un blog canaglia

Sarebbe un flipper

in società by

Qualcuno faccia presente al papa che pronunciarsi contro la “liberalizzazione” (meglio sarebbe dire “legalizzazione”) delle droghe, e contestualmente lamentarsi del “narcotraffico”, altro non è che una spaventosa contraddizione logica.
Senza politiche proibizioniste, infatti, non ci sarebbe alcuna necessità di vendere droga in modo illegale, e quindi non esisterebbe il “narcotraffico”.
Dopodiché qualcuno potrebbe eccepire che se la gente non si drogasse non ci sarebbe bisogno né della legalizzazione né del commercio illegale di droga; così come molti americani, negli anni ’20, andavano sostenendo che per sconfiggere Al Capone sarebbe stato sufficiente eliminare il consumo di alcolici.
Il che, tenendo a mente come sono andate a finire le cose da quelle parti, ricorda molto da vicino una nota affermazione: se mio nonno avesse cinque palle, sarebbe un flipper.

METILPARABEN E’ nato e cresciuto al Colle Oppio, ha studiato dai preti, è commercialista, tifoso della Lazio e radicale. La combinazione di queste drammatiche circostanze lo ha condotto a sviluppare una fastidiosa forma di nevrosi ossessivo-compulsiva caratterizzata da crisi di identità: crede di essere il blogger Metilparaben.

10 Comments

    • La vendita delle armi da guerra è legale. Ed è comunque sbagliato il concetto, perchè le droghe non sono armi da offesa.

    • il bersaglio dell’arma (solitamente) è il prossimo. Della droga, il bersaglio è lei. C’è questa sottile differenza…

  1. Campi Alessandro Siro, è esattamente quello il punto: quando un arma è venduta legalmente, quanto meno si possono tracciare i possessori; se invece viene venduta illegalmente, non c’è modo di conoscerne la diffusione ed i proprietari.

    Inoltre, la vendita illegale alimenta tutta una serie di ingiustizie, di soprusi e di altre attività illegali.

  2. Campi A. — ti ha già risposto Pasquale. Aggiungo che legalizzare non significa che ad ogni angolo di strada trovi chi ti offre droghe e/o simili.
    Io sono contro le armi- ovviamente – ma non mi sogno di pensare che domani con una legge che le proibisca arrivi la pace nel mondo.

  3. Campi: con le armi si ammazzano gli altri. Con la droga si ammazza (talora) se stessi. Ti pare una differenza da poco?

    • anche le droghe possono essere nocive per gli altri che nn le assumono come l’alcool….gli incidenti stradali non sono cosa da poco

  4. Campi siamo in caduta libera con i paragoni eh? A questo punto possiamo paragonare tutto , tutto è direttamente proporzionale o inversamente proporzionale , tutto , e che la logica si vada a far benedire non importa, il nostro piccolo paragone lo abbiamo fatto , siamo a posto così.

  5. Molto opportuna la strigliata a Papa Francesco, che cade in una contraddizione grande come una casa.
    Ma si sa, un Papa deve fare il suo mestiere, e così anche Bergoglio si esprime contro aborto e matrimonio gay: e mo’ chi glielo dice a Giacinto?
    No, perché non sarà sfuggita a Capriccioli l’ultima acrobatica piroetta giacinta, tutta vaticancardinalizia, in lode e gloria di papi, vescovi, cardinali e sante gerarchie.
    L’UMU? Non pagano l’IMU? Sssss.., e chi se ne ricorda più…
    Forza, qualcuno de suoi badanti si faccia coraggio e glielo dica: “il Santo Padre è proibizionista!”
    Con tatto, con garbo, per non turbarlo..

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from società

Al posto di Fabo

Già si sentono i rumori di fondo dell’esercito di fondamentalisti che si
Go to Top