Puppato, prima di tutto panda

in politica/società by

Non essendo veneta, prima delle primarie non sapevo chi fosse di Laura Puppato. In realta’ non sono nemmeno fiorentina, pero’ Renzi lo sapevo chi era. Prima di vederla all’X-debate, Laura Puppato l’avevo sentita nominare quasi esclusivamente preceduta da frasi del tipo “alle primarie c’e’ anche una donna”. Normalmente basterebbe questo per farmi prudere la lingua. Poi ho sentito Laura Puppato parlare al dibattito e in varie interviste. Ecco, c’e’ almeno una cosa da salvare di queste primarie: il 2% di Laura Puppato. Perche’ se una candidata ha 30 secondi per convincermi a votarla e mi dice che lei e’ donna, il 2% se lo merita. Cosa dovrei pensare del suo programma se lei stessa trova piu’ convincente dirmi prima di tutto che lei e’ donna, cosa per altro lapalissiana? Allora ben vengano i 2% a lei e a tutte le donne che si presenteranno a qualsiasi competizione come donne, caratteristica che accomuna piu’ della meta’ della popolazione mondiale. Come dite? Laura Puppato aveva un bel programma? E’ una in gamba? Per me se un politico e’ davvero bravo, non ha bisogno di convincerci grazie al suo cromosoma xx. Io voglio sentir parlare di idee e di programmi. I panda prefersico andarli a vedere allo zoo.

Triestina di nascita, della sua terra si porta dietro lo spirito patriottico, lo spritz e la tendenza a sottovalutare qualsiasi raffica di vento sotto i 130 km/h. Radicale, milanista e milanese nel cuore, dopo la laurea il suo corpo fugge verso la Perfida Albione. Qui ottiene un dottorato in storia economica con una tesi sul divario Nord-Sud dopo l’Unità d’Italia. Il suo cervello invece, grazie alla sua tesi e alla mai curata passione per la politica, rimane in larga parte in Italia.

1 Comment

  1. Maledizione, concordo.

    Concordo perché la vera parità è ciò di cui lei parla, quando non ci sia bisogno di sottolineare il genere.

    Maledizione perché quando sento parlare di quote rosa mi viene l’orticaria e penso «le donne sono tante quanti gli uomini, facciano pesare il loro voto». Invece lei cosí rovina tutto e continueranno ad ammorbarci con le quote rosa.

    Ironia a parte, concordo.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*