un blog canaglia

Tag archive

storia

Game of Thrones historical references: S06E02 “Home”

in religione/televisione by
Welcome back for my analysis of the historical  references in the second episode of the sixth series of Game Of Thrones. Keep in mind that I am writing this as I watch the episode for the first time, so some stuff I write might not be entirely consistent with what happens later in the episode. You can read the analysis of the first episode here.

King’s Landing
We start of with a drunk in King’s Landing reminiscing fondly of Cersei’s walk of shame. The guy has a big mouth, but when elephants dance, mice attend at their own risk.
By order of the King, Cersei is confined to the Red Keep. Note how the High Sparrow has separated the young king from the women in his life, both his wife and his mother. Controlling access to the other sex is a phenomenal lever of power. For example, medieval lords decided whether their knights could marry, which I’m sure improved their motivation to do well in battle. Tommen and Cersei did meet, but I’m betting a contingency plan is already in place. The motives of the High Sparrow are at this point open to interpretation. He could either be a cynical manipulator who saw an opportunity to use the faith to amass power, or a legitimate social reformer out to extirpate what he sees as perversion. The latter is actually infinitely more dangerous for all concerned. However if his ultimate goals might be idealistic, his methods show a remarkable shrewdness. Note how he didn’t build a sodomy case against some random guy in the streets: he went for the Queen Mother, and for the Queen’s consort brother, knowing it would lead to the fall of the Queen consort as well. Is it possible for the motives of such a calculating person to be pure? Obviously if you’re going to harass people for their (in universe) moral failings, I guess you can start at the top and use them as examples.
But if this is part of some wider power scheme, what kind of an endgame is he going for? Does he want to turn Westeros (or just King’s Landing) into a theocracy, like Iran or the Vatican? If so he needs to leverage his influence to bring the king’s guard under his control. This is potentially easy, since everybody and their brother already suspects that Jamie (Lord Commander of the King’s Guard) did the naughty with Cersei. The problem is how to get rid of Jaimie, without calling into question the legitimacy of Tommen, which besides being an ideal stooge for the High Sparrow, is the only surviving legitimate descendant OR sibling of Robert Baratheon. If Tommen is removed from the picture, it’s not clear what would happen to the Iron Throne.
If the High Sparrow doesn’t want to go the theocratic route, he could use his power to get some of his faithful into positions of power, and then use this leverage to get the faithful important government contracts. This will lead to a cascade of sudden conversion, as the movers and shakers of King’s Landing fall over themselves to accept the faith. This would be similar to what some Catholic organizations allegedly have done with the national hospital service in a few regions of Italy. If he decides to go this route, he will try to get his proxies appointed as the Master of Coin, Master of Laws, or perhaps Master of Ships (lots of ship building and maintenance contracts to go around). Of these three offices, the Master of Laws has been vacant since Renly left, while the other two are held by Mace Tyrell, father of Margaery. Filling an empty slot would be easier, but we have seen how the High Sparrow likes to kill two birds with one stone, and presumably Mace also knew of his son’s escapades, so it would not be impossible to remove him as well. If he does so, I would expect the Tyrells to break  with the Lannisters for good, though perhaps having three out of four members of their family hostage under the control of the High Sparrow will keep a lid on things for some time.
The discussion about Tommen makes us realize how pissed off some families in Dorn must be at this point. Before the Sand Sisters decided to go on their little killing spree, Myrcella was on track to have a son with Trystan, which would give said son a high probability of eventually rising to the Iron Throne (given the high adolescent mortality for royals in King’s landing). So the in-laws of the Martells were within spitting distance of having a cousin on the Iron Throne, and now they have nothing. I wouldn’t be surprised if there was a spot of bother over that at some point.
 

North of the Wall
Bran is having visions. We see some backstory which could potentially become important, but it’s unclear what it means just now. Perhaps Bran can reawaken Hodor’s fighting instincts. Bran’s visions remind me of Caesar’s epilepsy. In the olden days epileptic fits were often seen as communication with the gods, and altogether not an undesirable trait in a leader. Bran can continue having visions as long as he wants, but eventually it is imperative that he joins Sansa.

Castle Black
The Wildlings save the day, so his friends don’t join Jon as corpses just yet. But the problem remains: Jon Snow was the link that could make the wildlings-south-of-the-wall thing go sort of smoothly. Even if Davos and the Wildling leader have the best intentions, will they trust each other enough? By the way, remember Mance surrendering? The situation, and the way he was shot is strongly reminiscent of Vercingetorix’s capitulation to Caesar, and funnily enough the actor that plays Mance was Caesar in the “Rome’ tv series. Though it also has echos of the US Cavalry vs Plains Indians endgame.

Tyrion in Mereen
The Sons of Harpy are almost certainly led by whatever was the second most powerful family in Mereen before Dany came along. They didn’t like how Hizdar curried favor with Daenerys, and saw the risk of being marginalized. A risk which was confirmed when they actually got engaged. They have made a decision, and are unlikely to reverse course. Come clean, and hoping for leniency would be extremely dangerous, and even in the best case scenario would see them exiled, or at least severely marginalized. No, if Tyrion wants to crack this nut, he has to either get Hizdar’s clan behind him, or else find the third most important family and help them destroy the second.
Anyway, the Mereen navy went up in smoke. This could actually be a sheep in wolf’s clothing. When Cortez reached the new world, he burnt his ships. As a result his men were very well motivated. There’s been a constant tension between Daenerys using Mereen only as a springboard for getting her and the Second Sons into Westeros, and her actually settling down to rule the place. The two are obviously contradictory. If she stays forever, the local rich guys may at some point decide it’s better to have her as an ally than enemy, and some will take a stake into her power structure, aligning their incentives. But if the expectation is that she will leave in six months anyway, there is no point in anybody putting their bets on her, and resistance will continue. The problem of course is that presumably that fleet wasn’t just there for looks, and the loss can compromise the continued viability of Mereen. Presumably most of the ships burned were warships, since merchant ships spend most of their time at sea, so losing a harbor full of them doesn’t make much of an impression on their absolute numbers. Who were they built to defend against? Will these foes decide to use their newly found control of the seas? I would expect that at a minimum, piracy incidents should become more frequent.
One of the big problems faced by the Targaryen faction is the lack of reproductive feed stock. Sure, Dany can do her bit, but if her children continue to be dragons it won’t make for a very stable court, as years go by. Even if the dragon thing is something she can turn on and off, she can only pick one spouse. She has no other living relatives, and Varys is a eunuch, as are all of her soldiers. That leaves Tyrion and Daario, and while both seem perfectly capable of producing heirs, one woman and two men is not much to start a dynasty with. Presumably some of the former slave girls, particularly the former clerical slaves such as Missandei, could be part of the foundation, but it is unclear weather former slave holders could see themselves as sufficiently invested in the status quo, just because one of their family is married to a former slave – however trusted and well-liked by the queen.
We also learn that the other cities liberated by Dany have gone back to slavery (what happened to the garrisons?), leaving Mereen isolated, and without a fleet. Troubling times. On the plus side, Tyrion seems to be making friends with the dragons. I guess the closest historical paragon would be with be with the domestication of the horse, which must have given an incredibly decisive military advantage to those first cavalry warriors.

Arya in Bravos
Arya looks very plump for a girl that’s been begging for a few months. Perhaps her friends with no face were looking after her. Anyway, she seems to have gotten on the good side of her mentor again.The whole Faceless Men things is clearly taken from the Assassin Sect.

In Winterfell
The Boltons have some good news and some bad news. They lost track of Sansa and found the hunters (bad fieldcraft on the part of Team Sansa, they should have hidden the bodies). This makes it very hard for Ramsay to father a son, as “enthusiastic” as he was to do so. Unless of course Sansa is already pregnant of course. On the plus side, Ramsay now has a little baby brother. This is good news for the family, but bad news for him. Oooh surprise, Ramsay just killed his father (I am writing this as I watch). Well that does change things… So Bolton Sr.  was retroactively “poisoned by his enemies” as the Maester will confirm (before he gets killed for being an eyewitness). Presumably we’ll get a couple of episodes of Ramsay torturing various people “he suspects of being behind this”. What follows is of course Ramsay being Ramsay. His end will be a very teachable moment.

Team Sansa
Theon decided to go home, while the rest continue North. On the minus side, Jon is already dead, but on the plus side the Wildlings must at this point be looking for a leader from south of the wall to ease their transition. Team Sansa is actually not in a horrible place. Right now there’s only Sansa, Brienne, and Pod. Sansa has the birth, Brienne has the brawn, and Pod – well, he’s loyal, and can take care of one or two redshirts.
 What they are lacking is brains, unless Sansa starts seeing sense, she gave some indication of this in the Ayre. Brienne is a great – if unlucky – King’s guard, but I don’t see her as a great military strategist. If Bran stops sitting in his cave visioning of yesteryear and decides to join her sister, they could be quite a team. The advantage they would have over the other houses is that they are remarkably free to make their own destiny. The Lannisters are in hock to the Iron Bank, the Tyrells have a high incarceration rate and an uneasy alliance with the Lannisters, Ramsay will eventually find himself buried in a burnt hole he himself dug and set fire to, Dany is going to some Dothraki temple, and her faction is busy playing cops and robbers with the Sons of Harpy. If Bran and Sansa can get together (presumably with the archery girl  and Hodor in tow) they would be a pretty good special operations outfit. They could get the North to revolt to the Boltons in a heartbeat. Incidentally, speaking of Theon, what happened to him is not some weird fantasy thing. It’s called learned helplessness, and it was the basic intermediate objective in e.g. the interrogation of Abu Zubaydah (“He capitulated the first time.  We chose to expose him over and over until we had a high degree of confidence he wouldn’t hold back”). So not exactly that thing, but that sort of thing actually does happen.

On the Iron Islands

(clearly inspired by the Norsemen) the king and his daughter are discussing the war. They had the great idea of capturing a bunch of towns, but with the war on the mainland over, they have now lost all of their continental garrisons. Even for the Vikings, raiding was always a lot easier than holding ground. It’s true that they conquered a lot of places, but for every success there were dozens of failures we never get to read about. But loosing the garrisons to the last man sounds more like lack of planning, or bad orders. A maritime culture makes war by hit and run. I’m not saying the Ironborn have to be exactly like the Norsemen, but what’s the point of sea supremacy if you’e not going to cut your losses when outnumbered? Conversely, if they are (usually) so strong that they never needed to run, why haven’t they taken over Westeros? If the garrisons were a significant part of the Ironborn military force, why lose them for nothing? Or, if the Ironborn had manpower to spend, why didn’t they reinforce the garrisons?
Now the King’s brother comes back from sailing, raping, and pillaging elsewhere and kills the King. Presumably this is why the other ruling families have King’s guards. And nobody saw him do this, despite the event taking place on some rope bridge which presumably should have somebody standing next to it ready to cut it, for it to be of any use.

Castle Black
They are bringing back Jon from the dead. Historical precedents… well there was that one alleged time… Other than that, I guess the closest parallels are with literature rather than history. The whole scene had more of a Dr Frankenstein feel than anything else, but we’ll see what kind of undead Jon proves to be.
At this point, can I just bring to your attentions that in the last two episodes, three of the main ruling families in the series suffered violent changes of management brought about by their own blood? Let’s just say that by the time the Iron King met his brother, I would have been surprised if they both walked away from the scene. This level of internal strife makes it surprising that they are able to wage wars against enemies outside the family at all. I guess part of the explanation could be the brutalizing effect of the war on relationships within the family?

La Polonia dei murales tra voglia di bello e derive autoritarie

in arte/cultura/società by

«Non c’è voluto certo un grande carattere/per il nostro rifiuto dissenso e opposizione/abbiamo avuto un pizzico del necessario coraggio/ma in fin dei conti è stata una questione di gusto/Sì di gusto» *

Così si pronunciava nel 1981 Zbigniew Herbert, poeta dissidente polacco in esilio a Parigi, sulla necessità di combattere la dittatura comunista al potere nella sua terra d’origine. L’etica per Herbert, divenuto eroe nazionale una volta rientrato in patria dopo la caduta del Muro, era soprattutto una questione di estetica, una resistenza del bello sulle brutture (morali, ideologiche e propagandistiche) imposte dallo squallore di regime.

Etam-Cru-Murals-7
Etam-Cru, Łódź

E la Polonia post-socialista sembrò apprendere quasi subito la lezione impartita da uno dei poeti-simbolo della rivolta, mettendo in atto, sin dagli esordi della rinnovata democrazia, una forma di resistenza artistica contro quel appariva fra i più pesanti lasciti di cinquant’anni di dominazione del brutto. Poco dopo la caduta del Muro, i numerosissimi quartieri-operai presenti in tutte le maggiori città del paese, dominati da osceni palazzoni grigi dall’aspetto quasi orwelliano, divennero il principale campo di battaglia per la rinascita estetica della nazione. Fu innanzitutto Łódź, città prevalentemente industriale, capitale del cinema polacco e luogo di formazione artistica, fra altri, di Roman Polanski e Krzysztof Kieślowski, a vedere i suoi muri decorarsi di quelle forme urbane emerse circa un trentennio prima nei bassifondi di New York: enormi e coloratissimi murales cominciarono ad apparire sulle facciate delle architetture sovietiche, mentre piccoli gruppi di graffitari anonimi lanciavano dall’alto dei tetti la loro sfida di bellezza all’eredità del recentissimo passato comunista.

In poco tempo, gli altri centri seguirono l’esempio di Łódź. Le aree più povere di Varsavia, Danzica, Cracovia, Gdynia, Bydgoszsc si popolarono di animali fantastici, allegorie politiche, figure umanoidi e rappresentazioni surrealiste a guardia dello skyline cittadino. Un processo che continua tutt’oggi, con una ricezione sempre più positiva da parte di un pubblico inizialmente scettico e ora travolto da questa piccola rivoluzione del gusto – i murales da forma di vandalismo a bene comune di un popolo in rinascita. Negli ultimi tre lustri, la street art si è imposta in Polonia come avanguardia di una nazione alla ricerca di una propria estetica redenta, grazie a una nuova generazione di giovani artisti votati al rinnovamento del panorama urbano: Chazme, M-City, il duo Etam Cru, Sepe, Natalia Rak, ecc. Questa frizzante atmosfera culturale è riuscita ad attirare anche grandi nomi internazionali, arricchendo ulteriormente il patrimonio artistico del paese con i lavori di Borondo, Blu, Remed, Ericailcane, Aryz, e dando dunque vita a un’ideale caccia al tesoro su larga scala a beneficio del turismo interno e straniero: il viaggiatore che voglia visitare una qualsiasi città polacca può spendere gran parte del suo tempo girovagando per le periferie e i quartieri popolari, alla ricerca di uno stile conosciuto – o di un tratto innovativo – sul muro scrostato di un vecchio edificio in rovina.

Aryz_Poland_street-artist-art-suite-world
Aryz, Katowice

Una storia apparentemente a lieto fine, se non fosse che la minaccia del brutto è sempre in agguato e rappresenta per la Polonia, ancora una volta, un rischio concreto. Dopo le elezioni dell’ottobre 2015, che hanno visto la vittoria del partito cattolico e ultra-nazionalista PiS (acronimo di Prawo i Sprawiedliwość, Diritto e Giustizia), il paese sembra infatti destinato a ricadere nelle maglie dell’oscurantismo ideologico. Oltre all’imposizione di tasse più pesanti sulle imprese straniere, lo smantellamento dell’attuale Costituzione, il divieto totale di aborto e l’occupazione sistematica di tutti i vertici del sistema mediatico statale con figure vicine al partito, il governo del primo ministro Beata Szydło si propone di indirizzare istituzioni e produzioni culturali verso la promozione del cosiddetto “Orgoglio polacco”. Orgoglio che si tradurrebbe nella celebrazione delle grandi figure nazionali (Copernico, Chopin, Karol Wojtyła e Marie Curie Skłodowska), a discapito di una qualsiasi analisi o interpretazione critica di una realtà storica ancora piuttosto controversa. Come scrive Alex Urso sulla rivista Artribune a proposito dei recenti sviluppi politici: «nonostante le pulsioni artistiche positive del momento e le potenzialità̀ individuali dei singoli artisti di ultima generazione, i limiti dell’arte polacca sono semmai da rintracciare nell’apparato istituzionale […]. Speculatori e affaristi dell’ultima ora, affiancati da una classe politica arrivista e di stampo populista, stanno lentamente rivelando le magagne di un sistema facilmente corruttibile, in cui interessi privati e pubblici si mischiano con insolenza, in cui il ruolo dei media la fa da padrone e le aspirazioni autoritaristiche dei rappresentanti sono all’ordine del giorno.» **

streetartnews_natalia_rak_poland-6
Natalia Rak, Białystok

Una terra dunque al bivio tra una riappropriazione ancora lunga e faticosa del proprio patrimonio artistico e, soprattutto, urbano – il profilo dei maggiori centri della Polonia rimane grandemente deturpato dalla scelleratezza architettonica socialista – e politiche statali centripete tese all’omologazione e all’appiattimento culturale. Parliamo d’altronde di un aspetto non così secondario – o elitista – in un’ottica più generale di costruzione, o meglio, di mantenimento, di una coscienza civica trasversale. A 26 anni dalla fine del regime, gli operai di Solidarność che recitavano le poesie della dissidenza nel corso di scioperi e manifestazioni lasciano oggi a figli e nipoti la possibilità di scegliere tra due strade antitetiche: la crescita di un popolo (anche) attraverso lo strumento dell’arte, o la chiusura in se stessi e il ripiegamento in atteggiamenti antiliberali e nazionalisti. Rimane allora da sperare che la street art polacca, nata come espressione estetica critica nei confronti di un passato oscuro e tormentato, mantenga comunque quell’autonomia d’azione e di pensiero che le è stata propria sin dal principio, scavalcando gli ostacoli istituzionali di un paese che sembra voler far rivivere i suoi peggiori fantasmi.

Insomma, la speranza che, alla fine, il gusto abbia la meglio sulla bruttezza ideologica.

Polonia

* Herbert Zbigniew, “Potenza del gusto”, in Herbert Z., Rapporto dalla città assediata, Adelphi, Milano 1993: 219-220.

** Urso Alex, “Polonia tra paura e cambiamento”, Artribune, VI, 30, marzo-aprile 2016: 36-39.

________

Francia, patria della democrazia e della libertà

in società/storia by

Si è parlato molto in questi giorni del valore della Francia come culla di principi democratici e libertari. A seguire dunque, 10 fatti storici che illustrano perfettamente l’attitudine d’Oltralpe al rispetto della vita e della libertà degli individui.

  1. 2 novembre 1793: la drammaturga Olympe de Gouges, autrice della Dichiarazione universale dei diritti della donna e della cittadina, viene ghigliottina per ordine del tribunale rivoluzionario, a causa delle accuse di violenza che la scrittrice aveva rivolto pubblicamente a Robespierre.
  2. 2-3 maggio 1808: il generale napoleonico Gioacchino Murat ordina di catturare e fucilare i popolani e contadini di Madrid che si erano ribellati all’invasione francese. La sommossa e la successiva repressione causano migliaia di morti fra le fila spagnole.
  3. Settembre-ottobre 1880: Pëtr Il’ič Čajkovskij compone l’Ouverture 1812, brano che nelle intenzioni dell’autore doveva commemora la fallita invasione della Russia da parte delle truppe napoleoniche. Il tema dell’invasore francese viene rappresentato dal motivo de La Marsigliese.
  4. Gennaio-luglio 1889: la conquista coloniale del Ciad ad opera della Francia, detta “mission Voulet-Chanoine” (dal nome dei generali che comandavano il corpo di spedizione) degenera in una violenza sistematizzata nei confronti dei civili che non vogliono collaborare. La cittadina di Birni N’Konni, con circa 10.000 abitanti, viene completamente rasa al suolo.
  5. 16 e 17 luglio 1942: più di 13.000 Ebrei residenti a Parigi (di cui un terzo bambini) vengono rastrellati dalla polizia francese e condotti in massa al Vélodrome d’Hiver, per poi essere trasportati in treno al campo di concentramento di Auschwitz.
  6. Maggio 1944: il Corpo di spedizione francese in Italia, composto da soldati marocchini al comando di ufficiali francesi, si rende responsabile in Lazio dello stupro di circa 20.000 persone tra donne, vecchi e bambini.
  7. 23 novembre 1946: la marina francese bombarda il porto di Haiphong, in Vietnam, nel tentativo di riconquistare l’ex colonia dichiarata indipendente da Ho Chi Minh. Nei bombardamenti muoiono circa 6.000 civili.
  8. 17 ottobre 1961: circa un centinaio dei 15.000 algerini che stavano manifestando pacificamente per le vie di Parigi contro l’occupazione francense della loro nazione, vengono uccisi a colpi d’arma da fuoco e manganellate dalla polizia gaullista.
  9. 31 luglio 1968: in Francia viene votata una legge che concede l’amnistia per tutte le infrazioni commesse dai militari francesi durante la guerra d’Algeria (1954-1962). Fra queste vengono incluse le torture inflitte alla popolazione locale (alcune stime parlano di centinaia di migliaia civili e combattenti coinvolti).
  10. 10 novembre 1982: nasce la cosiddetta “dottrina Mitterrand”, che di fatto esclude l’estradizione di cittadini stranieri imputati o condannati verso paesi considerati dalla Francia non “democraticamente” idonei. In seguito, beneficeranno dell’asilo francese i terroristi italiani Cesare Battisti, Toni Negri, Paolo Persichetti, Marina Petrelli, ecc.

Liberté, Égalité, Fraternité.

A me dispiace per Piero Ingroa però ok

in politica by

Boh, oggi ci hanno detto che è morto Piero Ingroa, che la Prof. dice che era uno importante. Alla Prof. ci piace farci leggere i giornali in classe, e quindi è partito un discorso su sto’ zio che onestamente, bene, bravo, grandissimo, però bon.

E’ morto, lo zio.

Aveva 100 anni.

Facciamocene una ragione e fine.

Che purtroppo non ricordo più chi, di sinistra, un po’ di tempo fa ha detto: “Si, zii, però ora basta con questi confronti tra la sinistra di adesso e Berlinguer, che la Boschi e la Madia quando che è morto quello non c’avevano manco i denti da latte”.

Quindi dico, ma sticazzi di Paolo Ingreio che se è morto a 100 anni vuol dire che da almeno 20-25 non contava ‘na minchia, e chissenefotte se il PD di adesso c’ha da imparare da lui, o se invece era un babbo comunista che invadeva gli Stati quindi meglio starci lontano.

Féèga.

E’ morto, io stasera vado a casa e mangio lo stesso.

Vogliamo fargli un applauso. E facciamoglielo. Pure un coro e una penna col Booster. Ossennò fischiamogli e facciamogli le penne col Booster sulla tomba.

Ma poi finita lì. Che domani c’abbiamo pure la verifica di storia e non ho ancora studiato un cazzo.

Ecchecculo che oggi la Prof non ha spiegato, che se no erano altre 20 pagine in più, zio pedro.

Quella piazza che il family day ha già perso

in società by

Oggi, sabato 20 giugno, si è svolto a Roma il Family Day: circa un milione di persone (ammettiamo anche le cifre sempre vestite a festa fornite dagli organizzatori), hanno manifestato contro le unioni civili.

Ho pensato un po’ a cosa scrivere sul tema, e non è stato facile: gli argomenti messi in campo da queste persone sono fortemente pretestuosi, arzigogoli senza ragione per sostenere l’insostenibile; d’altro canto qualsiasi principio di buonsenso, di mero rispetto della libertà altrui, suggerirebbe che non c’è proprio niente da contestare. Come si fa a commentare, dunque? Che cosa avrei potuto scrivere sul tema?

Poi ho capito che non sapevo bene cosa scrivere perché non c’è proprio niente da scrivere. Questa battaglia è già finita, e l’ha vinta il buonsenso dal momento in cui la questione è entrata nel suo –preziosissimo– raggio d’azione. Qualsiasi commento è superfluo verso chi è già stato, anche se non ancora de iure, sconfitto dalla storia. Il nostro paese sarà tra gli ultimi (cioè, lo è già), si continueranno le discussioni ancora per un po’, ma una cultura della libertà (ah, l’Occidente!) ha fatto breccia anche da noi: nessuno, che viva in un adeguato contesto di realtà e che abbia meno di trent’anni, si opporrebbe più alle unioni civili. Nessuno. È qualcosa ormai di naturalmente accettato, che non richiede più discussione, è definitivamente proprio della nostra generazione. È una piccola, doverosa concessione di libertà che ci appartiene.

E allora lasciamo questi poveri derelitti, questi sconfitti, manifestare un giorno nell’illusione di poter cambiare un processo che è ormai inarrestabile. Combattono una battaglia che già sanno di aver perso. Non sprechiamo commenti, pensieri, tempo, per rinfacciare loro la pochezza che dimostrano, lo scarso rispetto, la minima intelligenza, la tracotante pretestuosità dei loro inesistenti argomenti. Rivolgiamo i nostri sforzi altrove: sono ancora tante le battaglie di libertà da combattere, la cui vittoria è, invece, sempre tristemente lontana.

Il pianista di Hitler

in storia by

Ci sono biografie che custodiscono l’assurdità di un’epoca. Ci sono storie che, se interrogate senza la tenaglia del pregiudizio, mischiano le carte in tavola, tracciano lo zigzag dell’umanità: rappresentano l’incomprensibile andare delle cose. Certo, per coglierle occorre rinunciare alla giustezza della narrazione storica, alla retorica approssimativa del bianco e del nero, all’ideologia dell’interpretazione appassionata; per coglierle occorre concedere un’opportunità alla schizofrenia degli eventi, aggrapparsi, per quanto possibile, alla giostra del vissuto.

La vita di Ernst Hanfstaengl detto “Putzi” è una di queste storie. Un gran casino che sfugge apparentemente alle ragioni della coerenza. Fu pianista, businessman, tedesco, americano, confidente di Adolf Hitler, collaboratore di Franklin D. Roosvelt, capo dell’ufficio stampa straniera a Berlino durante il Terzo Reich, studente ad Harvard. Fu talmente tanti personaggi che è difficile raccapezzarsi, inquadrarlo, dargli un posto nella versione ufficiale, quella che si insegna e si ripete come un mantra. Del resto, non è facile oggi digerire l’armonia di gusti così lontani: quello per la musica, per l’arte, ereditato dal padre editore e dal nonno fotografo; quello per l’oltreoceano, gli Stati Uniti, patria della libertà e delle possibilità, trasmesso dalla madre americana; quello per la guerra e il valore militare, forse portato dal filo invisibile delle generazioni, da quella lontana parentela con John Sedgwick, generale unionista durante la guerra civile americana.

Negli anni trascorsi sui libri ad Harvard, anni in cui si divertiva a comporre canzoni per la squadra di football dell’università, Putzi conobbe gente del calibro di Walter Lippmann (il giornalista che introdusse il concetto di “Guerra fredda”) e il reporter John Reed. Fu nel prestigioso ateneo che si formò intellettualmente e si preparò a prendere le redini del ramo statunitense del business di famiglia, la Franz Hanfstaengl Fine Arts Publishing House. Per questo, dopo la laurea, si trasferì a New York. Qui, pur continuando a suonare il piano, portò avanti la sua attività imprenditoriale. In quel periodo frequentò, tra gli altri, un giovane attore promettente: Charles Spencer Chaplin detto “Charlie”. Strinse inoltre amicizia con Franklin e Theodore Roosvelt.

Nel 1922, in seguito alla Prima guerra mondiale e alla confisca dei beni di famiglia da parte del governo degli Stati Uniti (si trattava del resto di un’impresa “nemica”), tornò in Germania e si stabilì in Baviera, sua terra natale. A Monaco presenziò al primo discorso pubblico di Adolf Hitler, che si svolse in una birreria del centro. Vista la sua conoscenza della realtà locale, gli fu chiesto di  assistere un addetto militare americano nel monitoraggio della scena politica tedesca. Fu così che rimase affascinato dalla violenza retorica del genio politico hitleriano. Tanto che nel 1923 prese parte al fallimentare Putsch di Monaco. Nei giorni seguenti alla disfatta, fu costretto a rifugiarsi in Austria ma offrì ospitalità a Hitler nella sua casa di Uffing, un tranquillo villaggio lacustre nel pieno della foresta bavarese. Fu proprio la moglie di Hanfstaengl, Helene Niemeyer, a dissuadere il leader del partito nazionalsocialista dal sucidio quando la polizia bussò per arrestarlo. Ernst e Adolf divennero così amici intimi. L’imprenditore tedesco-americano aiutò il giovane politico a finanziare la pubblicazione del suo Mein Kampf; mentre l’altro fece da padrino a Egon, il figlio di Hanfstaengl. Grazie alla sua grande amicizia con Hitler, divenne capo dell’Ufficio stampa estera di Berlino ed assunse una certa influenza nell’entourage del dittatore. Nel periodo berlinese, quando si incontravano Ernst suonava spesso il pianoforte per Adolf, che adorava starlo ad ascoltare.

Qualche tempo più tardi, nel 1933, una serie di discussioni col ministro della propaganda Joseph Goebbels compromisero il ruolo istituzionale di Putzi, che fu rimosso dall’incarico. Quegli anni furono particolarmente difficili. Nel 1936 divorziò da Helene; lo stesso anno fu denunciato al Führer da Unity Mitford, un’aristocratica inglese amica di entrambi. Tuttavia, nonostante la situazione non esattamente tranquilla, Ernst non lasciò la Germania. La fuga avvenne soltanto nel ’37, quando un pesante scherzo di Hitler e Goebbels lo convinse a lasciare il paese. La vicenda ha dell’incredibile. Albert Speer racconta che Hanfstaengl fu fatto salire su un aereo e soltanto una volta in volo messo a conoscenza della missione che gli era stata assegnata: si sarebbe dovuto lanciare col paracadute nella zona rossa della Spagna per lavorare come agente segreto di Francisco Franco. In realtà, sostiene Speer, l’aereo si limitò a sorvolare la Germania. Quando gli fu rivelato lo scherzo, Ernst capì che era giunto il momento di fare le valigie. Andò in Svizzera, poi da lì Inghilterra e infine, fatto prigioniero, tradotto in un campo di lavoro in Canada.

Lo salvarono le sue amicizie giovanili. Nel frattempo, Frank D. Roosvelt era infatti diventato presidente degli Stati Uniti d’America. Tra il 1942 e il 1944, su diretta richiesta del vecchio amico, Hanfstaengl lavorò come informatore e consulente psicologico di guerra all’S-Project. Le sue preziose informazioni permisero di schedare circa 400 leader nazisti e aiutarono gli psicanalisti Henry Murray e Walter Langer a tracciare un profilo psicologico della personalità di Adolf Hitler. Diversi anni più tardi, nel 1957, Putzi raccontò la sua storia straordinaria in un libro dal titolo eloquente: Unheard Witness (“Testimonianza inascoltata”). Morì nella sua Monaco all’età di 88 anni.

Ci sono biografie che custodiscono l’assurdità di un’epoca. Ci sono storie che, se interrogate senza la tenaglia del pregiudizio, mischiano le carte in tavola, tracciano lo zigzag dell’umanità: rappresentano l’incomprensibile andare delle cose. La vita di Ernst Hanfstaengl detto “Putzi” è una di queste.

A volte è bene ricordare la Storia così com’è, semplicemente /1

in storia by

88279 Il Ministro Calderoli da fuoco a 375.000 leggi inutili

Un Ministro della Repubblica Italiana, che fa parte di un partito che ha come principale obiettivo la secessione di un territorio dalla Repubblica Italiana, si reca in una caserma dei Vigili del Fuoco e sistema nel piazzale antistante degli scatoloni pieni di carta straccia con su scritto 375.000 LEGGI INUTILI.

Poi, con addosso un chiodo con pellicciotto e con in mano un’accetta, dà fuoco ai suddetti scatoloni, sorridendo ai fotografi.

Go to Top