un blog canaglia

Romeo

in internet by

Mi chiamo Romeo, sono un gatto e uso facebook. Cosa? Stai pensando che non è possibile? Che un gatto non sa utilizzare un computer e dunque non può usare facebook? Rassegnati: sono proprio un gatto. Un gatto tutto bianco con un padrone vicentino. Sì, lo so cosa dicono sui vicentini ma ti sembra il caso di fare ironia? Cazzo, immagina di dormire nella stanza accanto a quella di un presunto cannibale. Sghignazzeresti allo stesso modo? Non vuoi pensarci, eh ? Bene, almeno la finisci di fare ironia. Dicevo: sono un gatto tutto bianco con un padrone vicentino e mi piace la pizza. Pare che la pizza non faccia bene agli animali ma se anche mi gioco una delle sette vite che c’ho poco male, nella prossima starò più attento. Non conoscevo la pizza prima di farmi il profilo facebook, tutte le foto che pubblicano quelli che vanno a cena fuori mi hanno fatto venir voglia e allora ho provato. Che poi la vera ragione per cui ho deciso di iscrivermi è che un amico gatto romano continuava a dirmi « guarda che ‘sto facebook è pieno de gatte nude, fatte er profilo ». E allora ho fatto il profilo, così per curiosità. Dal momento in cui ho fatto il primo accesso, la mia seconda vita è cambiata. Sono diventato un erotomane (erotogatto sarebbe più appropriato, ma va be’). Ho cominciato a sfogliare gli album pubblici di tutti quelli che hanno un gatto alla ricerca di qualche bella foto sensuale. Ma no, cos’hai capito, mica le foto della vacanza a Ibiza dell’amica dell’amica dell’amica. Le foto delle gattine, naturalmente. Sono un gatto, mica un pervertito. Tutte quelle gatte nude e in pose sensuali… Ce n’è per tutti i gusti: da quella con le zampe sul gomitolo a quella che dorme su un fianco mostrando le parti intime; dalla maliziosa che strizza gli occhi alla timida che nasconde il musetto con le zampe. Così facebook è diventato per me quello che youporn è per voi. Cosa? Un gatto non si eccita con le foto? Lo dici tu! Un gatto si masturba pure, amico mio. In verità, un gatto normale non si masturba, ma quelli che hanno conosciuto facebook pare che abbiano cominciato. It’s Darwin, baby. Sia chiaro: questa storia deve rimanere tra di noi; ché se lo sa Zuckerberg mi censura le foto e addio autoerotismo (autogattismo). Ora scusa ma ho scovato un album di un tizio che scatta foto alle sue gatte mentre fanno pipì. Una roba disgustosa, eh? Disgustosa per te, forse. Questa è roba che migliora la serata! Se non avessi conosciuto facebook, sarei ancora a dormire in quella specie di lettino del cazzo. Starei ancora a fare una vita da gatto.

2 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from internet

Zelig in evidenza

You realise che stai arrivando a Craco quando d’un tratto lo sconfinato
Go to Top