un blog canaglia

Ryan Giggs

in sport by

Ryan Giggs è un calciatore gallese che gioca in Inghilterra, nel Manchester United. Ed è una leggenda del giuoco del calcio.

Vi bastino solo alcune considerazioni ad effetto: in carriera ha vinto 13 campionati inglesi, tanti quanti quelli vinti dall’Arsenal in tutta la sua storia. È uno dei 18 uomini nella Storia ad aver giocato più di 1.000 partite ufficiali, uno dei cinque ancora in attività. Perché Ryan Giggs è ancora in attività, sebbene abbia cominciato a giocare nella prima squadra del Manchester United nel 1990, ventitré anni fa (Achille Occhetto era ancora il segretario del Partito Comunista Italiano) e ormai abbia 40 anni. Il fatto che giochi nel Manchester United dal 1990 gli ha consentito di diventare il primatista di presenze nella storia del club, con 759 partite ufficiali disputate, nel 2008. Da cinque anni, in cui ha continuato a giocare in media 34 partite all’anno. 34 partite all’anno (e 10 durante questi primi tre mesi e mezzo di stagione agonistica) significa un calciatore totalmente integro fisicamente, mentalmente, tecnicamente. Che non viene tenuto in rosa solo perché è una bandiera, un simbolo che da consigli ai più giovani ed è pronto per la scrivania. Giggs, come l’altra leggenda Paul Scholes (un giorno parleremo anche di lui e della sua fantastica storia, del ritiro a 37 anni, del suo ritorno in campo a 38 anni), anche se ha un’età in cui i molti altri calciatori si dividono in allenatori precoci, direttori sportivi improbabili e debosciati tutta la notte coca e mignotte, continua serenamente a giocare a calcio.

Ma c’è una cosa che colpisce in particolare. Sebbene Giggs abbia giocato più di 900 partite nel Manchester United, prevalentemente nel ruolo di ala o di mezza punta (in ogni caso, in ruoli offensivi), ha procurato per la sua squadra soltanto cinque rigori. In tutta la sua carriera. Pensate ad una qualsiasi ala o mezza punta, di una qualsiasi squadra, quanti rigori riesce a procurare per la sua squadra. Ci sono giocatori che, nello stesso ruolo di Giggs, procurano cinque rigori all’anno alla propria squadra.

Giggs invece ha procurato soltanto cinque rigori in più di venti anni. Il perché, ce lo fa capire Sir Alex Ferguson (ennesima leggenda del Manchester United,che ha allenato dal 1986 al 2013), in un estratto della sua autobiografia segnalato da Gary Lineker

giggs ferguson

Dopo un rigore procurato da Giggs nel 2010, Ferguson si chiede quanti ne abbia procurati in carriera, cinque appunto. Because he always stays on his feet, sta sempre in piedi, questa è la banale ragione secondo Ferguson. Che poi immagina un ipotetico dialogo con Giggs, in cui gli chiede “ma perché non ti sei buttato a terra procurando il rigore? Ne avevi tutto il diritto!” e in cui Giggs risponde, un po’ incredulo (“he would look at me as if I had horns”) e un po’ indifferente (“he would wear that vacant look”“I don’t go down”, non cado a terra. Ancora più semplice, ancora più banale.

Ancora più leggendario.

(grazie a Giulio)

Nato e cresciuto tra la provincia di Napoli e quella di Salerno, amo i loro lati positivi e odio quelli negativi. Dice: e grazie arcangelo. No no, provate a parlare con chi ci vive. Dal 2000 mi trovo stabilmente a Roma, dove ho cambiato idea diverse volte, credendo che sia questa la vera chiave. Vi amo tutti.

1 Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from sport

Cattivi maestri

In tutta la vicenda dello scontro tra Valentino Rossi e Marc Marquez,
Go to Top