un blog canaglia

Se i gay sono malati

in talent by

di Enea Melandri

Tranquilli, non voglio tediarvi col solito pippone perbenista sulla ‘famiglia naturale’, ma solo fare qualche considerazione.
Sia chiaro subito che quanto scrivo non corrisponde al mio pensiero, voglio solo fare una catena di supposizioni dando ragione ai vari Borghezio o Binetti che ogni giorno ci rigurgitano addosso i loro proclami omofobi pseudoscientifici: partiamo con l’ammettere che le persone omosessuali siano veramente malate, che veramente soffrano di qualche deficit dovuto a chissà quale misteriosa sindrome genetica.
In Italia, abbiamo delle bellissime leggi per venire incontro alle persone menomate, come la legge 13 del 9 gennaio 1989, che contiene “disposizioni per favorire il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati” o la 68 del 1999 che favorisce l’inserimento nel mondo del lavoro delle cosiddette “categorie protette”, persone affette da disabilità o altri svantaggi di varia natura. La legge n. 222 del 12 giugno 1984, entrata in vigore il 1° luglio dello stesso anno, ha inoltre istituito il diritto alla pensione d’invalidità.
L’articolo 3, comma 1 della Legge 104/92 definisce come “persona handicappata colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione”.
Sempre partendo dal ragionamento che i gay siano veramente persone gravemente malate, e quindi che davvero ‘presentino una minorazione fisica, psichica o sensoriale’, credo che siano a tutti gli effetti da far rientrare nelle persone invalide tutelate dalla citata legge 104/92 (alla luce degli ultimi fatti d’attualità, dei pestaggi omofobi e degli episodi di discriminazione in vari contesti, credo sia anche lecito affermare che l’omosessualità causi problemi di relazione o integrazione lavorativa, determini svantaggio sociale o emarginazione).
Pertando, chiedo l’istituzione di una pensione di invalidità civile anche per le persone omosessuali, perchè non possono fare le parte dei disturbati mentali solo quando fa comodo.

13 Comments

  1. Ok, la provocazione c’è: però se premetti e ripremetti che per carità, è una provocazione eh, ci mancherebbe, io volevo solo dire dando per buono quello che dicono con cui io, lo ripeto, non sono d’accordo, allora la provocazione va a farsi fottere. E il post diventa debole. Sorry, io voto l’altro.

  2. Lo spunto é stupendo. Ma bello veramente. Ma non si sviluppa nella maniera che meritava. Peccato. L’altro ha uno spunto più banale, é un pó troppo lungo ma lo trovo più coerente con la linea del blog. Voto l’altro.

  3. Bell’idea, ma concordo sul fatto che l’esecuzione lascia a desiderare: un paradosso va sostenuto come se ci si credesse, altrimenti non fa effetto. Voto l’altro.

  4. Concordo con gli altri sull’espediente argomentativo, però c’è quasi solo quello e la conclusione è proprio tirata via. Mi spiace, voto l’altro

  5. Cosa mi piace:

    – l’idea; l’argomento del gay “malato” è usato talmente tanto e talmente a sproposito che è sorprendente quanto raro sia trovare qualcuno che faccia notare le ipotetiche conseguenze;

    Cosa non mi piace:

    – il post ha obiettivamente poco mordente.

    Nonostante i difetti, ho trovato questo post più originale dell’altro, e lo voto.

  6. Secondo me la reiterazione della presa di distanza dalle tesi espresse è peccato veniale. Quello che non mi piace è la chiusura, di cui non capisco il senso. Mi astengo.

    • Credo che il senso della frase finale fosse “perché non possono essere considerati disturbati mentali solo quando fa comodo”.

  7. 1-Questo metodo di votazione è più democratico di tutti quelli adottati dal Movimento 5 Stelle
    1 bis- E’ più democratico pure delle primarie del Pd
    2-Comunque, il fatto che manchi Ferrando sulla scheda è un disincentivo al voto
    3-Non posso che votare questo post per il ripescaggio
    Baci e abbracci
    m.

  8. d’accordo con chi sostiene che poteva essere affrontato meglio il tema, il contenuto mi piace 🙂 Voto questo per il ripescaggio!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from talent

Go to Top