un blog canaglia

Tag archive

meme

Il terrore di esporsi su cose serie

in internet by

 

«Senza dimenticarmi del mio progetto immaginario: quello di restituire alla mia generazione,  ma anche a quelle che verranno, il diritto a essere seri senza doversi per forza sentire in colpa. Distruggere la maledizione dell’ironia. Abbattere la dittatura della simpatia. Eliminare la necessità percepita di potersi esprimere soltanto attraverso battutine del cazzo sui social network, col terrore di fare la figura dei presuntuosi.».

dal facebook di Francesco Paolo Maria Di Salvia, 31 gennaio 2017

Quando è cominciato tutto questo? Se ogni cosa deve essere provata scientificamente, se anche l’intellettuale x del secolo y è un cialtrone totale perché ha detto qualche fesseria ed è diventato la bandiera del movimento z, non ci resta davvero che la simpatia? O è tutto rumore di fondo che però ci sembra invece imponente come un concerto di Wagner? Ci vuole un atto di volontà, dice, basta fregarsene. Ma quando è cominciato tutto questo?

A un certo punto qualcuno ci ha fatto notare che quello che quasi tutte le cose che ci entusiasmavano o ci hanno entusiasmato avevano un sacco di falle logiche: alcune sono proprio madornali, altre meno, ma se la realtà diventa un teorema da dimostrare alla fine non importa la dimensione dell’errore. Da qui il terrore di esporsi su cose serie, da qui l’ironia che utilizziamo per ostracizzare in maniera violenta qualsiasi prospettiva che comporti il rischio di combinare quello che hanno combinato gli intellettuali comunisti o i critici letterari strutturalisti.

Ma proprio l’esistenza di maestri che puntano il dito verso “quello che hanno combinato questi o quelli” dovrebbe anche ricordarci contestualmente l’esistenza dei cattivi maestri, – che, al momento, sembrano dire cose giustissime ed eccellentissime – e la possibilità che i maestri di oggi siano essi stessi dei cattivi maestri. Che la realtà (o verità) sia un teorema da dimostrare è un’altra fallacia umanistica; una versione distorta dello storicismo; di cui il pensiero scientifico si è liberato: vedi Godel, Schrodinger, e Heisenberg nel dibattito scientifico sull’inconoscibile. Tutto ha falle logiche perché la logica (filosofica e pratica) è sopravvalutata. La logica (filosofica e pratica) è la madre nobile del perfezionismo che è una nevrosi fatta e finita. Secondo la logica umanistica, ci dovremmo ammazzare tutti in questo momento, o adottare la soluzione soft di non procreare più and die out, hand in hand, brothers and sisters. Secondo la scienza no, non ci è neanche dato scegliere, perché i nostri geni sono egoisti e siamo follemente programmati per riprodurci, e riprodurci, e riprodurci.

Quanto alla paura, prendiamo spesso in giro i Social Justice Warriors perché sono troppo e continuamente offesi dalla realtà: ma “il terrore di esporsi su cose serie” non è soltanto una versione più sofisticata della paura del mondo? L’ironia come safe space perché la serietà porta con sé la cattiveria della critica? Ci stiamo togliendo il diritto di poter sbagliare perché i nostri padri hanno sbagliato; dandogliela, implicitamente, vinta per l’ennesima volta; e usando lo stesso strumento che ci hanno trasmesso: una supposta superiorità morale in nome della quale “non ci abbassiamo a fare errori e dunque meme a spiovere”.

ndr: Il pezzo è un riadattamento di una conversazione su facebook tra FPMDS e Dario Novello

Le canzoni di Sanremo 2016 spiegate meme

in musica by

Le abbiamo ascoltate tutte. Recensirle sarebbe banale, e poi già c’è venuta l’orchite a sentirle, figuriamoci a leggerne. E allora perché hanno inventato l’internet? Per i porno e per leggere di meno, naturalmente. Eccovi serviti.

Lorenzo Fragola – Infinite volte
iWKad22

Noemi – La borsa di una donna
20061207_fuoco-thumb

Dear Jack – Mezzo respiro
jiFfM

Giovanni Caccamo e Deborah Iurato – Via da qui
70372497a55f4087bc1cfae6c35bd912

Gli Stadio – Un giorno mi dirai
42984716

Arisa – Guardando il cielo
21618762

Enrico Ruggeri – Il primo amore non si scorda mai
Italias-Got-Talent-gerry-scotti

Bluvertigo – Semplicemente
7f3741906cde3bfa77ea40e62c6f7217

Rocco Hunt – Wake Up
loud-noises

Irene Fornaciari – Blu

Dolcenera – Ora o mai più” (le cose cambiano)
Fap-Meme-11

Clementino – Quando sono lontano
Indifferent-Cat

Patty Pravo – Cieli immensi
ywnce

Valerio Scanu – Finalmente piove
e406598190525e2cb8d38a82d908cbd26553c4ef496f14755e85ec0bcd4bd6f0

Francesca Michielin – Nessun grado di separazione
58516278

Alessio Bernabei – Noi siamo infinito
Triple-facepalm-picard-812

Elio e le Storie Tese – Vincere l’odio
no

Neffa – Sogni e nostalgia
39297549

Annalisa – Il diluvio universale
ad63841246_its_time_

Zero Assoluto – Di me e di te
xn676z

Generatore automatico di immagini proiettate su San Pietro per il Giubileo

in internet/religione by

Per l’apertura del Giubileo straordinario su San Pietro sono state proiettate suggestive immagini ispirate all’Arca di Noè e alla bellezza del Creato, con un effetto scenico di grande impatto.

Tuttavia, sono state a nostro parere omesse alcune meraviglie che non possiamo risparmiarci dal segnalare.

Ecco allora cosa abbiamo sognato di vedere proiettate sulla facciata di San Pietro.



Fare refresh per ottenere nuove meraviglie del Creato proiettate su San Pietro per il Giubileo

Clown assassini, genesi di una psicosi

in società by

Il 10 maggio 1994, pochi minuti prima della mezzanotte, John Wayne Gacy venne giustiziato  per mezzo di un’iniezione letale nella Stateville Prison di Joliet, Illinois. Gacy, che negli Stati Uniti è noto come Killer Clown, fu condannato a morte per aver rapito, torturato, sodomizzato e ucciso 33 uomini (molti dei quali poco più che adolescenti) tra il 1972 e il 1978. Quando la notizia del suo arresto finì su tutti i giornali, la comunità di Chicago rimase incredula: tutti lo conoscevano come un uomo generoso e dedito al volontariato. In quegli anni John si distinse infatti per la sua attività di intrattenimento clownesco durante eventi di beneficienza. Da qui il soprannome che gli attribuì la pubblicistica.

La sua storia fece così scalpore e penetrò così a fondo nella cultura popolare americana che contribuì a formare l’immagine del clown malvagio. Si dice, ad esempio, che Stephen King prese spunto da questa vicenda per scrivere il suo celebre romanzo horror It, pubblicato nel 1986. «Sono l’incubo peggiore che abbiate avuto, sono il più spaventoso dei vostri incubi diventato realtà, conosco le vostre paure, vi ammazzerò ad uno ad uno» diceva il clown Pennywise, antagonista del romanzo. Dal libro venne successivamente tratta una miniserie televisiva di grande successo, che diede ulteriore linfa all’immaginario orrorifico e lo portò prepotentemente nelle case degli americani prima e degli europei poi.

Negli anni ’90 il tema continuò ad essere presente nella cultura pop americana. Letteratura, musica, cinema, videogames alimentarono il topos del pagliaccio assassino, che con l’avvento di Internet si diffuse a livello mondiale. Un esempio significativo: in un episodio della quarta stagione della famosissima serie animata  The Simpsons si racconta di quando Homer costruì un letto a forma di clown malvagio per il piccolissimo Bart, che terrificato ripeteva tra sé e sé «non posso dormire, il clown mi mangerà». Can’t sleep, clown will eat me divenne poi un meme Internet ed ispirò una quasi omonima canzone del cantante rock americano Alice Cooper.

La rappresentazione violenta e antisociale del pagliaccio ha trovato quindi terreno fertile nella Rete. Secondo John G. Robertson, autore del dizionario della lingua inglese Robertson’s Words for a Modern Age, il termine ‘coulrophobia’ (paura dei clown) si sarebbe propagato più sull’Internet che sulla carta stampata.  Provare per credere: fate una ricerca immagini su Google con le parole chiave “Internet clown“. I risultati  saranno in grande prevalenza raffigurazioni negative, violente, orrorifiche. Questo dimostra quanto sia effettivamente cambiato il personaggio nel repertorio dell’immaginario popolare, testimoniando inoltre il ruolo fondamentale del nuovo mezzo di comunicazione di massa nel processo di trasformazione.

Ma veniamo finalmente all’attualità. Ho appreso da un articolo de Le Monde che nel mese di ottobre sono state segnalate alle autorità francesi numerose apparizioni pubbliche di clown “assassini”, cioè di persone travestite e armate di armi in plastica (soprattutto coltelli). Episodi di questo tipo sono accaduti a Périgueux, a Liévin, a Douvrin; la maggior parte delle segnalazioni sono pervenute dal nord della Francia ed in particolare dalla regione Nord-Pas-de-Calais. Queste comparse hanno provocato un certo allarmismo tra la popolazione, ingrassato naturalmente dai titoli della stampa locale e nazionale. Così, nel giro di qualche giorno, sono nate diverse pagine Facebook anticlown e si sono formati numerosi gruppi di “cacciatori di clown”, che hanno preso a girare in alcune città francesi armati di coltelli e mazze da baseball. E non sono mancati episodi di violenza: il 24 ottobre scorso a Montpellier un uomo travestito da pagliaccio è stato aggredito da un pedone con una spranga di ferro; il giorno precedente un ragazzo mascherato aveva distrutto un’autovettura nell’Hérault. La faccenda si sta quindi facendo via via più seria.

Ma dove nasce questa nuova tendenza? A quanto pare a Wasco, California, dove una coppia di artisti travestiti da It ha cominciato a manifestarsi per le strade della cittadina americana in piena notte. Le foto, che sono state postate sui social network, hanno fatto il giro del mondo, facendo crescere rapidamente il numero di emulatori sia nel piccolo centro californiano che al di qua dell’Atlantico. In Europa, grande successo ha avuto il canale You Tube DmPRANKS, gestito da due ragazzi umbri che hanno ripreso e messo online una serie di scherzi in cui terrorizzano i passanti inscenando omicidi e violenze travestiti anche loro da clown malvagio. Il loro video più famoso ha avuto più di 32milioni di visualizzazioni.

Da quando ha cominciato a diffondersi questa candid camera horror, anche in Italia le segnalazioni alla polizia si sono moltiplicate. La fobia collettiva è cresciuta soprattutto in provincia di Perugia (dove effettivamente sono stati realizzati gli scherzi di DmPRANKS) ma anche a Modena e Reggio Emilia, e persino a Brindisi, dove i clown non sarebbero soltanto “picchiatori” ma anche “rapitori”.

Insomma, il fenomeno continua a svilupparsi (si vocifera di casi simili anche in Belgio e in Svizzera) e fa leva sull’apparato immaginativo di quella che ormai è diventata una tradizione narrativa. Per il momento, a quanto sembra, in Italia si tratta soltanto di leggende metropolitane alimentate dal passaparola sui social network, cioè di una psicosi. Ma è difficile escludere che possa trasformarsi in qualcos’altro, persino in manifestazioni antisociali violente. Del resto, non sarebbe la prima volta. E del resto il volto sformato e ghignante del clown fa maledettamente paura.

Go to Top