un blog canaglia

nicola porro

Vaccinazioni, Red Ronnie e Nicola Porro: questa non è democrazia

in giornalismo/società by

Parliamoci chiaro: Luca Mazzone, autore di questo post, la puntata di Virus sulle vaccinazioni non l’ha proprio vista. O, se l’ha guardata, forse nel frattempo stava facendo altro (stirare? Leggere un Harmony? Scommettere alle corse dei cavalli?).

Perché un conto è rivendicare il diritto a informare e a mostrare l’ignoranza per quello che è (perfettamente incarnata, nel caso specifico, dalle teorie di Red Ronnie), ma tutto un altro paio di maniche è difendere un prodotto destinato al pubblico generalista che presenta il dibattito su un problema scientifico come “confronto fra idee”. D’altronde, ‘Il contagio delle idee’ è proprio il titolo che il giornalista Nicola Porro ha voluto dare alla parte del suo programma dedicata ai vaccini, quasi a sottolineare che, in fondo, le personalissime opinioni di un DJ degli anni ‘70 hanno lo stesso peso dei dati presentati da un virologo di lungo corso, Roberto Burioni. E se questo non fosse stato abbastanza chiaro abbastanza sin dall’inizio, a un certo punto è lo stesso Porro a ricordare agli ospiti che l’intervento di Eleonora Brigliadori, attrice e conduttrice televisiva convertitasi all’antroposofia, è una “posizione da rispettare e da sentire”, esattamente come i fatti riportati qualche minuto prima dal medico e ricercatore Burioni.

Tutto questo basterebbe di per sé ad affossare la credibilità di un talk-show che vorrebbe fare informazione (dati scientifici ≠ opinioni), ma fingiamo, anche solo per un attimo, di sostenere la necessità del dibattito ad ogni costo (in nome di una presunta quanto fittizia potenzialità euristica della discussione da bar), e andiamo a vedere concretamente fino a che punto si è spinta la par condicio del conduttore Nicola Porro. Nel corso della trasmissione, il dottor Burioni interviene solamente una volta, mentre Red Ronnie prende la parola a ben tre riprese, alternato da un mix di opinioni (favorevoli o contrarie) di non-specialisti, genitori con esperienza traumatiche di vario tipo e gente fermata per strada (sic!). Il segmento si conclude poi con il delirio di Eleonora Brigliadori, che di fatto chiude la discussione senza che l’unico scienziato presente in diretta abbia la possibilità di replicare alle baggianate dell’attrice; al netto di 31 minuti circa di dibattito a Burioni viene lasciata la parola per soli 3 minuti – meno del 10% della durata complessiva del programma.

Insomma, alla scienza è stato lasciato ben poco spazio nel salotto democratico di Nicola Porro, che a quanto pare preferisce dar libero sfogo ai matti del villaggio piuttosto che approfondire la questione con la deontologia professionale che il suo ruolo richiederebbe. Qualunquismo non è progressismo, caro Luca Mazzone, e la libertà d’opinione a cui fai appello con tale veemenza nel concreto si riduce a puro brainwashing mediatico. Tanto più che qui vi è in ballo la salute dei minori, non qualche principio libertario sparato a caso giusto per compiacersi della propria onestà intellettuale.

Onestà intellettuale di cui, nel caso di Porro, non si è proprio vista ombra.

Nato nella Somalia italiana nel 1909, si dedica giovanissimo all'antropologia lombrosiana e alla frenologia. Dopo aver contribuito alla fondazione di Latina, nel 1938 fugge in Argentina con Ettore Majorana poiché non condivide la linea morbida di Mussolini sul banditismo molisano. Rientrato in Italia negli anni '70 in seguito a una scommessa persa con Cesare Battisti, si converte allo stragismo mafioso e alla briscola chiamata. Tra i fondatori occulti di Grom, oggi passa la maggior parte del suo tempo refreshando la pagina facebook di Marco Mengoni.

4 Comments

  1. Quanto hai ragione, Billy: io studio Medicina, ma non immagini a quanta gente che conosco (rispettabile e pure con un po’ di cultura, eh!) non freghi una mazza che io parli con cognizione di causa quando parlo di tumori, disturbi psichici, malattie reumatiche o della pelle (sto citando, non a caso, cliniche che ho studiato per sostenerne l’esame universitario): la mia preparazione, frutto di studio e frequentazione di reparto, non vale quanto quello di un militare complottista con la licenza liceale che crede che l’università sia solo un ricettacolo di raccomandati e tangenti da parte di Big Pharma, mentre il blogger di disinformazione.it, siccome è povero in canna, allora è automaticamente indipendente e quindi più affidabile di qualunque medico o futuro tale che abbia studiato la fisiopatologia umana ed una qualunque patologia per anni, studiando da testi universitari che, per essere pubblicati, sono stati convalidati ripetutamente e comunque aggiornati ogni tre anni, e seguendo lezioni di Professori che stanno lì perché hanno dimostrato con ANNI di carriera il valore di quello che stanno spiegando, e soprattutto frequentando il reparto.

    Parliamo di vaccini? Vi ascolto solo se mi parlate di studi meta analitici, delle interazioni con i th1, della variabilità genetica di Hiv, di epidemiologia, di microbiologia.

    Ma no, sicuramente per Luca Mazzone il dj che ha visibilmente “studiato” la questione per 20 minuti su Google è più preparato dei miei professori di Malattie Infettive.

  2. Sì s’, tutto giusto, tranne che per un piccolo dettaglio: Porro è stato buttato fuori a calci, e ho come la sensazione che non sia tanto colpa delle vaccinazioni, ma piuttosto di un tal tirannello da Ruota della Fortuna.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from giornalismo

Go to Top