un blog canaglia

zephyr_chloris_flora

La Wunderkammer del Signor Schmidt

in arte/cultura/società by

Biondiccio, faccetta sorridente, tondetta e simpatica, Eike Schmidt è da oggi  il nuovo direttore degli Uffizi. E l’opinione pubblica dell’Italia, terra di poeti, artisti, navigatori e autoferrotramvieri, si spacca. Da un lato chi vede un eroe giunto, nelle parole di Franceschini, a portare di nuovo in auge il museo “dopo anni di prostrazione” (parole sue). Dall’altro chi si incazza perchè, in una visione generalizzata, a differenza di tutti gli altri paesi dove si agevolano i propri concittadini nelle cariche pubbliche e di lavoro, l’Italia, ancora una volta, preferisce dare quesi posti allo “straniero”. Nel giusto mezzo il cicciottello Eike, nella sua pregnante pragmaticità tedesca, annuncia che uno degli scopi del suo lavoro è rendere il museo piu´ accessibile ai visitatori, accorciando le code per entrare. Alla faccia delle alte visioni curatoriali.
Ora, la situazione ha, a mio avviso, diversi aspetti. In favore di Herr Schmidt va detto che un suo curriculum alle sue spalle ce l’ha, e anche buono, quindi non gli si può dare del raccomandato. Certo, per quanto il Getty Museum di Los Angeles o la National Gallery of Art di Washington siano dei gran bei pezzi di museo, il suo curriculum non mi sembra neanche così assolutamente incredibile da giustificare senza discutere una direzione degli Uffizi. Questo, e non il fatto che non sia italiano. Quindi tutto sta a giudicare un domani il lavoro fatto. Perchè non dargliene la possibilità? E poi è giovane, ha 47 anni, quindi ben venga un po’ di vecchiume in meno nel mondo dei poteri accademici.

Quello che, a me personalmente, innervosisce, è vedere le reazioni, sia pro che contro, a questa notizia. Se la persona è competente deve avere la carica, indipendentemente dalla sua nazionalità. Incazzarsi solo per questo motivo è riduttivo. Quello per cui bisognerebbe indignarsi è che, in Italia, persone che di arte, sia a livello storico che curatoriale se ne intendono, ce ne sono. E che saprebbero benissimo occupare la stessa posizione del signor Schmidt, ma che soffrono di una sorta di pregiudizio generalizzato, per cui la degradazione economica e politica del Paese è ormai così vergognosa che risulta impossibile credere che ci siano anche persone che il cervello nella testa lo coltivano, quindi partono già svantaggiati.
Chi, invece, acclama il nuovo direttore, perchè tedesco e quindi di conseguenza più bravo, corretto ed intelligente, scade in una ode becera alla Germania, terra di filosofi e romantici, senza forse sapere che, ad esempio, lo studio della storia dell’arte nel triennio universitario in Germania, è abbastanza vergognoso nelle metodologie e contenuti.
Poi forse ci stanno anche dei giochi politici tra l’Italia e la Germania: oggi 14 aeroporti greci e tre musei italiani, domani, chi sa, le poste spagnole. Ma questa è politica e non è il (mio) punto. Gli italiani potrebbero ad esempio smettere di farsi autogol morali, denigrando se stessi (come inferiori ai tedeschi), o, a turno, gli altri (lo straniero). In un modo o nell’altro non va mai bene nessuna opzione. Popolo di artisti, lamentoni e criticoni. E comunque sempre di autoferrotramvieri.
L´opzione che rimane, reale, è che l’arte resta senza dubbio il bene più  grande che abbiamo in Italia, quindi non importa chi o come, ma che vada tutelato.

Viola Kunst, di origine laziale misto terrone (o piu´ poeticamente magno-greca), pur lasciando gran parte del suo cuore a Roma, vive, lavora e soprattutto paga le tasse da anni (tanti) a Berlino, con allegre pause in Grecia e in Spagna. Viaggiatrice incallita, pittrice di spirito rinascimentale e indole incazzata, ama prendere per i fondelli un po´ tutto quello che le capita a tiro. Il suo cervello isterico-disfunzionale crea teorie bislacche, che la sopracitata vorrebbe inculcare a tutti. Crede che Winnie the Pooh sia l´origine dei mali del mondo e mantiene una fede incrollabile nel buon cibo di qualsivoglia provenienza, nel rock e in Jane Fonda.

7 Comments

  1. “domani le poste spagnole”

    volontaria o involontaria che sia, è una buona battuta.

    quanto al merito, herr schmidt avrà i suoi padrini e padroni come qualunque parilivello italiano. chi vi dice che sia una fortuna, chi vi dice che sia una disgrazia?

      • …sono molto più profano di te e di chiunque altro, dunque puoi metterci il nome di qualunque italiano vivente che diriga o abbia diretto in passato un museo e che non sia finito in galera.

        (edit: mi rendo conto del fatto che se non ne esiste nessuno sto facendo una corrusca figuradimmerda…)

      • Ciao Federico, forse mi sono spiegata male. Non intendevo ipotizzare nessun nome in particolare, quello che in realta´ intendevo dire era che la situazione ministeriale / politica nell´ambito culturale di base “sega le gambe” alle nuove leve. Non esistono in Italia attualmente le possibilita´ formative che ci sono all´estero, nel campo della storia dell´arte. Se solo pensi alla discussione annuale sull´eliminazione della materia dalle scuole superiori, capisci che la situazione e´ abbastanza vergognosa. Mi trovo d´accordo con il critico d´arte Philippe Daverio (ho letto un articolo sul tema subito dopo aver scritto il post). La discussione qua non sono i meriti o no di italiani o stranieri. Ma sul fatto che in Italia non sia possibile creare una nuova generazione di direttori che possa sostituire la vecchia, che tra l´altro, a differenza di alcuni patetici politici, non era affatto male. Io non ho il degrado nei musei italiani onestamente. L´ho visto nella protezione dei beni culturali e nella formazione. Se ti capita leggiti l´intervista. Ha dei punti davvero interessanti anche sulle difficolta´ burocratiche della direzione museale.

  2. Quanto meno non avrà, per ora, cugini zie fidanzate da collocare in qualche dove e, magari, aggiungerà un pizzico di “meraviglia e stupore” al proprio lavoro che molti sembrano aver perso (per “quei” lavori).
    Speremus….

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from arte

zelig

Zelig in evidenza

You realise che stai arrivando a Craco quando d’un tratto lo sconfinato
Go to Top