impero, specie quello bizantino in cui l’Imperatore era anche custode della cristianità e dell’ortodossia, due diverse teorie cristologiche.

A questo punto, i vari Denis Verdini dell’epoca non sapevano più che pesci prendere. Provarono prima col Monoenergismo (“amico egiziano, senti, due nature no, nun se po’ fa, però famo che aveva un’unica energia, eh? No eh? Vabbe’…”) e col Monotelismo (“amico egiziano, so che la cosa dell’unica energia ti pareva un po’ una presa per il culo, quindi ho pensato: ehi! Sempre due nature, però una sola VOLONTA’! EH? EH? DAJE! GRANDE! RELIGIONE DI STATO!”)

Ora. Io la prendo a ridere, e vabbe’, ma vi rammento che, se nel VII secolo la religione di stato era il Monoenergismo o il Monotelismo, e tu te ne uscivi con “buongiorno Esarca, secondo me Cristo ha due nature e due energie!” ti tagliavano il naso. Ma piuttosto, come si concluse questa storia? Molto semplicemente: a seguito della conquista araba dell’Egitto del 640-641 d.C., la reazione di Costantinopoli fu pressappoco la seguente:

“Ah ma quindi siete stati conquistati dagli arabi? E non c’è alcuna speranza che sia una di potere riconquistare l’Egitto? Perfetto, chivvesencula a voi e a ‘sta cazzo de natura unica, noi siamo duofisiti, lo siamo sempre stati e lo saremo sempre. Anzi, ortodossia religione di stato, che è ‘sta cazzata dell’unica energia e dell’unica volontà?”

Nato e cresciuto tra la provincia di Napoli e quella di Salerno, amo i loro lati positivi e odio quelli negativi. Dice: e grazie arcangelo. No no, provate a parlare con chi ci vive. Dal 2000 mi trovo stabilmente a Roma, dove ho cambiato idea diverse volte, credendo che sia questa la vera chiave. Vi amo tutti.

8 Comments

  1. Voltaire, a parte le leggende, aveva messo a nudo tutte le contraddizioni che portano alla competizione in nome di qualsiasi dio.
    Ora le grandi domande, la prima: può esistere ancora una guerra di religione, ossimoro insensato?
    E la seconda: ma cazzo è ‘st’ossimoro?

  2. XXI – IV = 17
    XXI – V = 16
    XXI – VII = 14
    2015 – 451 = 1564
    2015 – 553 = 1462
    2015 – 640 = 1375
    2015 – 641 = 1374

  3. carino. domanda che non centra un cazzo: quando è che scrivete un articolo in cui parlate del fatto che mentre celebrano la libertà di espressione in Italia stanno preparando una legge che vieta la rappresentazione di sigarette nei film per la tv (o anche del fatto che se esponi una celtica in curva ti danno il daspo , che ne so)? o ho capito male io?

  4. Bravo Rosario, l’esempio dell’impero bizantino é pertinente anche se io avrei sottolineato come questo si rifletteva sull’organizzazione statuale dello stesso (consiglio vivamente “Storia dell’Impero Bizantino” di Ostrogorsky, il piú grande bizantista mai vissuto). Faccio peró una riflessione di natura opposta alla tua: é vero che ” grandi evoluzioni dell’Uomo, che vi piaccia o no, sono per larga parte da ascrivere a gruppi organizzati e irregimentati, non a singoli”, ma é anche vero che gli stessi singoli, data la congiuntura politico-sociale possono essere dei forti catalizzatori di talune evoluzioni. Pensiamo a cosa ha rappresentato lo stesso Lutero con la sua Riforma, giusto per rimanere in ambito religioso (ma di esempi ce ne sono a bizzeffe). Singoli e gruppi sono elementi che vanno soppesati sulla bilancia (non per forza in contrapposizione). Ora, a mio modesto modo di vedere, la riflessione che manca, leggendo in giro qua e lá, é che nella cultura islamica non é avvenuto o non si é ancora sviluppato appieno (e capirne il perché é giá un altro livello di discussione) un processo di secolarizzazione (interconnesso ma non si puó fare scopa con l’illuminismo voltairiano che viene riesumato in questi giorni). Sempre a mio modo di vedere, andrebbe speso del tempo al composito mondo musulmano ed alle sue voci, anche alle singole che hanno la facoltá di dare un ordine organico a pensieri e sommovimenti nebulosi. Giusto per fare un esempio: l’intellettuale Ali Shariati (Fatima é Fatima, Red Shi’ism), riformatore “protestante” dell’Islam, poi strumentalizzato potentemente dal regime di Khomeyni (E qui lo dico e qui lo nego: non é forse una completa ignoranza delle singole voci che favorisce una narrazione, da parte occidentali, del mondo musulmano come un monolitico unicum?).
    Questo per dire che quello che mette in risalto il tuo post, e che io apprezzo di piú, é che per capire la realtá che ci circonda, piú che un dibattere per massimi sistemi, che in certi contesti é piú una sega mentale che altro, una visione storica delle cose puó essere sicuramente d’aiuto. Scusissima per lo sproloquio.

  5. … ma di enormi praterie di tempo libero da impiegare, mi sa che ne abbiamo di più adesso. Questi trombavano come ricci ad ogni ora del giorno e della notte! Altro che pippe.
    E poi non erano le genti cristiane ad odiarsi, bensì, come dici tu, i vari capoccia.

    • no no, eran le genti cristiane.
      Ipazia smembrata viva, assalti ai vescovi da parrocchiani di altri vescovi, fino al mille fare il cristiano d’oriente era una professione mica tranquilla, che ci voleva nulla a trovarti circondato da gente che pensava fossi eretico e ti lapidava sul posto.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from cultura

Go to Top