un blog canaglia

Tag archive

Polonia

La Polonia dei murales tra voglia di bello e derive autoritarie

in arte/cultura/società by

«Non c’è voluto certo un grande carattere/per il nostro rifiuto dissenso e opposizione/abbiamo avuto un pizzico del necessario coraggio/ma in fin dei conti è stata una questione di gusto/Sì di gusto» *

Così si pronunciava nel 1981 Zbigniew Herbert, poeta dissidente polacco in esilio a Parigi, sulla necessità di combattere la dittatura comunista al potere nella sua terra d’origine. L’etica per Herbert, divenuto eroe nazionale una volta rientrato in patria dopo la caduta del Muro, era soprattutto una questione di estetica, una resistenza del bello sulle brutture (morali, ideologiche e propagandistiche) imposte dallo squallore di regime.

Etam-Cru-Murals-7
Etam-Cru, Łódź

E la Polonia post-socialista sembrò apprendere quasi subito la lezione impartita da uno dei poeti-simbolo della rivolta, mettendo in atto, sin dagli esordi della rinnovata democrazia, una forma di resistenza artistica contro quel appariva fra i più pesanti lasciti di cinquant’anni di dominazione del brutto. Poco dopo la caduta del Muro, i numerosissimi quartieri-operai presenti in tutte le maggiori città del paese, dominati da osceni palazzoni grigi dall’aspetto quasi orwelliano, divennero il principale campo di battaglia per la rinascita estetica della nazione. Fu innanzitutto Łódź, città prevalentemente industriale, capitale del cinema polacco e luogo di formazione artistica, fra altri, di Roman Polanski e Krzysztof Kieślowski, a vedere i suoi muri decorarsi di quelle forme urbane emerse circa un trentennio prima nei bassifondi di New York: enormi e coloratissimi murales cominciarono ad apparire sulle facciate delle architetture sovietiche, mentre piccoli gruppi di graffitari anonimi lanciavano dall’alto dei tetti la loro sfida di bellezza all’eredità del recentissimo passato comunista.

In poco tempo, gli altri centri seguirono l’esempio di Łódź. Le aree più povere di Varsavia, Danzica, Cracovia, Gdynia, Bydgoszsc si popolarono di animali fantastici, allegorie politiche, figure umanoidi e rappresentazioni surrealiste a guardia dello skyline cittadino. Un processo che continua tutt’oggi, con una ricezione sempre più positiva da parte di un pubblico inizialmente scettico e ora travolto da questa piccola rivoluzione del gusto – i murales da forma di vandalismo a bene comune di un popolo in rinascita. Negli ultimi tre lustri, la street art si è imposta in Polonia come avanguardia di una nazione alla ricerca di una propria estetica redenta, grazie a una nuova generazione di giovani artisti votati al rinnovamento del panorama urbano: Chazme, M-City, il duo Etam Cru, Sepe, Natalia Rak, ecc. Questa frizzante atmosfera culturale è riuscita ad attirare anche grandi nomi internazionali, arricchendo ulteriormente il patrimonio artistico del paese con i lavori di Borondo, Blu, Remed, Ericailcane, Aryz, e dando dunque vita a un’ideale caccia al tesoro su larga scala a beneficio del turismo interno e straniero: il viaggiatore che voglia visitare una qualsiasi città polacca può spendere gran parte del suo tempo girovagando per le periferie e i quartieri popolari, alla ricerca di uno stile conosciuto – o di un tratto innovativo – sul muro scrostato di un vecchio edificio in rovina.

Aryz_Poland_street-artist-art-suite-world
Aryz, Katowice

Una storia apparentemente a lieto fine, se non fosse che la minaccia del brutto è sempre in agguato e rappresenta per la Polonia, ancora una volta, un rischio concreto. Dopo le elezioni dell’ottobre 2015, che hanno visto la vittoria del partito cattolico e ultra-nazionalista PiS (acronimo di Prawo i Sprawiedliwość, Diritto e Giustizia), il paese sembra infatti destinato a ricadere nelle maglie dell’oscurantismo ideologico. Oltre all’imposizione di tasse più pesanti sulle imprese straniere, lo smantellamento dell’attuale Costituzione, il divieto totale di aborto e l’occupazione sistematica di tutti i vertici del sistema mediatico statale con figure vicine al partito, il governo del primo ministro Beata Szydło si propone di indirizzare istituzioni e produzioni culturali verso la promozione del cosiddetto “Orgoglio polacco”. Orgoglio che si tradurrebbe nella celebrazione delle grandi figure nazionali (Copernico, Chopin, Karol Wojtyła e Marie Curie Skłodowska), a discapito di una qualsiasi analisi o interpretazione critica di una realtà storica ancora piuttosto controversa. Come scrive Alex Urso sulla rivista Artribune a proposito dei recenti sviluppi politici: «nonostante le pulsioni artistiche positive del momento e le potenzialità̀ individuali dei singoli artisti di ultima generazione, i limiti dell’arte polacca sono semmai da rintracciare nell’apparato istituzionale […]. Speculatori e affaristi dell’ultima ora, affiancati da una classe politica arrivista e di stampo populista, stanno lentamente rivelando le magagne di un sistema facilmente corruttibile, in cui interessi privati e pubblici si mischiano con insolenza, in cui il ruolo dei media la fa da padrone e le aspirazioni autoritaristiche dei rappresentanti sono all’ordine del giorno.» **

streetartnews_natalia_rak_poland-6
Natalia Rak, Białystok

Una terra dunque al bivio tra una riappropriazione ancora lunga e faticosa del proprio patrimonio artistico e, soprattutto, urbano – il profilo dei maggiori centri della Polonia rimane grandemente deturpato dalla scelleratezza architettonica socialista – e politiche statali centripete tese all’omologazione e all’appiattimento culturale. Parliamo d’altronde di un aspetto non così secondario – o elitista – in un’ottica più generale di costruzione, o meglio, di mantenimento, di una coscienza civica trasversale. A 26 anni dalla fine del regime, gli operai di Solidarność che recitavano le poesie della dissidenza nel corso di scioperi e manifestazioni lasciano oggi a figli e nipoti la possibilità di scegliere tra due strade antitetiche: la crescita di un popolo (anche) attraverso lo strumento dell’arte, o la chiusura in se stessi e il ripiegamento in atteggiamenti antiliberali e nazionalisti. Rimane allora da sperare che la street art polacca, nata come espressione estetica critica nei confronti di un passato oscuro e tormentato, mantenga comunque quell’autonomia d’azione e di pensiero che le è stata propria sin dal principio, scavalcando gli ostacoli istituzionali di un paese che sembra voler far rivivere i suoi peggiori fantasmi.

Insomma, la speranza che, alla fine, il gusto abbia la meglio sulla bruttezza ideologica.

Polonia

* Herbert Zbigniew, “Potenza del gusto”, in Herbert Z., Rapporto dalla città assediata, Adelphi, Milano 1993: 219-220.

** Urso Alex, “Polonia tra paura e cambiamento”, Artribune, VI, 30, marzo-aprile 2016: 36-39.

________

In Polonia si mangia benissimo

in cibo by

Contrariamente a quanto l’orgoglio Italico ci porti a pensare, anche al di fuori dei confini dello stivale si puo‘ trovare una cucina in grado di soddisfare i nostri esigenti palati di masticatori di spaghetti. Nel mio ultimo viaggio a Varsavia, grazie all’abile guida di Darek, ho potuto sperimentare alcune delle prelibatezze polacche.

Nella zona di Mokotow- cosi’ chiamata per la polacchizzazione del termine francese Mon Coteau, la mia collina.- arriviamo alle sette in punto in un tipico ristorantino di Varsavia, il Bisti. Si tratta di una piccola trattoria con sette otto tavoli, frequentata principalmente da abitanti del quartiere, identificabili come una discreta e ben vestita borghesia fatta di medici (come il mio amico Darek), professori universitari (la zona di Mokotow ospita quasi tutto il sistema universitario di Varsavia) ed ex-belle donne dall’aria stanca e il viso pallido.

 

Bisti
Il Bisti, tipico ristorantino di Varsavia dove gustare specialita’ polacche.

La cucina a vista, con tanto di lavagna e piatti del giorno scritti col gessetto appesa al muro, richiama le tradizioni del Pigneto, un quartiere di Varsavia interamente ricostruito dopo i bombardamenti della Seconda Guerra mondiale. Mi dicono che spesso suonatori di Bonghi improvvisano motivetti di Chopin per rallegrare l’aria e addolcire ulteriormente l’aspetto del mite personale che si affaccenda oltre il bancone di ferro.

Lavagnetta

Ci accomodiamo ad un tavolino di formica senza tovaglia ed un giovane cameriere con gli occhialetti tondi e la parannanza bianca ci porge i menu’ e ci chiede se vogliamo ordinare da bere. Il mio amico Darek ordina una soda: in Polonia infatti il livello di tolleranza di alcol nel sangue e’ pari allo 0,000%, e ogni infrazione e’ punita con la deportazione in Siberia. A me viene proposto del Vermentino  al bicchiere. Pur sorpreso, accetto. Quando arriva la bottiglia, sull’etichetta c’e’ scritto “Vino Bianco”. Con un esame piu’ approfondito, intercetto la provincia nel quale il suddetto “Vino Bianco” e’ prodotto: Cn, vale a dire Cuneo, in Piemonte, poco piu’ a Sud di Cracovia. Le pareti esterne di Bisti sono di vetro, creando un tipico effetto da esterno in un luogo interno: nel vedere il mio volto emaciato riflesso sul vetro, per un attimo ripenso a Kieslowsky e alla doppia vita di Veronica.
Esamino il menu’ e faccio fatica a scegliere tra alcune delle piu’ note prelibatezze polacche:

IMG_20150922_191634
Menu’ del Bisti dove spiccano gli “Spaghetti Carbonara”.

 

Oltre alle note specialita’ Spaghetti Carbonara e Spaghetti Bolognese (esportati persino in Italia e molto popolari a Roma dalle parti del Vaticano, in quei ristorantini in cui i pellegrini polacchi si rifugiano, attirati dalle foto esposte fuori alla ricerca dell’amato comfort food di casa loro) colpisce la presenza dei Tagierini ai gamberi tigre, pescati nel mar di Polonia- notissimo per le sue spiagge assolate e l’acqua tiepidamente cristallina- e gli gnocchi fatti in casa con pesto di pomodori secchi e rucola. Si’, rucola.

Opto per una tartare di manzo, il mio amico Darek cede invece alla dadolata di tonno rosso. Ordiniamo anche una focaccia sale marino e rosmarino, rigorosamente fatta in casa e cotta al forno a legna. Termini come focaccia precongelata e  pane rigenerato suonano come blasfemi in questo tempio della genuinita’.

 

Focaccia
Focaccia sale marino e rosmarino

Nel frattempo ci raggiunge Marek, che ha fatto tardi perche’ impegnato col figlio in un tema di Polacco. Ordina una tisana. Indossa una maglietta attillata nera a maniche corte, sull’avambraccio destro un tatuaggio in caratteri gotici recita “never ever give up”. Oggi pomeriggio, durante la Business Review, abbiamo visto una foto di lui sul desktop del suo lap top che finiva la mezza maratona del mezzo Iron Man, una cosa tipo 21 chilometri di corsa dopo 5 a nuoto e 75 in bicicletta. Mentre la sua bustina di lemongrass e zenzero diffonde un simpatico aroma nell’aria, mi mostra una foto di lui di due anni fa, o meglio di trenta chili fa: in quell’immagine non e’ rimasto quasi nulla del mezzo iron man che ha appena ordinato una dadolata di tonno rosso seduto davanti a me, se non lo sguardo incredibilmente determinato. Il Marek di due anni fa era, infatti, un tricheco baffuto amante dei cannoli siciliani a colazione.
Arrivano i secondi. Darek ha ordinato il polpo, tipica specialita’ di Varsavia, mentre io sono andato sulle  piu’ tradizionali costolette di agnello, altro pilastro della cucina dei cugini di Karol Woytila.

 

Octopus
Polpo grigliato, tipica specialita’ polacca

Varsavia, sia detto chiaramente, e’ una citta’ allo stesso tempo triste e bellissima, affascinante come una donna straniera, una di quelle bellezze che portano negli occhi azzurro ghiaccio tutta la tristezza dell’ Europa dell’Est.
Il giorno dopo, all’aeroporto “Frederick Chopin” compro una tazza come souvenir: e’ bianca e rossa, i colori della bandiera polacca. Una grossa aquila di aspetto vagamente germanico, completa l’immagine di potenza e orgoglio locale che quel semplice oggetto trasmette. Ci bevo il mio cappuccino italico- il miglior cappuccino del mondo- e la metto a lavare. Dopo il primo passaggio in lavastoviglie, quei colori sgargianti capaci di incutere timore allo (sprovveduto) straniero in visita in terra polacca si stingono, lasciando solo un pallido ricordo. Ora la uso per metterci penne e matite.
Alla fine, dopo una visita in Polonia, forse rimane rimane soprattutto questo, il pallore di un popolo che tanto ha sofferto e che nonostante tutto mantiene un- a tratti inspiegabile- orgoglio nazionale che gli fa parlare della Polonia come “del piu’ bel paese del mondo”.
Nasdrovia!

Soundtrack: Gazebo-I like Chopin

Go to Top