un blog canaglia

Papa Jekyll e mr. Hyde

in religione by

“La Chiesa offre una concezione della famiglia, che è quella del Libro della Genesi, dell’unità nella differenza tra uomo e donna, e della sua fecondità. In questa realtà riconosciamo un bene per tutti, la prima società naturale, come recepito anche nella Costituzione della Repubblica Italiana”.

Non mi interessa tanto commentare la fondatezza del riferimento alla Costituzione in questa affermazione di Papa Francesco: ho già scritto che lo ritengo del tutto scorretto.

Mi interessa capire se siete sorpresi da questa affermazione legata alla visione tradizionale della famiglia. Se lo siete, probabilmente, o siete un giornalista di Repubblica o vi siete fatti fuorviare dall’intensa attività di cosmesi che il papa ha messo su in questi primi mesi di pontificato o entrambe le cose.

Oggi però il papa ci conferma che nonostante il pauperismo esasperato e peloso, le epistole a Scalfari sull’ateismo, le visite a Lampedusa, le telefonate pontificali, loro sono sempre loro: i custodi di una moralità retrograda che ormai non convince più nessuno. Le aperture, i bei gesti, i sorrisi sono solo un modo per poterci dare più a fondo su quello che hanno davvero a cuore e sul quale non mollano l’osso.

Pensiamoci, prima di applaudire la volta che – se continua così – Bergoglio andra in giro per Roma a far attraversare la strada alle vecchine.

In effetti, noi ve lo avevamo anche detto, in più occasioni: se non altro per questo, meritiamo il vostro voto ai Macchianera Awards. Il Papa non vota Libernazione… E voi? Santè

(SINDACATO PAGANO) Nato in terre calde e prospere di disoccupazione si trasferisce giovinetto al Norte dove adesso lavora, rigorosamente a fini di lucro. Attende con speranza che Grillo faccia approvare il reddito di cittadinanza così da poter finalmente vivere come un rentier. Ha scelto il nome da usare nel blog guardando tra le bottiglie di alcolici di un amico rivoluzionario.

5 Comments

  1. e vabbé però… dai tempo. o davvero pensi che un papa dopo sei mesi possa permettersi di opporsi ai principi fondamentali della sua chiesa? …sempre ammesso che intenda farlo.
    Mediamente chi è ciccione resta ciccione per tutta la vita, è una persona sola e non riesce a cambiare le sue abitudini alimentari pure se dannose… come pensi che un papa possa cambiare le convinzioni di miliardi di persone in sei mesi?
    o ti stai già concentrando sui ciccioni? 😛

  2. Ma dov’è la contraddizione?
    Il Papa è a favore sia della giustizia sociale che della famiglia tradizionale, come la gran parte degli italiani.
    Non vedo perchè qualcuno dovrebbe stupirsi.

  3. Ce n’è per tutti, ma meno che per i gay, a quanto pare.
    Ma è comprensibile. Un’apertura sulla questione omosessuale significa lo sfaldamento delle fondamenta dottrinali sulle quali poggia la baracca. Men meno che ne pensino certi gay cattolici per tradizione e fascinazione processionale dediti alla teologia inter-fb (lista degli hobby scandalosamente ridotta, a quanto pare), la strettissima divisione di genere e la finta complementarietà dei ruoli (nella quale uno soccombe – indovinate quale? – all’ombra del contentino ‘maternità amorevole’ o ‘ruolo alternativo ma non per questo minore’) è conditio sine qua non per la prosecuzione dell’impianto cattolico. Si è scelti da millenni di selezionare accuratamente certe scritture per veicolare un discorso che è così radicato ed epistemologico che una volta scardinato getta nel caos l’intera gerarchia organizzativa. C’è un’enorme differenza tra attore sociale cattolico e attore biologico cattolico. Il primo è mutevole e per la Chiesa passa dall’appoggio per convenienza dell’una o dell’altra sponda socio-politica; l’altro è pietra angolare filosofica che sostiene ciò che aleatoriamente crea. Un papa no-tav? Possibile. Anzi furbescamente una realtà. Un papa progressista e pro-diritti? Il sogno di qualche nostalgico passatista che s’è convinto di essere progressista solo perché omosessuale. Dividere l’indole politica da quella sessuale, per esempio, già sarebbe un passo. Fatto questo, si potrebbe discutere nel merito di cosa propone chi propone e non come lo fa. Buon fine settimana.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from religione

Go to Top