un blog canaglia

perché Renzi

in politica by

Io domenica 25 voterò Renzi alle primarie del centrosinistra. Lo voterò perché mi sono guadagnata sul campo il diritto a farlo grazie agli anni passati a votare per coalizioni di centrosinistra. lo voterò perché questa volta non si sa gia’ chi le vince le primarie. Lo voterò perché non è vero  che i programmi sono tutti uguali. Lo voterò perché per la prima volta si affrontano due modi diversi di essere di sinistra e in uno di questi mi rispecchio e nell’altro no. Lo voterò perché vedere la paura che vinca Renzi su certe facce basterebbe da sola come motivazione. Lo voterò perché è cattolico ma non sente il bisogno di ricordarmelo ogni volta che apre bocca. Lo voterò anche se non sono con lui al 100% su tutto, ma si piazza comunque meglio di tutti gli altri. Lo voterò perché non mi è mai capitato di ascoltare un leader italiano di sinistra e dirmi che quel discorso lo avrei potuto fare anch’io. Lo voterò perche’ quando vi dicono che siete troppo giovani per essere presi sul serio e dovete avere rispetto per gli anziani, in realta’ sono loro quelli che hanno fatto il loro tempo, e non per questioni anagrafiche. Votare Renzi e’ il modo migliore di dimostrarglielo.

Registratevi per votare al sito Primarie Bene Comune. Se siete italiani all’estero c’e’ tempo fino al 20 novembre alle ore 20 per registrasi al voto online.

Triestina di nascita, della sua terra si porta dietro lo spirito patriottico, lo spritz e la tendenza a sottovalutare qualsiasi raffica di vento sotto i 130 km/h. Radicale, milanista e milanese nel cuore, dopo la laurea il suo corpo fugge verso la Perfida Albione. Qui ottiene un dottorato in storia economica con una tesi sul divario Nord-Sud dopo l’Unità d’Italia. Il suo cervello invece, grazie alla sua tesi e alla mai curata passione per la politica, rimane in larga parte in Italia.

13 Comments

      • – sinistra
        – Matteo Renzi

        O l’una o l’altra.

        L’unica motivazione sensata del tuo voto è “sono più d’accordo con lui che con gli altri”. Il resto mi sembrano motivazioni di voto del tutto retoriche e prive di sostanza, che si possano usare per qualsiasi partito (idem m5s, lega, pdl, ecc.). Poi se sei davvero convinta in buona fede che Renzi sia non solo un progressista, ma addirittura di sinistra, beh, meglio per Renzi, vuol dire che il suo ufficio elettorale ha fatto ottimo marketing. (O dovrei forse dire marchétting?)

  1. Brava. Quoto parola per parola. E aggiungo: lo voterò perchè il suo programma guarda al presente ed è diretto verso il futuro, non guarda a un passato che mai tornerà (e per certi versi per fortuna).
    Lo voto perchè non si nasconde. Dice cose scomode con lo stesso coraggio con cui si è proposto contro l’elite del partito.
    Lo voto perchè è l’unico con il coraggio di portarle avanti e mettere i bastoni fra le ruote a chi si opporrà alla perdita di certi privilegi.
    Lo voto infine perchè so già cosa hanno fatto gli altri e non sono contenta. Per quale motivo al mondo dovrei pensare che adesso sarà tutto diverso?

  2. Brava Anna! Ma io voterò Bersani perché mi rifiuto di fare un salto nel buio.L’Italia è troppo importante per darla in mano ad un Renzi che va dicendo (con garbo, in verità), insieme a cose(ine) sensate, un sacco di bischerate che sanno più di proclama che di programma.

    • io stavolta no. Perchè Bersani si porta dietro una serie di personaggi che, sinceramente, non voglio più vedere. Meglio il salto nel buio che essere costretto a sentirmi ancora per 5 anni i distinguo di Fioroni, la Bindi che supercazzola a destra e sinistra ogni volta che si parla di diritti civili, e D’Alema che un giorno sì e un giorno no compare come intervistato da qualche parte.

  3. Brava Anna! Bisogna mobilitarsi tutti perche’ un’italia diversa e’ possibile. Renzi dira’ delle bischerate, ma propone anche soluzioni nuove a problemi antichi.
    Aggiungo, i programmi contano poco, le persone molto di piu’: il team di persone che ha parlato alla Leopolda (Ichino in testa) mi danno piu’ garanzie dei Fioroni, Bindi, Fassina, etc…
    Votare Renzi sara’ un salto nel vuoto, ma votare Bersani e’ un salto nella certezza di 5 anni di governo di immobilismo culturale e politico

  4. Ma si, alla fine ho deciso che ci vado a votare alle primarie, per votare Renzi. Non è che mi entusiasmi più di tanto lui in sè, ma sono d’accordo con Phil sul fatto che la squadra di Renzi può fare bene, e quindi alla fine a votare ci vado, e voto per lui. E poi vediamo che succede.
    Anche perchè a dire la verità, pure se vince Renzi, non sono poi così sicuro di ridare il mio voto al PD. Questa volta sono proprio indeciso. Soprattutto dipenderà dalla legge elettorale e dalle liste. Stavolta ci sono un po’ di alternative: c’è Fermare il declino, c’è Italia Futura (anche se Bonanni, vabbè), e poi ci sono sempre i cari vecchi Radicali, che prima o poi, un voto, se lo meriterebbero anche…

  5. mah…. Sembrano le primarie del PD.

    Nessuno che abbia contrapposto a Renzi Vendola, motivando il perchè il programma o le politche pregresse di 8 anni di governo di costui in Puglia non siano di gradimento

  6. Se fare politica si limitasse a fare bei discorsi Renzi andrebbe votato un giorno sì e l’altro pure… Ma dei fatti nessuno se ne preoccupa? Fatevi un bel giro a firenze -o una bella chiacchierata con qualche fiorentino- magari con alla mano la famosa lista dei cento punti, e poi se ne riparla…

  7. fate un favore alla storia, non accostate personaggi (nel senso di oggetti mediatici) come Renzi ed il PD al concetto (seppure allargato) di “sinistra”.

  8. Il più decente? Ma Renzi non è decente neanche un po’! Renzi è DI DESTRA!
    Effettivamente potrei votare pure io Renzi, per fare in modo che il PD ufficializzi la propria ormai storica adesione agli ideali del neoliberismo estremo: in questo mod, sparito il PDL, potrà finalmente esistere una vera dialettica italiana tra forze di destra (PD) e di sinistra (non so ancora chi).

  9. Cara Anna, mi fa piacere vederti così convinta, ti confesso che io invece sono combattuta: il cuore dice Vendola mentre il cervello dice Bersani. Puppato e Tabacci saranno da qualche parte su un’unghia, o punta di capello o ghiandola surrenale, non so bene… e Renzi? Beh Renzi è al centro, lascio a te immaginare quale sia l’organo a lui pertinente!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from politica

La festa spenta

Oggi è il 25 aprile. Come sempre, ci sono manifestazioni e cortei
Go to Top