un blog canaglia

Ringraziare no?

in società by

Fatemi capire una cosa: quando lo dicevate voi che le deputate, le assessore e le ministre dell’altra parte politica occupavano quei ruoli soltanto perché abili nell’arte del pompino – ebbene sì, in senso tecnico è un’arte – andava tutto bene? Adesso che un grillino esagitato ve lo grida a piena voce sarebbe un insulto, hate speech, discorso dell’odio, come dice la Marzano? Fatemi capire perché questa logica dell’indignazione mi sembra richiamare una presunta superiorità morale accompagnata da abbondante puritanesimo. “Noi, donne del Pd, non solo siamo qui perché brave, ma certe cose non le facciamo” sembra il succo delle dichiarazioni di queste ore. La Marzano dice di aver smesso per qualche secondo di respirare. Manco le avessero investito il cane. Alessandra Moretti si scusa in tv perché costretta a riportare la presunta frase pronunciata dal deputato del M5S De Rosa, una frase che contiene la parola pompini. Si scusa perché potrebbe urtare la sensibilità dei bambini. E ci posso stare. Si scusa perché potrebbe urtare la sensibilità delle famiglie. E ci posso stare, anche se non capisco cosa significhi urtare la sensibilità di una intera famiglia. Si scusa perché potrebbe urtare la sensibilità delle donne. E qui non ci sto. Ma perché la parola pompino dovrebbe urtare la sensibilità femminile? Ma santo cielo, siete pazze? Solo a me pare che sia una potenziale forma di potere?

Lo so che adesso molte di voi saranno incazzate. Non dovreste, perché sto dalla vostra parte: vorrei che non ci fosse una questione femminile da discutere. Però, a differenza vostra, ritengo che per ottenere una parità effettiva, occorra essere disposti a parlare di pompini. E ritengo che, se qualcuno vi grida che siete brave a fare solo quello, invece di sporgere denuncia, potreste rispondere “Sì, grazie, anni di pratica”.

13 Comments

  1. Michela Marzano
    -laurea alla normale di Pisa
    -docente universitario a Parigi
    -deputato pd
    Nicole Minetti
    -igienista dentale
    -partecipazione alle ‘cene eleganti’
    -catapultata nottetempo nella lista formigoni per farla eleggere

    di cosa stiamo parlando esattamente? No, perchè allora ha ragione Ferrara (credo) quando afferma che la Iotti era lì solo perchè si trombava Togliatti.

      • Non tutte come la Minetti hanno la fortuna di essere emancipate e farli a MR.B., per un tozzo di pene…mmm pane sorry. Sta a vedere che Marzano per sentirsi accettata dal nuovo femminismo, decida di scendere in bocciofila e scelga di allietare tutti con una blowbang.
        Certo, non sarebbe ancora libera e emancipata come le femministe in quota PDL, ma un passo alla volta,anche la Minetti per sbucciarsi le ginocchia ha fatto un lungo percorso partendo dal carrozziere prima di arrivare in consiglio regionale.

      • in igiene dentale. Io ho quella in merendine avariate, tra un anno mi trasferisco al CERN.

        PS
        sulla Iotti non le rispondo nemmeno. Per fortuna nel ’44 c’erano persone come lei in Italia.

  2. quale uomo rivendicherebbe con misto orrore di non fare connilingus? bah! a me sembra che la Marzano sia effettivamente un’arcimoralista con seri problemi suoi: basta legge uno dei suoi libri sull’amore o starla ad ascoltare mentre parla di femminismo.. i pompini fanno parte del sesso, il sesso è un’attività umana normale che facciamo più o meno tutti, e non c’entra destra/sinistra/laurea alla Normale/igienista dentale. Non solo: è un’attività buona e bella, con valori positivi, abbondantemente riconosciuti anche nell’arte e nella letteratura, è una forma intensa di relazione con sè e con l’altro, è spesso collegata all’amore, è qualcosa che fa naturalmente parte della cresita e della formazione di ciascuno, è qualcosa di assolutamente naturale,.. non ha niente di vergognoso, pompini compresi. La Marzano avrà i suoi gusti personali, ma se ritiene che le donne debbano vergognarsi al solo pronunciare la parola pompino più che in un partito di sinistra forse dovrebbe stare in Fiamma Tricolore. E basta pensare all’esempio opposto sostituire alla donna (es. di genere discriminato) l’uomo (esempio di genere non discriminato) e provare a pensare se riteniamo che si dovrebbe vergognare di fare connilingus? mai sentito nessuno affermarlo.

    • ma come fa a non vedere che il senso della frase è ‘non siete buone a nulla, solo a succhiare i cazzi’, e l’insulto è contenuto nella PRIMA parte, e non nella seconda?

      • ma lo vedo.. e sono d’accordo.. siete incompetenti è l’insulto.. ma avendo l’impressione di un sovrappiù d’indignazione perchè si è detto “pompino”.. e conoscendo le idee della Marzano.. si è fatta una polemica laterale che non vuole disconoscere il fatto che dare dell’incompetente a qualcuno sia insultarlo, ma vuole prender spunto dalla reazione di qualcuno per parlare di moralismo.. non è che afforntare su Libernazione un filone laterale sottragga qualcosa alla discussione sull’insulto: il resto del mondo si sta concentrando su quello.. che male c’è se qualcuno ne approfitta per prendere le cose da un altro verso?

  3. Conta l’intento con cui le frasi sono dette. Non le frasi in sè.
    Peraltro il tipo non ha detto “che brava che sei a fare i pompini” – che in quel contesto sarebbe comunque stata una frase offensiva – bensì “siete brave SOLO a fare i pompini”, mettendo quindi in dubbio le capacità politiche delle interlocutrici.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from società

Al posto di Fabo

Già si sentono i rumori di fondo dell’esercito di fondamentalisti che si
Go to Top