un blog canaglia

L’Erasmus ha rotto il cazzo

in società by

Siete sulla statale, non c’è traffico. Nel portabagagli giacciono uno zaino e un trolley a rischio esplosione. Lui è felice, indossa un paio di Rayban e fischietta tenendo il braccio fuori dal finestrino. È una splendida giornata di sole, che ha stranamente deciso di fare il suo mestiere. Tu guidi e pensi a Chiara, che è a Lisbona da qualche mese per fare un’esperienza di studio all’estero. Ti manca, ti manca tantissimo. Da quando ti ha lasciato su WhatsApp, confessandoti di averti tradito con sedici portoghesi (non tutti in una volta; almeno speri), ti manca da togliere il fiato. Pensi a Chiara, sei triste e lui fischietta una canzone di Lou Reed.

“Dicono che a Barcellona si trombi un casino” se ne esce rompendo il silenzio. Taci, non gli dài corda, continui a fissare la strada. “Pare che le spagnole siano delle zozze…” continua lui cercando una tua reazione. “Ah sì?” dici per non sembrare scortese. Ed è un enorme errore perché a quel punto lui si sente legittimato a rovesciarti addosso tutto il suo entusiasmo. “Un mio amico c’è stato un semestre l’anno scorso e garantisce che le spagnole fanno certi pompini… Pure le vegetariane! E poi il mare a due passi, il caldo, la paella. Cazzo, non vedo l’ora di arrivare” aggiunge accendendosi una sigaretta.

L’aeroporto non è lontano, ancora un quarto d’ora e potrai finalmente scaricarlo al gate con i suoi bagagli stracolmi. Prima di partire hai provato a dirgli che sono troppo grossi, che gli faranno pagare il supplemento; ma lui niente.”Sticazzi” ha detto facendo spallucce. Del resto ormai è entrato nella modalità “Erasmus”: nulla può scalfire il suo buon umore, la sua voglia di vivere.

“Quando mi verrai a trovare, ti farò conoscere una marea di figa” dice dandoti un leggero colpetto sul braccio. Ti volti un istante verso di lui: lo conosci da una vita, siete cresciuti insieme. Ti chiedi che hai fatto di male. Ti volti ancora: sorride come un coglione. Allora pensi che non puoi permetterlo, che non puoi assolutamente permetterlo, devi fare qualcosa immediatamente. Svolti alla prima uscita, prendi una strada secondaria, poi una di campagna. “Ma…dove stiamo andando? L’aeroporto è dall’altra parte” prova a protestare lui. “Lo so” rispondi laconicamente tu. “E…allora perché stai andando per di qua?” prosegue timidamente. Ha visto troppi film americani per non capire quello che sta succedendo. “Cosa vuoi fare, ehi, cosa vuoi farmi???”. Taci, continui a guidare nella stradina ormai sterrata. “Agitarsi non serve a niente” dici soltanto, senza neanche guardarlo.

“Porca puttana, Malcolm, sei impazzito??? Siamo cresciuti insieme!” balbetta lui disperato. Inchiodi. “Siamo arrivati, scendi” prorompi aprendogli lo sportello. Non c’è un’anima viva nel giro di chilometri. Lui scoppia in un pianto disperato, si inginocchia, raccoglie un po’ di terra nei pugni e ti implora. A quel punto ti metti ad elencare.

Le feste col bagno perennemente occupato da qualcuno che vomita o tromba o si rolla una canna; l’euforia di quelli che ti dicono quant’è stato fico il loro Erasmus; quelli che lo chiamano Orgasmus pensando di essere simpatici; quelli che lo chiamano Orgasmus ma si capisce che non hanno trombato mezza volta; gli esami non dati, quelli dati alla cazzo di cane (tanto l’importante è l’esperienza all’estero, no?, mica ti devi laureare); quelli che cominciano a parlare, a vivere, a respirare come la popolazione locale; quelli che quando tornano dicono “cazzo, questa parola non mi viene in italiano, te la dico in portoghese”; quelli che un minuto dopo essere atterrati cambiano la città su facebook; il fatto che lo studente Erasmus frequenta soprattutto italiani e dice che è un peccato frequentare soltanto italiani (ma te lo ha prescritto il medico di frequentarli, perdio?); le nostalgie gastronomiche dello studente Erasmus (il caffè troppo lungo, la pizza che è molla, la pasta che scuoce); il fatto che poi l’unica cosa che si cucina è la pasta col tonno (che naturalmente non è buono come quello che trova in Italia); l’ipocrisia delle promesse d’amore eterno fatte al proprio ragazzo/a: lo sanno tutti che al primo bicchiere di rum alla prima festa della prima settimana smanaccerai qualcuno.

Il tuo amico ha smesso di frignare, adesso ti guarda allibito. “L’Erasmus ha rotto il cazzo” dici. “Sì, l’Erasmus ha proprio rotto il cazzo” insisti allargando le braccia come a significare “mi hai costretto, non volevo arrivare a tanto, ma è per il tuo bene”. Gli frughi nelle tasche, trovi il biglietto dell’aereo. Lo strappi lentamente in tanti pezzettini, poi li lanci come se fossero coriandoli. Lui è inebetito, non capisce più né dove si trova né come si chiama. “Erasmus, festa, figa, paella, Barcellona” comincia a ripetere in modo compulsivo. Allora ti avvicini, gli poggi una mano sulla spalla, con l’altra gli fai una carezza. ” È tutto finito, amico mio, è tutto finito. Possiamo tornare a San Giovanni in Persiceto”.

E’ nato a Bergamo 35 anni fa da una famiglia molto cattolica. E’ scappato dal collegio Sant’Alessandro a 17 anni e ha abitato dieci anni nell’India del Sud, dove ha vissuto producendo mosaici di ceramica (uno l’anno) destinati agli americani ricchi della Costa Occidentale. Poi si è trasferito per sei mesi in un gurudwara di sikh dissidenti, nel Punjab (India nordoccidentale). Tornato in Italia per problemi di visto, attualmente si mantiene affittando su Airb&B il monolocale in zona Corvetto (a Milano) ereditato da una zia. Pratica il buddhismo theravada, ma non regolarmente. Tifa per l’Atalanta.

15 Comments

  1. e poi c’è quello che va in baviera e conta i minuti che lo separano dal rientro, e poi c’è quello che parte in francia e si rende conto che la “r” moscia non vuol per forza dire femme fatale, e poi c’è quello che non smette di telefonare alla nonnina in sicilia, e poi c’è quello che si rende conto che in repubblica ceca la lingua ufficiale non è l’italiano, e poi c’è quello che finisce in scozia e si lamenta della pioggia, e poi c’è quello che scopre che a madrid non c’è il mare malgrado si trovi in spagna…

  2. ….e poi c’è quello che rosica perchè non ha le palle per andare in Erasmus e spara a zero su qualcosa che nemmeno conosce……

  3. e poi ci sono quelli e quelle che vanno in erasmus, pur standoci un anno si tengono il ragazzo/ragazza senza tanti problemi, imparano la lingua del posto, si fanno il mazzo e fanno tutti gli esami e tornano e si laureano in corso, vanno al doppio delle lezioni perchè il sistema e i crediti sono diversi, lavorano, conoscono gente di ogni parte, riescono cmq a divertirsi in feste ecc. senza dover per forza strafare, e provano pena per entrambi i protagonisti di questo articolo: uno, come tanti, che non ha capito un cavolo di cosa sia erasmus (ma forse aveva ancora tempo per tirarsi fuori) ed ha degli amici di merda, e l’altro che rosica di invidia per cose fatte da altri che lui non ha le palle di fare e che ha una ragazza di merda, che probabilmente se non lo mollava con 16 portoghesi, faceva lo stesso con la banda del paese alla sagra del club della ruga a Padulle e si sfoga giudicando ciò di cui niente sa.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from società

Al posto di Fabo

Già si sentono i rumori di fondo dell’esercito di fondamentalisti che si
Go to Top