un blog canaglia

notte-della-taranta-2013-melpignano-565x329

La vacanza in Salento ha rotto il cazzo

in società by

Poi c’è quell’amico che in una calda serata di inizio luglio, col sorrisetto paraculo delle occasioni speciali, rivela a te e alla comitiva il suo straordinario progetto per l’estate: “Raga, ho trovato, andiamo in Salento”.

Siete al Bar Centrale, che si chiama così perché affaccia sull’unica piazza del paese. Sul tavolo di plastica giacciono settantaquattro bottiglie di Peroni e due di gazzosa. La saggia proposta del solo amico giudizioso (“dài, raga, oggi andiamo leggeri: birra e gazzosa”) è andata palesemente a puttane. Del resto, ormai il sabato sera al paese non tentate più di ammazzare la noia e l’abitudine: le coltivate proprio. E bisogna pur annaffiarle in qualche modo.

“Sì, perdio, Salento! lu sule, lu mare, lu jentu” insiste il tuo amico, che è già entrato nello spirito festaiolo salentino. Gli altri, non si sa bene se a causa dell’elevato tasso di alcol nel sangue (o di sangue nell’alcol), sembrano entusiasti. “Finalmente una cazzo di vacanza alternativa!” prorompe un altro. “Io ci sto! E poi si sa che in Salento si tromba” lo supporta un altro ancora. L’entusiasmo è tale che in pochi secondi spuntano carta e penna e si comincia a fare l’elenco delle cose da portare.

Ad un certo punto, abbandoni il bianco opaco del tavolo, quella scritta “Monica fa le pompe gratis” con tanto di numero di telefono sapientemente incisa da qualche bontempone, per tornare a guardare negli occhi il genio delle vacanze. Già lo vedi ballare la pizzica come un coglione ubriaco lercio, tutto sudato con quei pantaloni arcobaleno di merda. Già lo vedi con una bottiglia di plastica piena di un vino rosso di quarta scelta; te lo immagini nitidamente saltellare cantando una canzone dei Sud Sound System insieme ad una coi capelli cortissimi che indossa una gonna svolazzante ed è equipaggiata di piercing al naso d’ordinanza. Vedi persino le foto con gli occhi da pesce lesso in cui sarà taggato dalla suddetta ragazza che di nome fa Maria Sole e che ogni anno da quando era poco più che maggiorenne scende nel profondo sud perché lu sule, lu mare, lu jentu.

Tu non reagisci, cerchi di mantenere la calma. Ti alzi pacatamente, ti avvicini all’amico col sorrisetto paraculo, quello che ha avuto l’idea geniale, e gli molli uno schiaffone. Ma forte. “Ma che sei impazzito?!” urla lui esterrefatto. Non rispondi, torni a sedere. Sei una sfinge. Gli altri non capiscono bene ma percepiscono che qualcosa di grande, di rivoluzionario sta per accadere.

“La vacanza in Salento ha rotto il cazzo” dici allargando le braccia come a significare “scusa, avevo l’obbligo morale di schiaffeggiarti”. E ti metti ad elencare.

La pizzica ballata alla cazzo di cane; i tamburelli; gli sconosciuti che ti ritrovi in giro per casa la mattina dopo una notte di cui non ricordi niente di niente; gli alternativi che fanno la vacanza alternativa perché non trovano alternative all’essere alternativi; il vino nelle bottiglie di plastica; le canne perché “semo de sinistra”;  lu sule, lu mare, lu jentu;  il fatto che ci vanno tutti, ma proprio tutti; il reggae salentino a tutto volume che manco fossimo a Kingston, Giamaica; i punkabbestia coi cani; quelli che, per entrare nel mood salentino, cercano di parlare il dialetto locale mettendo lu davanti a qualsiasi parola; l’articolo lu;  qualsiasi parola della lingua italiana seguita dall’articolo lu; le orde di fighetti milanesi affamati di sole, mare e pittule.

I tuoi amici ti guardano allibiti. A loro quelle cose piacciono (persino i milanesi); loro la farebbero una vacanza così, ci si butterebbero a peso morto nel luogo comune vacanziero. Allora capisci che non c’è più niente da fare: è già tutto deciso. Ti senti solo, infinitamente solo ma per una volta incredibilmente lucido. “Sì, la vacanza in Salento ha proprio rotto il cazzo” pensi. Poi ti alzi, saluti tutti e torni lentamente verso casa.

E’ nato a Bergamo 35 anni fa da una famiglia molto cattolica. E’ scappato dal collegio Sant’Alessandro a 17 anni e ha abitato dieci anni nell’India del Sud, dove ha vissuto producendo mosaici di ceramica (uno l’anno) destinati agli americani ricchi della Costa Occidentale. Poi si è trasferito per sei mesi in un gurudwara di sikh dissidenti, nel Punjab (India nordoccidentale). Tornato in Italia per problemi di visto, attualmente si mantiene affittando su Airb&B il monolocale in zona Corvetto (a Milano) ereditato da una zia. Pratica il buddhismo theravada, ma non regolarmente. Tifa per l’Atalanta.

187 Comments

  1. Noooo…è la fine di tutto. Adesso pertiranno le critiche su: il post è uguale, troppo uguale a Berlino ha rotto il cazzo…troppa autoreferenzialità. Poca immaginazione.
    Poi toccherà agli affittacamenre del Salento. Cos’hai contro di noi? Cos’hai contro lu sule, lu mare, lu jentu…sei uno di quegli snob che se non hanno l’albergo finto 4 stelle non si muovono? Sarai sicuramente un asociale, cosa c’è di piu’ bello che condividere con gli amici, con gli sconosciuti, con i cani degli sconosciuti il sacro vincolo ancestrale con la terra che solo la vacanza in Salento può regalare??? Lu sule, lu mare, lu jentu…
    Poi toccherà ai viticultori Salentini. Il loro vino è il sangue della terra, sano e genuino come loro. Chi sei tu per criticarlo? Sarai ovviamente uno di quei sofisticati che se non hanno il brunello di montalcino…ma del ’96, no ’95, non assaggiano nemmeno.
    E la ragazza col piercing? Ma siamo matti? Ma come puoi solo pensare di sminuire la figura della ragazza col piercing, gioia e fine ultimo di tutti quelli che cercano avventura in Salento??? In un solo post ti sei inimicato troppe categorie di persone…mai come in Berlino ha rotto il cazzo…li hai proprio toccato l’apice estremo. Sei evidentemente pazzo. O forse no.

      • Da salentino, ti voglio bene! Ai Salentinisti, dico: “amu siccati e ni prisciamu puru!” Abbiamo fatto della nostra condizione un feticcio da adorare non accorgendoci “ca sta amu muerti senza cu ni stinnimu!” …e nel mentre, iastimu…

      • ma io direi che siete un bel portale criticone al100x 1000….elencando solo le cose negative con gergo da camionisti conoscete anche i sinonimi…l ospitalità del sud in genere non la trovate da nessuna parte

    • Leggendo i commenti ho notato che il senso di appartenenza alla loro terra dei salentini è inversamente proporzionale al loro senso dell’umorismo, con le dovute eccezzioni ovviamente (frisedda su tutti ma anche altri). State un pò più tranquilli eh PEACE

        • Il vero errore sta nell’Errata Corrige: nel Salento la parola “eccezioni” si scrive (e si legge) eccezzioni! 🙂

      • siamo sereni tranquillo!.. è proprio quel senso di appartenenza e di rispetto delle proprie radici, delle proprie tradizioni e soprattutto del territorio che ha reso il Salento meta ambita da tutti i turisti del mondo (non dai punk a bestia)..
        PS. Eccezioni si scrive con una Z e si pronuncia correttamente con due.

      • io non ci ho trovato nulla di umoristico!!!!

        Il solito cazzone che cerca di copiare gli articoli di vice, si quello loro dell’anno scorso era più divertente!

        Ma probabilmente ti stiamo dando troppo peso, perché l’obiettivo del tuo articolo è proprio quello di fare tanti commenti, quindi molti clik e magari guadagnare qualche soldino per poterti permettere la tanto criticata vacanza in salento!

        Vabbe ormai ti aiuto anche io a racimolare qualche centesimo in più.

        Ma sottolineo una cosa, primo, questo è tutt’altro che giornalismo; la differenza tra te e un vero giornalista o semplicemente uno scrittore è che tu per fare qualche clik hai bisogno di scrivere cagate, offendere e buttare merda; mentre il secondo attira la nostra attenzione con veri argomenti o vere storie e non ci fa staccare gli occhi dai suoi articoli che riga dopo riga stimolano interesse, scrive con passione e la trasmette!!!

        Praticamente tu sei il nulla, come quello che hai scritto!!!

    • Da leccese vi dico che per quanto riguarda la vacanza in salento 2 cose si dovrebbero evitare per poter stare tutti meglio e tutti più felici:

      – I NAPOLETANI e BARESI, che si riversano l’estate e creano tutto quello che di brutto è riportato in questo articolo, produttori inesauribili di risse e fasti, compratori di taniche di vino al costo di 1,5 euro/litro che lasciano ovunque insieme al loro vomito.

      – evitare di far pensare alle persone che salento è solo Gallipoli o la notte della taranta, è molto, molto di più, anzi vi dico che proprio il leccese “scansa gallipoli d’estate come la peste!”

      riguardo il senso dell’umorismo vi dico solo che il salentino quando viene sfottuto è peggio dei leghisti e tutto ciò che è a nord di Brindisi non ha diritto o dignità di parlare, figuriamoci uno del Nord!

      • emanuele da napoletana ti dico…
        …vergognati!!! ringrazia al cielo se ogni anno, d’estate, napoletani, baresi, romani, milanesi o quant altro scelgono il salento xke altrimenti veramente fareste la fame. Per il resto dell’anno non avete un cazzo da offrire. E parli pure? Cerca di capire che se sei nato in un posto cosi meraviglioso, apprezzato da tutta italia, è solo una fortuna…e la fortuna va rispettata. Noi a napoli siamo ben felici di accogliere tutti, da nord a sud…anche le merde come te, pensa un pò!
        La prossima volta impara a non generalizzare, perchè fare di tutt’erba un fascio, è solo sintomo di grande ignoranza. Provo pena.

        • Sara, da salentina ti dico, lascia perdere. L’ignoranza è una brutta bestia. Io adoro Napoli e mi seccherebbe moltissimo se un napoletano dicesse del salentino quello che Emanuele dice dei napoletani. Evidentemente Emanuele è molto ignorante in storia (sopratutto).
          All’autore dell’articolo posso solo dire che l’invidia è una brutta bestia

    • qui nessuno ha capito IL SENSO dell’articolo che io condivido in pieno…
      ok l abbiamo capito tutti che il salento è bellissimo…come lo sono tantissime altre terre…(io sono salentino)..il fatto è CHE COME HA DETTO CHI HA SCRITTO L ARTICOLO…HA STANCATO L’IDEA DI SALENTO UGUALE JAMAICA…cioè…il solito turismo di massa è un turismo stupido…che costruisce modelli che in realtà non esistono…io non ho mai ballato la pizzica in vita mia…e poi si…che tristezza e che palle questi alternativi,,questi gonnelloni,…queste canne…queste “tipe”che vogliono fare l’alternativi.. ma non hanno capito che sono banalissime…e omologatissime…questo sballarsi…questa idea di jamaica 2…il salento vero è l’opposto di tutto cio’…IL SALENTO VERO E’ MIA ZIA CHE FA LE ORECCHIETTE E LE SISTEMA SUL LETTO COME SI FACEVA UNA VOLTA,E’ UN MIO COMPAESANO SDENTATO CHE STA TUTTO IL GIORNO IN PIAZZA CON LA PIOGGIA O CON IL SOLE CON I SUOI 86 ANNI DI RACCONTI…SONO LE VECCHIETTE VESTITE DI NERO DEL LUTTO DI SEMPRE…SONO GLI INVERNI LUNGHI E FREDDI CON IL VENTO CHE TI TGLIA LE MANI…DI UN VENTO CHE NON HO MAI VISTO DA NESSUNA PARTE(neanche in Germania)…E MILLE ALTRE COSE SAPORITE CHE VANNO BEN OLTRE QUESTA STUPIDA FILOSOFIA JAMAICANA CHE SI E’ CREATA INTORNO AL SALENTO!!!NATURALMENTE PER IL TURISMO STUPIDO E PECORONE TUTTO QUESTO CHE HO DETTO RESTERA’ UN MONDO OSCURO…e poi quando ritorneranno al nord diranno:IL SALENTO E’STUPENDO!creando cosi altri pecoroni che verranno qui e faranno le stesse cose dei loro amici…se non si ha la sensibilità di cogliere l ‘anima delle persone,,,delle cose…dei luoghi…si può andare anche sulla luna…avrete sempre un’immagine distorta della realtà.quindi…w chi ha scritto l’articolo!ha capito tutto…sei avanti…o se non ti piace avanti come non piace a me quando me lo dicono…ALLORA … SEI TROPPO NORMALE!

      • Spero anch’ io come Stefano che il senso dell’ articolo era più profondo

        A SARA da una persona che ha sempre guardato i NAPOLETANI con amicizia……in passato !!! Ora vi vedo come sporcaccioni !!!
        Non voglio generalizzare….ma vorrei che riflettessi…..
        – Ho visto 2 amici in spiaggia che tutto ad un tratto si sono picchiati….(erano Napoletani o Campani )
        – Ho visto borse refrigerate con teglie e panini…..carta stagnola e bottiglie….buttate sulla spiaggia libera ( erano Napoletani o Campani )
        – Ho visto gente che piscia e fa i bisogni dove gli pare ( erano Napoletani o Campani)
        – Ho visto Rimini, la Grecia, Ibiza che erano come il Salento prima che passassero i Napoletani
        – ho Visto NAPOLI e poi sono morto…..non siete riusciti a tenerla pulita nonostante fosse una delle città più belle al mondo….( e se siete sporchi a casa vostra…. )
        e la tua risposta ad un offesa è stata quella di OFFENDERE e non cercare di capire perchè quel ragazzo ha detto ” NAPOLETANI “, ( forse anch’ io non riesco a distinguere un NAPOLETANO da un CAMPANO ), ma sicuramente come me è stanco di vedere la sua terra che si riduce ad uno schifio d’ estate.

        SARA…. scusa mi sono dimenticato di una cosa importante:

        stai tranquilla che molti di Voi ( e dico molti per non generalizzare ) non portano soldi al Salento…..dormono in 10 in una casa per 3……bevono dal supermercato per non spendere 8 Euro di cocktail…..mangiano in spiaggia con lo stanato……sporcano e rompono molto di quello che incontrano.

        Conclusioni:
        non vorrei sputare nel piatto in cui mangio ( perchè lavoro con i turisti ) !

        Ma la massa fà male !!!
        Fà male se è Napoletana…..
        Fà male se è BARESE…
        forse farebbe male anche se fosse Milanese.. ( ma c’ è da dire che il Milanese a volte rompe i coglioni a Noi dicendoci che potremmo tenere il nostro Salento un po’ più pulito ).

        Non ti offendere se generalizziamo ma lotta contro quei NAPOLETANI o CAMPANI che fanno si, che gente ignorante come me o il ragazzo di prima ( Emanuele ) possano dire che i NAPOLETANI distruggono il Salento

        • La massa è tutto quello che puoi avere, se uno avesse i soldi se ne andrebbe in Sicilia o in sardegna, non dove le strade sembrano percorsi a ostacoli e gli addetti ai lavori sembra che ti facciano un favore quando ti fanno un caffè. Un po di umiltà non guasterebbe. Invece di baciare per terra per il turismo che avete vi lamentate pure. Migliorate l’offerta e migliorerà anche la domanda.

        • MI FATE DAVVERO MORIRE VOI SALENTINI!!
          fate propaganda a destra e manca della vostra bellissima terra, vi date le zappe sui vostri piedi e poi criticati chi, storto o morto, vi porta un po’ di dinero in un periodo di grave crisi economica!
          Ognuno ha il turismo che si merita…e non date sempre colpa agli altri, colpa ai NAPOLETANI!

      • Infatti io vado in vacanza in CI…LENTO da mia nonna ma lì almeno non ci sono gli alternativi del cazzo a fare i coglioni.
        Speriamo che almeno il CILENTO resti indenne da questa merda.

  2. “Poi ti alzi, saluti tutti e torni lentamente verso casa”, fingi calma e savoir faire dinanzi agli amici ancora allibiti…. Giri l’angolo e…. corri come un pazzo verso il PC sempre acceso, perché in fondo lo sai, hai ancora pochissimo tempo per prendere gli ultimi biglietti in offerta Ryanair per Brindisi… … 😉

    Ci vediamo a Otranto.

  3. grazie Malcom Y, quest’articolo porterà tanta altra gente nella nostra terra salentina, perchè poi finisce sempre così…W il Salento for ever…

  4. Grazie ragazzo,non importa che si parli bene o male,l’importante che si parli!!!Il Salento la terra dei due mari.

  5. ASSOLUTAMENTE D’ ACCORDO !
    Da salentino purosangue che ogni anno assiste allibito alla calata dei vacanzieri, alcuni provenienti dalle zone più cafone e incivili d’ Italia, dico con forza :
    SI’, LA VACANZA IN SALENTO HA ROTTO IL CAZZO (dei salentini) STATEVENE A CASA VOSTRA, O ANDATE DA QUALCHE ALTRA PARTE.
    Grazie per la cortese attenzione e non recedete dalla decisione di non venire più.

    • Da lavoratore quasi-pendolare che partiva tutte le settimane dalle Marche per andare a lavorare a Lecce e dintorni in tre anni di boom del fotovoltaico dico che effettivamente i Salentini (o “lu salentinu”.. ma “lu” come articolo lo usiamo anche noi dell’entroterra maceratese.. “lu porcu” è un esempio) sono stufi di tutte le orde di vacanzieri bimbiminkia che fanno i casini che avete descritto nei commenti precedenti…. se i turisti affollavano una spiaggia, i salentini se ne andavano in un’altra pur di starsene tranquilli, detto questo.. buona estate!

    • Finalmente qualcuno che ha espresso perfettamente quello che pensano i salentini! Spiagge immacolate che cagavamo solo noi da bambini, ora sono travolte da bambini milanesi che si ricordano solo d’estate che “Uè… siamo tutti italiani, figa!”, mentre d’inverno votano Lega e predicano i dazi doganali. Come al solito, come ogni estate, il solito augurio per chi entra in Puglia venendo dal Nord: PADANI, BENVENUTI IN ITALIA!

    • Brava Ilaria……
      almeno forse così il nostro Salento lo potremmo godere in pieno noi SALENTINI…..
      tanto l’unica cosa che sapete fare è sporcare le nostre meravigliose spiagge e continuare a criticarci sempre e comunque….perchè non vi state a casa vostra con il vostro mare ( semmai lo avete) anzichè venire a distruggere l’estate a noi?!?!?

        • ah ah ah il Salento ha due mari eroe puoi vedere sia l’alba sia il tramonto sul mare.detto questo si napoletani e baresi lasciano uno schifo sulle povere spiagge … e poi ci vogliamo dimenticare i romani?per carità venite in vacanza e sarete trattati come se fossimo parenti ma abbiate rispetto!

  6. Davvero patetici: chi ha “scritto” queste oscenità ed il suo sguardo corrotto e volgare. Non sai di che parli scribacchino. Ma forse il tuo sassolino dai tuoi piedi puzzolenti pensi di essertelo levato. Contento tu! 😉

  7. dai, si! per un po’ risparmiatevi. ve ne sarei grata.
    vi ho voluto molto bene, cari turisti…ma avete rotto il cazzo.
    🙂

  8. Magari te ne stavi a casa…secondo voi abbiamo bisogno di una checca isterica con la puzza sotto il naso…NO! sei anche fortunato …magari avresti potuto trovare uno come me che ti schiaffeggiava per poco.. solo perchè parli e pensi come una femminuccia…e ti atteggi da saggio!!! Il prossimo anno vai a Ibiza e non rompere il cazzo….e ricordati sempre che se uno si annoia e perchè è NOIOSO!!!

    • premetto che ho vari amici salentini e sono più terrone di voi. poco tempo fa un musicista che stimo molto, salentino, postava sulla sua pagina facebook una foto con una scritta su un muro “meno salento, più talento”.
      è vero, il mare e bello, si mangia bene, le tradizionei hanno degli aspetti che vanno conservati.
      tutto vero.
      però non se ne può più di sentirvi parlare ovunque nello stesso modo. un artista arriva su palcoscenici internazionali (con meriti spesso più che discutibili) e cosa fa? risponde in dialetto all’intervistatore, sogghignando contento della sua ostentata salentinità.
      ma orgogliosi di cosa scusa
      il mare bello ci sta anche in sardegna ma mica spaccano le palle al prossimo con proverbi dialettali quando si trovano in vacanza a madrid.
      vi piace farvi le canne? sai che novità, in tutto il mondo si fuma e vi sono tantissime persone che hanno la cultura delle droghe e non sono dei tossici
      ma forse vanno a sblaterare frasi incomprensibili sulle proprietà magnifiche della cannabis da marzullo.
      si mangia bene, certo…..
      se vuoi invito un salentino a caso a mangiare le melanzane ripiene che fa mia mamma e poi ne parliamo. comunque non chiamo in radio per racontare a tutto il mondo quanto cucina bene mia mathre.
      ecc ecc ecc.
      insomma
      avete rotto il cazzo

      p.s.
      questo in generale, riguardo alle tue allusioni omofobe ed intimidatorie a chi ha scritto l’articolo ti rispondo con un gigantesco SUCA COGLIONE
      sicuramente sei pure un reggarolo di merda che si sente qualla merda omofoba che viena dalla splendida jamaica
      siete dei reazionari, fate gli alternativi ma propagandate e praticate il rispetto delle tradizioni più o meno come lo fanno i fasci

      • Davvero con me c’è l’hai mezza sega saccente…..tu chi sei? Il fratello scemo di sgarbi che ti permetti di analizzare i miei post come se davvero capissi di quello che scrivi. Hai detto niente di nuovo con il tuo post, hai portato solo una ventata di banalitá degno del tuo scrivere. Tu non sei un terrone ma un coglione che pensa di saperne qualcosa del Salento ma non sai un cazzo….anzi non sei un cazzo! Il Salento é uno stile di vita giusto o sbagliato che sia é il nostro e non il tuo quindi pensa al tuo di paese che non conosco e non me ne frega un cazzo se siete migliori….il problema é che non se Salentino e quindi SUCCHIA !

  9. Non c’è che dire… Descrizione tragicamente reale. Peccato che il problema non sia Lu Salentu ma tutta la schiera di “tardoadolescentiminkia” con sindrome da Peter Pan che in un qualsiasi posto del mondo, rompono il cazzo con questa idea di vacanza etno/alcolico/scopereccia.

  10. Finalmente! L’ipocrisia della vacanza in Salento, lo stereotipo deprimente di generazioni di idioti, il sepolcro imbiancato degli sfattoni che vogliono sentirsi migliori di chi si sballa a Ibiza o Rimini – tutto messo a nudo. C’avete rotto il cazzo.

  11. Peccato per chi pensa solo così; il Salento non è “solo” terra di pizzica a tutto volume, di piercing e di vino rosso nelle bottiglie di plastica… è anche terra di tramonti da “applauso” , è anche la buona musica che può e deve essere ascoltata a basso volume perché altrimenti coprirebbe la voce delle cicale che cantano a tempo; il Salento è anche camminare in auto di notte a fari spenti perché tanto c’è la luna che illumina; è profumo di arte e sapori frutto di sacrifici e sudore della passione, è l’arte che inonda il barocco, belle donne che sotto le gonne “svolazzanti” nascondono due gambe toniche ed eleganti; il Salento è la generosità dei passanti che, se un turista ha un problema per strada, ti chiedono “avete bisogno d’aiuto?” e dopo 10 minuti hanno già allargato la tavola per farvi pranzare con loro. Se pensate che il Salento sia solo ciò che avete descritto in quest’articolo, STATE A CASA che inquinate il mare con le cremine protezione 60 che usano i milanesi per non scottarsi; il sole non è per voi, né dentro né fuori… ci vuole troppo CUORE …. meglio la nebbia!

  12. Ma ripigliatevi. Questo articolo non offende nessuno, va preso per quello che è: satira (a mio avviso anche buona). Chi si offende o coglie il pretesto per offendere è solo patetico.

  13. Punto primo: applausi alla tua satira,davvero molto divertente.
    Punto secondo: bello spaccato della realtà estiva del Salento…posti magnifici ma pieni di gente che se si estinguesse farebbe un favore a tutti.
    Punto terzo: ai salentini che dicono ai turisti statevene a casa….sputare nel piatto che vi da da mangiare non è una bella cosa. Senza i loro soldi la Puglia sarebbe fallita da tempo.

    Saluti

    • eh no! Troppo comodo. Ci rivolgiamo a coloro che credono che lasciare le proprie terre per venire dieci giorni a pisciarci in faccia sia cosa buona e giusta. Tutti gli altri sono i BENVENUTI. Anche a tavola a casa mia. Credo che sia una regola che debba valere ovunque. Quattro punkabbestia/pizzica/reggae è come dire che Napoli è solo camorra/spazzatura o il nord solo nuova ‘ndrangheta/latinos/cinesi.

  14. Punto primo : la satira sarà anche divertente, ma purtroppo racconta un aspetto della nostra terra che non è del tutto reale o meglio … C’è anche altro!
    Punto secondo : la gente che dovrebbe estinguersi sta ovunque e non solo nel Salento, la trovi a Lecce, ad Otranto, a Leuca così come a Roma, a Milano , a Firenze …
    Punto Terzo: ringraziamo chi ha portato e continua a portare un pó di “economia” turistica nel Salento, così come il Salento porta le sue “braccia ” ed il suo “sudore” al nord permettendo anche a loro di “non fallire”! Per il resto nessuno si è offeso, solo semplici scambi di pensiero maturati dal valore del essendo di appartenenza!

    • Sì che ti sei offesa.
      E alla fine, sei pure caduta nel paradosso.
      Cito testualmente:

      “Se pensate che il Salento sia solo ciò che avete descritto in quest’articolo, STATE A CASA che inquinate il mare con le cremine protezione 60 che usano i milanesi per non scottarsi; il sole non è per voi, né dentro né fuori… ci vuole troppo CUORE …. meglio la nebbia!”

      Apertura mentale: livello Adolf Hitler.

      • Tu la chiami “apertura mentale” , io lo chiamo “senso di appartenenza”… Il fatto che l’articolo mi abbia toccata nell’anima non significa chiusura mentale, ma probabilmente tengo alla mia terra e mi è dispiaciuto leggere solo determinati aspetti Tutto qui!

  15. Ovviamente l’articolo é pieno di luoghi comuni che potevano andare bene dieci anni fa. Peró da salentina dico: hai proprio ragione! Scegliete rimini, ibiza,grecia. Noi di sti turisti che vengono in salento co sti presupposti non ne possiamo piúúú. Andate alle canarieeee

  16. Mr torrance faresti meglio a stare zitto…non conosci sicuramente il Salento e se lo conosci e dici questo è perchè sei un cazzone. Io sputerei in faccia a te e sto coglione dell articolo…noi non vogliamo gente come voi..Salento state of mind

    • Che belli i cagnolini come te, che da dietro una la tastiera abbaiano forte forte. Ora però da bravo,cuccia su.

  17. Le canarie sono molto piu’ belle e soprattutto pulite rispetto al salento , in piu non c’e’ mafia come in salento , tutti ti fanno lo scontrino e nessuno lavora in nero! Andiamo tutti alle canarie altro che lu salentu

    • Chi ti ha dato il dono del pensiero ora ha sicuramente dei grossi rimorsi…. Sei di un’ignoranza che fa spavento…. A quelli come te dovrebbero impedire per legge la pubblicazione di qualsiasi sillaba…. Nasconditi.

      • Probabilmente lui è cresciuto in un posto sano, privo di corruzione ed esente da mafia, tipo Milano (sono sarcastico).

  18. Mr Torrance, è abbastanza chiaro che l’articolo è volutamente intriso di luoghi comuni e chi l’ha scritto dimostra buona intelligenza e spirito critico. Il fatto è che questi luoghi comuni non appartengono alla terra del Salento ma sono caratteristiche proprie di un certo tipo di gente che cerca solo lo sballo e che potresti caricarli su un charter e portarli anche a Bergamo alta, dargli una bottiglia di Tavernello, fargli ballare la Macarena e dirgli di essere in Salento, che tanto della differenza non se ne accorgerebbero. Turisti alla stregua dei vacanzieri da villaggio che credono davvero che l’Africasia quello che si vede dal bordo di una piscina e che le danze tribali siano quelle che ti fa ballare l’animatore. Rifiutare questo tipo di turismo non significa sputare sulle mani di chi ti porta soldi, perchè stiamo in realtà parlando di orde di selvaggi che lasciano dietro di sé molti più danni di quanti se ne possono riparare con i pochi spiccioli che lasciano

    • Mi fa ridere perchè tu parli di farsi una risata, ma come si vede dalle tue risposte ai commenti sei il primo che scarseggia proprio nell’autoironia… per quanto mi riguarda non ho trovato davvero nulla ma proprio nulla di comico in quello che hai scritto… dire che sei stato noiso sia sui contenuti che sul modo di scrivere credo significhi farti un complimento… comunque è vero il salento è anche ( ma non solo questo) è anche poter sbronzarsi senza spendere un’occhio della testa, come è anche poter ascoltare del buon reggae ( considerando che i migliori artisti suonano o in puglia o in calabria) o camminare per le vie del centro di Lecce accompagnati da qualche melodia suonata da un’artista di strada e anche pizzica e ragazze che seguono una moda diversa da quella di “H&M”… finte alternative? può essere ma dato il tuo articolo pieno di frivole banalità, non credo ti convenga criticarle… Il bello della mia terra è proprio questo: siamo così variopinti che riusciamo ad offrire sia divertimento e “sballo” che relax e meditazione… basta svegliarsi la mattina presto o andare in un posto meno “turisco” per assaporare la quotidianità dei salentini che è fatta da un caffè con gli amici al bar che inebitabilemnte si prolunga oltre le 5 del pomeriggio, al fruttivendolo sull’ape, alle campagne piene di ulivi, ai tramonti marini e a molto altro. Io amo il Salento perchè è una terra che soddisfa il gusto con i suoi piatti tipici, l’olfatto con i suoi profumi, la vista con i suoi incantevoli paesaggi, l’udito con il rumore del mare del vento e della musica e il tatto per il contatto con la natura. Sta al turista scegliere quale tipo di Salento viversi, quindi se tu ti sei limitato a consocere solo quella parte già nota a tutti non posso che non dispiacermi per te!

  19. Per tutti quelli che non l’avessero capito, tipo Arkangelo ad esempio, io non ce l’ho nè col Salento nè coi salentini. Anzi. Ci sono stato, tre volte, ospite di amici salentini in una splendida masseria. E mi sono goduto bei paesaggi, ottimo cibo, buon vino e tanta ospitalità. Sfortunatamente tutto questo accadeva 19 anni fa, ora le cose sono evidentemente un po’ diverse. Per dirla in maniera semplicistica tutto è stato “sputtanato” dal chiassoso e cafone turismo di massa, fatto di individui che non hanno rispetto di se stessi e del posto che li ospita. Parassiti che distruggono tutto ciò che di poetico ha da offrire un Paese. E tutto questo l’ho visto accadere in Puglia, in Sardegna, nel sud della Spagna, in Thailandia, a Cuba, in Malesia….insomma ovunque il turismo di massa abbia preso il sopravvento.
    Chiarito il mio pensiero, per il resto mi vien da dire “fattela na risata che magari domani te svegli freddo!!!”. Un po’ di autoironia cazzo, sembrate peggio dei musulmani integralisti, con cui scherzare ci rischi la vita….

    • Infatti il senso del tuo articolo è chiaro. Il problema sono le risposte che hai ricevuto, da gente che evidentemente non ha il dono della comprensione, e ha dato addosso ad un posto, che con molta probabilità neanche conosce, in modo gretto e becero.. E trogloditi come quelli, meritano solo, ripeto, l’idroscalo, Jesolo e Rimini.

      • veramente il problema sono le risposte dei salentini, assai più numerose ed incattivite, oltre che spesso volgari e deprimenti in affermazioni tipo “stattene a Milano”. Poi salentini, non pugliesi…discorsi degni dei leghisti..

        • Caro Carlo, si tratta di difendere la propria terra da attacchi del tutto fuori luogo, è chiaro che se uno viene a dirti che casa tua non gli piace, tu lo inviti gentilmente a stare a casa sua, mi pare logico. I discorsi leghista non hanno nulla a che fare con fatto che non ci sentiamo pugliesi, ma salentini, è una questione di idioma, usi, costumi, totalmente diversi, che ci separano nettamente dal resto della puglia.

          • …che sono di base le stesse argomentazione che molti leghisti portano per dar peso alle proprie sciocchezze. Ma di base qui tutti si son difesi da un attacco che non ha mai avuto luogo, fraintendendo il post. So simple.

  20. La vacanza in Salento ha rotto il cazzo. Giusto. Effettivamente sono ormai parecchi anni che la nostra terra è sulla cresta dell’onda come meta estiva. Credo sia anche più che normale che chi ci è già stato più volte si sia rotto il cazzo e voglia andare altrove. Leggittimissimo. Mi fanno inorridire i miei conterranei che rispondono a muso duro, sentendosi offesi da articoli come questi. Tristezza: è evidente che di strada ne abbiamo ancora tanta da fare per migliorare la nostra mentalità. Vi ricordo soltanto che uno dei valori peculiari della nostra terra è sempre stata l’apertura e l’ospitalità verso il forestiero che viene da noi (cosa peraltro fondamentale se vuoi campare di turismo). Detto ciò sinceramente l’articolo non fa ridere. Non me ne vogliate, ma nella comicità il tempo è fondamentale e questo articolo è in ritardo di quasi dieci anni: racconta uno stereotipo vecchio, oramai in via d’estinzione e totalmente minoritario. I punkabbestia al concerto folk/reggae (peraltro figli di papà travestiti da tali nella maggiorparte dei casi), con un mocho vileda di dredd in testa, i bermuda etnofreak ed il bottiglione di solfiti e acquaragia scambiati per vino sono rimasti in 6 o 7 giù da noi. Dico solo una cosa ai salentini: identità e amore per la propria terra vuol dire intelligenza, non stupidità. C’è gente convinta che si prende sul serio su queste cose… pensiamo meglio a come far conoscere la nostra terra anche all’estero… Inglesi, tedeschi, scandinavi, americani… è quella la nostra sfida.

  21. Bellissimo articolo!
    Speriamo che serva a tenere lontani tanti fracassamaroni nordici (tipo l’autore dell’articolo) che alimentano i troppi luoghi comuni che abborbano la nostra terra!

    A tutti voi auguro una bella vacanza a Cascina Moscia, comune di Scassate di Meno….

  22. una volta era mare d’estate, montagna d’inverno
    adesso è salento d’estate, coachella in primavera, berlino in autunno, bahia in inverno
    cmq in salento si mangia male

  23. Vabbe, a quanto pare lo hanno capito in pochi il senso del Post. Io per averlo condiviso su Fb mi sono beccato i fischi di diversi Salentini e non, senza che il post parlasse minimamente male de Salento. E per inciso con le stesse identiche critiche che riportava Dario nel commento del 08/07/14.

  24. Si…. scopri e riscopri la tipa che te la dà facile è la classica milanese in vacanza “che tanto qua non mi conosce nessuno”…il vino di quarto ordine lo comprerete voi sparagnini con le vacanze da due soldi..il salento è cultura ,è arte che poi ci sia anche musica e divertimento credo che sia un bene .se preferite il caos e l inquinamento di milano fate pure …io parto!!!

  25. Se lo scopo era l’ironia è stato raggiunto. Se invece era far desistere le orde di turisti impazziti e incivili che devastano la nostra terra ogni anno, mi sa che hai fatto un buco nell’acqua. Il turismo ci permette di vivere, ma l’inciviltà che vedo ha dell’aberrante. Fate tutti gli altolocati del cazzo e poi siete dei trogloditi. Il Salento non è solo sule, mare, jentu, mieru e pizzica.. Se non vi stanno bene le nostre usanza potete sempre fare un bel bagno all’isdroscalo di Milano o a Jesolo. Ci vediamo presto e ci ha mancare cu manca pe bui. Statibu bueni.

  26. Da salentina neotrentenne ti dico Bellissimo articolo.
    Sono stati i turisti a creare i mostri descritti nell’articolo.
    Fino a 10 anni fa ma sai chi si cagava la pizzica, per non parlare dei fricchettoni che credono di aver trovato il loro paradiso.
    Vacanze alternative il cazzo, smettetela di venire in salenti se non avete soldi da spendere.

  27. Leggendo i commenti ho notato che il senso di appartenenza alla loro terra dei salentini è inversamente proporzionale al loro senso dell’umorismo, con le dovute eccezioni ovviamente (frisedda su tutti ma anche altri). State un pò più tranquilli eh PEACE

  28. Ahahahahah cazzo, perché così corto? Speravo ti dilungassi maggiormente.
    Da un salentino che SI È ROTTO I COGLIONI DELLE FRISE

  29. In Salento ci ho vissuto per un anno e a parte le oasi di mare assolutamente fantastico, sono d’accordo con te!!!
    Non c’e’ niente di meno alternativo dell’alternativo Salento e niente di piu’ irritante dell’autocompiacimento dei salentini: “Questo e’ il posto piu’ bello del mondo!” si dicono tra loro e loro…
    Brave persone per carita’, ma ricordo che comunicavo meglio con un gruppo di inglesi incontrati per lavoro parlando una lingua diversa che con i salentini (assolutamente non li puoi chiamare pugliesi.. si offendono). L’anno dopo mi sono trasferita in inghilterra…

    • Mia cara, se tanto ti infastidiva il Salento e chi ci vive, potevi togliere le tende prima di un anno, nessuno ti ha tenuto qui con la forza. Hai fatto bene ad andare in Inghilterra, che è famosa per il sole e il clima tipicamente estivo. Ps. Il nostro non è autocompiacimento, ma oggettività. Viviamo nel paradiso terreste, che ti piaccia o no. Solo una cosa giusta hai detto, siamo salentini, non pugliesi. Ciao bella e salutami il bel clima londinese

      • Ma la volete smettere di dire sciocchezze. Voi salentini la conoscete la restante parte della PUGLIA . No è evidente se non la finirete di dire cavolate. La regione è fantastica TUTTA. MA sul GARGANO ci siete mai stati? ! I tramonti il mare e la varietà dei paesaggi che stanno lì voi non sapete neanche cosa sono. Basta a tirarvela siete ridicoli !!
        la Puglia è magica nel suo insieme uscite dalla grettezza

  30. Al salento preferisco la Valle d itria. CISTERNINO, OSTUNI, LOCOROTONDO,…dove oltre al buon mare c è davvero una bellezza paesaggistica disarmante nonche una quiete che rasserena gli animi.

  31. 1 LA MOVIDA NON STA NEI PICCOLI PAESI DI 1000 ABITANTI OVVIAMENYE.
    2 NON SI ASCOLTA SOLO REGGAE MA E IL GENERE PREDOMINANTE.
    3 SICURAMENTE DEI UN ASOCIALE DI MERDA
    4 TORNA DAL TUO PAESE DOVE MAGARI L ACQUA DEL MARE È COLOR MERDA.
    5 NON C E SOLO LA PIZZICA MA È TTRADIZIONE E NOI LA RISPETTIAMO
    6 PROVA A CERCARE QUALCHE SERATONA A GALLIPOLI
    7 GLI AMICI TUOI SANNO DIVERTIRSI MAGARI HAI QUALCHE PROBLEMA
    8 NON CI TORNARE PIU NEL SALENTO
    9 LU COME ARTICOLO LO SI USA ANCHE PER INSULTARE GENTE DI MERDA COME TE. LU CUIUNE CA SINTI
    10 CURATI. INFAME.

  32. Caro mio se non vieni in Salento non si arrabbia nessuno, anzi di gente ipocrita come te ne facciamo benissimo a meno. Se per caso vorrai farci un salto ti aspetteremo col sorriso sulle labbra, sorseggeremo insieme un calice di negramaro o di primitivo di Manduria accompagnato da un paio di frise con il nostro buon extravergine e i nostri pomodori ,parlando della fantastica spiaggia o scogliera che hai visitato in giornata

  33. Caro mio se non vieni in Salento non si arrabbia nessuno, anzi di gente ipocrita come te ne facciamo benissimo a meno. Se per caso vorrai farci un salto ti aspetteremo col sorriso sulle labbra, sorseggeremo insieme un calice di negramaro o di primitivo di Manduria accompagnato da un paio di frise con il nostro buon extravergine e i nostri pomodori ,parlando della fantastica spiaggia o scogliera che hai visitato in giornata. E ricordati quando andrai via entrambi avremo un amico in più, questo è il Salento!

  34. A me ha fatto ridere! Ovviamente chi lo ha scritto o non ha mai visto il Salento in vita sua oppure lo ha fatto per scherzare.
    Ad ogni modo ha raccontato solo una minuscola faccia del Salento. Se ama la fighetteria ne trova quanta ne vuole a Lecce tra le meravigliose viuzze che ospitano enoteche che offrono Negramaro, frise, olive nere e bella gente abbronzata e sorridente. Perché il salentino sorride sempre. Il sole ce l’ha nel cuore e sulla bocca.
    Poi è vero che per i salentini non esiste niente di meglio del Salento 🙂
    Ma che ci vuoi fare? Meglio amare la propria terra che disprezzarla.
    Ma si, in fondo credo che chi ha scritto l’articolo è uno che ama il Salento. Magari si è innamorato di qualche salentina che lo ha fatto soffrire 🙂
    Sorridi dai e torna in Salento che ne trovi sicuramente un’altra

    • E tu hai mai visto i magici paesini arroccati sulla roccia immersi nelle pinete secolari durante un tramonto sul GARGANO o a Polignano a mare per esempio? ! Hai mai visto lo spettacoli delle Isole tremiti a due passi dal Gargano stesso tra verde laghi e mare? ! Oppure la magia di una masseria nel giallo del grano del Tavoliere delle Puglie a giugno? ‘! Sono posti magici e non sono in Salento quindi riprendere vi che siete gretti e a questo punto ignoranti. Il sole ed il mare con il vento sono tipici della Puglia dal nord al sud sveglia

  35. LoL , gran pezzo, divertente e scritto bene
    … ma sopratutto ancora più divertente è leggere i commenti di chi ( pugliesi suppongo)
    non si è divertito
    … non ha prezzo! 😀

    rotfl

  36. I commenti a questo post sono purtroppo il chiaro sintomo di un male oscuro: in Italia non si sa più cogliere il significato di un testo scritto. Passo due mesi l’anno nel Salento e di personaggi come quelli descritti nell’articolo ne vedo ogni anno a bizzeffe, è inutile negare. Mica sono per forza salentini.Anzi, proprio questi personaggi venuti da fuori, l’obiettivo della satira, hanno trasformato la vacanza salentina in un cliché. E non mi pare che nessuno in questo articolo abbia disprezzato il Salento, mentre il disprezzo si legge nei commenti dei tanti diversamente colti che credono che le bellezze del Tacco trasformino il resto d’Italia (Nord compreso: mia moglie che è salentina adora le nostre gite, anche quelle in Lombardia, ma evidentemente ha provato a conoscerla e non si è fermata ai luoghi comuni) in un cesso da cui scappare per rifugiarsi a Lecce e provincia. Detto questo, l’orgoglio salentino è ottuso come ogni altro orgoglio territoriale: nessuno ha il merito di essere nato in un luogo.

  37. Il problema è che ormai il salento non si batte. Quando senti che tutti in coro cantano “Si no ti scierri mai ti li raidici ca tieni , rispetti puru quiddre ti li paisi lontani …. Simu salentini ti lu munnu cittadini” . E’ la stessa reazione psicologica che ebbi con il Pulcino Pio , ma diamine la ebbi alla milionesima volta che la passavano in radio.
    Da quel che scrivi sembra che tu non ci sia mai stato, almeno prima di attaccare prova, il salento è per il terzo anno consecutivo la meta preferita dagli italiani vuoi sapere perchè ?

    – La vita costa poco
    – Si mangia da DIO ! Pesce fresco anche tutti i giorni e cucina mediterranea ……. LI FRISEDDI ! Se avevi problemi di fegato di sicuro ti curi è una cucina leggerissima e gustosa.
    – Ci sono le spiagge libere e MARE CRISTALLINO cosa che magari al nord non esiste, ma francamente pagare per farsi una doccia in spiaggia, perchè se ti fai per sbaglio il bagno a mare ti becchi una salmonellosi o magari ti ritrovi a giocare con una foca monaca…..che in realtà si rivela essere una pantegana, non è che sia il massimo della vita.
    – Ci si disintossica dallo smog , dall’elettromagnetismo e dall’ipertensione tecnologica.
    – C’è talmente tanta figa, ma cosi figa, che a confronto la Belen sembra la Signora Silvani.
    – Le persone ti accolgono come se fossi loro figlio, pensa che in un tour in estremo sud mi sono perso e chiedendo indicazioni ci siamo ritrovati a pranzare a casa di una signora con tutta la sua famiglia….. “mena c’amu fatti li chianchiareddi stamatina”. “Lampu dicu: SINI ME”

    Anche se non ci sei mai stato non ti dirò “Cuioni ti zappa” ma dai retta agli amici è una bella avventura e scommetto che non potrai piu fare ammeno di tornarci.

    Pace.

    • Ai Salentini risentiti voglio dire solo una cosa: senza stare a gareggiare tra tonalità di azzurro del mare che sarebbe ridicolo e poi cambia a seconda della posizione del sole, il mare in Italia è tutto bello.

      Quando dito che il mare al Nord è una fogna, è nero, che se ti bagni devi farti la doccia per non prendere malattie non è chiaro di che mare parlare. D’accordo forse la riviera romagnola e i lidi veneziani sono saranno il massimo, ma sono PULITI, più puliti di tanti mari cristallini, infatti il colore azzurro del mare dipende dal suo fondale, a Rimini c’è un mare pulitissimo ma un fondale terroso che intorpidisce l’acqua. A Taranto ci sono mari con fondali rocciosi o bianco-sabbiosi, mare cristallino e scarichi abusivi di materiali tossini a tre metri.

      Chiusa la questione riviera romagnola e lidi di venezia, mi dite quali altri mari in Italia sarebbero brutti e sporchi? I mari di Liguria e Toscana sono stupendi, incontaminati, caraibici, riviere ricche di insenature, grotte, spiaggette. Il Lago di Garda pur non essendo “mare” è un posto meravigliosa, acque cristalline, spiaggie bianchissime e avvolte nella natura, profumo di agrumi e di fiori, clima meraviglioso tutto l’anno. E non parliamo della baia di Trieste, mare stupendo, clima perfetto. E non parliamo dei bellissimi laghi, dai colori mozzafiato e dalla maestosità imbattibile delle regioni alpiniche. Nelle Marche ci sono dei mari da pelle d’oca, ad esempio la Riviera del Conero, cercate “le due sorelle” e vedrete. Ma anche la riviera della palme ha un mare molto bello, un ambiente naturale stupendo, movida, cultura, gastronomia. La stessa Fano ha un bellissimo mare, sassi bianchi, acqua cristalline.

      Quindi alla fine questo canzonato Nord (molto più criticato del Sud ormai) e che comunque comprende anche l’Italia centrale visto che ormai per la gente del Sud che parla di Nord anche il Centro è Nord, dove sarebbe? Con territori a clima sub-mediterraneo o mediterraneo come la Liguria, la Toscana, il territorio del Garda, le Marche, la baia Triestina, territori che producono oli, vini buonissimi, con inverni miti, pesca abbondante, fiori, agrumi dove sarebbe questo Nord così scuro da inscurire anche il cuore delle persone a detta vostra? Milano e Torino? E quello sarebbe il Nord per voi?

      Veramente è ora di mettere su un po di umiltà e cominciare a scoprirla tutta l’Italia. Scoprire che si mangia da Dio anche in Toscana, in Liguria, in Emilia, nelle Marche, che ci sono mari stupendi anche in altri posti, che ci sono paesaggi mozzaffiato in altre regione, che di arte e storia ne è pieno ogni paesino di 1000 abitanti di ogni provincia del nostro territorio.

      Non c’è niente di male ad essere fieri di un territorio, ma è sbagliato quando questa fierezza diventa chiusura mentale, spocchia e diffidenza. Quando ci si porta il cibo da casa convinti che faccia tutto schifo a 100 chilometri di distanza, quando si giudica ancora prima di vedere. E questo io lo vedo fare a molto salentini, siciliani, salernitani molto più che non ai liguri o ai toscani ad esempio che di posti meravigliosi, di paradisi in terra, ne hanno da vendere.

      I miei amici leccesi e tarantini sono tutte persone che rispettano il loro luogo di nascita senza descriverlo con spocchia guardando con sufficienza a tutto il resto, sono persone che descrivono una bellezza con oggettività non con fare da piazzista furbo e che non hanno problemi ad ammettere i difetti. Sono anche persone che amano vedere le bellezze di ogni luogo e amano complimentarsi con gli altri per le bellezze o le bontà dei loro territori.

      Con loro lego, ma con il pugliese spocchioso che “tutto di giu è meglio, anche il corso, ci sono i negozi migliori” non riesco, perché questa presunzione e cecità è un difetto troppo grande per passare inosservato.

      • Sentire un salentino fare commenti obiettivi sulla sua terra è come trovare un nazista critico suHitler…
        La cosa scandalosa è il disprezzo per il resto della Puglia e la loro non conoscenza della stessa che pure criticano

      • Condivido al 1000%, lo stivale è una meraviglia dal primo all’ultimo millimetro quadrato.

        Ai Salentini “ultrà-che-siamo-i-meglio-solo-noi-e-voi-invece-siete-m***a” dico: fatevi un salto nel Chianti e dopo ragionate.

        Non abbiamo il mare, ma da noi i turisti non sono mai mancati. Né tantomento si sono mai azzardati a lasciare mezza cartaccia per terra, come purtroppo nei luoghi di turismo di massa.
        Questa non vuole essere un’invettiva, ma un invito a cercare di essere un po’ più “risoluti” con chi, effettivamente, vi sta insozzando la terra natì.
        Questo, se non lo capite, è nel solo ed esclusivo interesse vostro.

        Da che mondo è mondo, le mode passano, soprattutto quando diventano un cliché.
        Già molti altri luoghi di villeggiatura hanno pagato carissimo il lassismo coi turisti indisciplinati.
        Con l’atteggiamento laissez-faire, una decina di anni fa la Riviera si stava affossando: piena oramai di zoccole e cafoni di ogni età.
        Poi hanno preso le palle, le hanno messe sul tavolo, e adesso ci stanno come era trent’anni fa, famiglie, single, giovani, distinti e fricchettoni.
        Divertendosi e soprattutto RISPETTANDOSI E RISPETTANDO I LUOGHI.
        Nonostante il loro mare torbido e pieno d’algacce, che però è veramente pulito.
        La Riviera la conosco da trent’anni, cari miei. Quindi so di cosa parlo.
        Così come la Puglia.

        Altro esempio: Venezia è zeppa di difetti (come ogni luogo), ti salaccano per un caffé e due chicchi di mais, ti vietano i bivacchi (quasi fossero la Gestapo).
        Eppure è dai tempi di Marco Polo che fattura quanto dieci multinazionali messe insieme. TUTTO L’ANNO. Come si spiega???

        Di tutto cuore: fossi in voi, me la prenderei con la tele, dal momento che l’accostamento Salento-Pizzica-punkettoni&disfattoni lo stanno inculcando proprio loro. Bisogna esser ciechi per non averlo capito.

        Capisco sia ben più facile fare vigliaccamente i leoni da tastiera con chi, seppur sarcasticamente, ha messo a nudo un problema sempre più CONCRETO: i cafoni vi stanno sputtanando e insozzando i luoghi. Punto.
        E mi verrebbe voglia di prenderli a cignate sul cervello, quei sudici.

        Ma sta a voi PROTEGGERE la vostra terra.

        Se volete campare di turismo, dovete cominciare ad ASCOLTARLI, i turisti. Partendo dalle critiche negative.
        Questo è il primo fondamento di ogni attività a contatto con il pubblico.
        Non c’è bisogno di 5 anni di istituto alberghiero per arrivarci.

        Per concludere: ma la Sicilia l’avete mai vista??? E l’Abruzzo??? Il Molise??? La Basilicata???

  38. Potresti andare a fare le vacanze a Rimini, dove trovi tutto quello che hai elencato, ad eccezione de “lu” prima di ogni parola e del mare cristallino, coste meravigliose, ottimo cibo, cortesia, simpatia. Se la tua vacanza salentina si esaurisce solo nella vita da discoteca…ahimè, non hai capito niente nè di salento nè di come ci si gode una vacanza. Vai a Rimini, senti a me.

  39. A romano sfigato….smettila di dire cazzate….anche perchè lo sanno tutti che passerai le vacanze nel salento…… e tranquillo che saremo li ad aspettarti….

  40. Possibile che il Salento nell’immaginario collettivo sia solo quello che ha descritto l’autore dell’articolo e che sia quello ad attirare la gente qui? Personalmente non lo credo, nè mi hanno mai appassionato i piercing, i punkabbestia, il vino da 1 euro al litro e le canne. Ma se è così o abbiamo un marketing pessimo…o, forse, sono i giovani di oggi ad essere sbagliati.

  41. Ho letto il suo articolo gustandomelo dall’inizio alla fine. La ringrazio per le risate e invito i miei conterranei a fare altrettanto. Buon lavoro e non si pieghi alle invettive dei campanilisti, di quelli che la propria terra la preserverebbero -oggi- dai “milanesi”, ma fino all’altro giorno l’hanno inquinata o,peggio, svenduta a qualche multinazionale per un piatto di lenticchie.

    Un salentino.

  42. Da salentino, ti voglio bene! Ai Salentinisti, dico: “amu siccati e ni prisciamu puru!” Abbiamo fatto della nostra condizione un feticcio da adorare non accorgendoci “ca amu muerti senza cu ni stinnimu!” …e nel mentre, iastimu…

  43. Mr torrance sei più bla bla bla di come sembra…il nick è il mio nome se vuoi ti do anche il cognome così quando scendi ti faccio vedere come abbaio…
    INVIDIOSI di una Terra Magica…
    Succhiatemelo

    • arKangelo, sei di una pochezza disarmante. Dopo gli insulti gratuiti sono arrivate le scontate minacce da web…ora per completare il quadro ci starebbero due o tre insulti in dialetto e il dipinto da perfetto disagiato che ti sei fatto è completo. Goditi pure il Salento, io ho già dato e se mi andrà ci tornerò pure, sperando di non incrociare sulla mia strada una testa di merda come te. Anche se dubito, i posti che frequento io sono fortunatamente snobbati dai cafoni del tuo livello.
      Stammi bene.

  44. avete cagato la minchia. il sarcasmo e l’autocritica non sapete dove stanno di casa. L’autodefinizione salentina è inquietante, siete i Padani del sud. Complimenti.

  45. da salentina ti dico solo una cosa:FANTASTICO!!!! e ai salentini permalosi dico solo una cosa:e fatevela una risata che mica si muore a ridere! Non mi sembra per niente un attacco al Salento,anche perchè se ci fate caso della nostra terra dice ben poco.e poi,non prendiamoci per il culo,tutti noi salentini ci lamentiamo delle orde di turisti e del loro scimmiottarci.ha dato voe a quello che ogni salentino,dal 1 al 2 6di agosto dice a denti stretti al suo amico mentre al mare è circondato da turisti.ribadisco,questo post è FANTASTICO

  46. restate a casa luridi che venite nel salento considerandolo una pattumiera a cielo aperto.
    vi piacciono tanto ore di fila inscatolati in auto in litoranea?
    o prezzi pari se non superiori a quelli che si pagano in lidi molto più seri?
    o orde di ignoranti che si ammassano come bestie in spiaggia sentendosi alle maldive?
    e considerate anche che quasi tutti i centri marini scaricano la fogna in mare.
    e che la provincia di lecce ha il tasso più alto di tumori (informatevi bene) a causa dell’inquinamento, da enel a cerano, a ilva a taranto a colacem a galatina e tante altre…
    e che non esiste una rete di trasporto locale efficiente, quindi preparatevi a taxi stracari dall’aeroporto di brindisi, o il salento in bus che passa3 volte al giorno in poche fermate non facili da raggiungere dal mare e se lo perdete siete fregati e i treni locali fse sono ridicoli (stazioni in campagna lontane da tutto, lenti peggio di una lumaca, frequenze rarissime).
    e i parcheggi? non esistono. l’abusivismo regna lungo le coste, dalle case ai venditori improvvisati e le notti siete costretti a usare l’auto e ogni 10 metri c’è un posto di blocco: tornerete senza patente anche per una birra.
    e al pronto soccorso se mai dovesse servirvi preparatevi a file di ore, ho visto gente sanguinante in condizioni critiche buttata lì in un angolo, a gallipoli (collettore di sfigati come sottolineava chi mi precede).
    evitatelo, con quei soldi potete andare a new york o alle maldive, vere, o in grecia, o in favolose spiagge in croazia o albania dove ora i servizi sono straordinari, accessibili e non c’è la calca. vacanza significa piacere, non stress.
    nel salento non ci sanno fare (sono salentino).

  47. I tursiti vanno solo nei posti per turisti,a bere drogarsi ecc… noi salentini invece evitiamo quei posti che nn ci rappresentano,perché è solo business. Devi conoscere questa terra nella sua vera essenza,nella sua povertà economica,ma immensa ricchezza di posti meravigliosi Che la natura ci ha dato dove puoi rilassarti lontano dal caos,dove nn si capisce nulla.infondo un locale vale l altro,che sia in Salento o a Roma,sempre la solita cosa si fa. Invece le oasi che abbiamo noi,le insenature,le grotte,il mare,la macchia mediterranea,le influenze dei greci,bizantini, messapi,il barocco,i profumi,la cucina….nn le trovi da nessuna parte. Solo vivendo queste cose puoi dire di aver fatto una vera vacanza in Salento..negli altri casi hai solo fatto un tour per locali,ma nn hai conosciuto questa terra!

  48. Hai descritto la notte della taranta, che personalmente schifo come il vaiolo, non la vacanza in salento. E già qui non ci siamo. In secundis gli articoli da “basta con DESTINAZIONERANDOM che va di moda” sono out da tipo il giurassico, anche perchè i clichè dialettici sono inevitabilmente sempre gli stessi, e tu non sei più bravo di altri nè hai uno stile che spicca per poterli rendere più piacevoli da leggere (leggasi anche “sopportabili”). Saluti, con la speranza di aver aperto gli occhi anche a quest’ultimo blogger del giovedì.

    • Il fatto che la meravigliosa terra del Salento sia oggigiorno nota quasi esclusivamente per il folklore e la movida è, casomai, da attribuirsi ai media.

      In secondo luogo: porre una questione in modo “gradito” (solo ed esclusivamente a chi ha la coda di paglia come lei e tantissimi altri) non aiuta a risolverla.

      Il problema è serio: i turisti cafoni vi stanno insudiciando e “sputttanando” tutto il bello del Salento.

      Le critiche costruttive, sia pur con un pizzico d’ironia, vanno semmai ascoltate. Non denigrate.

      Regola numero uno del settore turistico.

      Da ultimo: se lei ritiene di essere più bravo, “vedente” ed “interessante”, perché non si fa avanti e prova a gestire un blog?

      Cordialmente.

  49. Sono andato in vacanza in Salento per anni, quando ancora non era ancora nemmeno una destinazione “alternativa” credo di capire cosa c’è che non va per i salentini
    Non credo sia tanto la presenza della “massa” il problema, quanto il fatto che per accontentare questa massa quello che c’era di originale nel Salento si stia trasformando in stereotipo.

    E comunque sì: il turista che viene in Salento e si comporta come un buzzurro perchè il Salento è una meta “alternativa” e “frikkettona” ha ampiamente rotto il cazzo.

  50. E’ uno spettacolo leggere i commenti dei salentini punti nell’orgoglio (da cosa poi?) avete una sensibilità, un rispetto per le altre culture ed un apertura mentale che a confronto joseph goebbels ( il ministro della propaganda del Terzo Reich), che è stato in vacanza in salento) era martin luther king ( il famoso simbolo della tolleranza e della non-violenza che è stato in vacanza in salento). Ridicoli e patetici, a quando un bel simposio internazionale sulla “purezza della razza” salentina?

  51. Bah…. Ho appena finito di leggere “Gli aspiranti fotografi hanno rotto il cazzo”, ti credevo geniale, ma leggere questo articolo, fatto UGUALE all’altro, beh….. diludendo.

  52. non capisco chi si offende, l’autore di questo post (che non sto ora a giudicare, nè mi interessa) non vuole parlare male del Salento, piuttosto del suo amico e di quelli come lui.

  53. Cari fratelli salentini come me se facessimo tutti un pochino di più per il nostro salento sarebbe un posto ancora più bello. Basterebbe impegnarci quanto stiamo facendo con sti commenti 😀 …Sono Dell idea che il Salento è solo x chi lo sa amare. Se non ti piace ci sono altri posti x te… ma se vieni qui devi saperlo amare e rispettare. Allora si che sarai il benvenuto! Sennò noi stiamo bene e continuiamo a vivere anche senza di te! Saluti

  54. Sinceramente non mi sento offeso, è vero, il salento è molto altro ma, alcune cose dell’articolo sono vere …… verissime. Se non ci credete, andate intorno alle 5 del mattino a Melpignano appena finita la notte della taranta, poi commentate. Alcuni posti e alcune feste sono esattamente come descritte nell’articolo. L’articolo stesso potrebbe chiamarsi “Rimini ha rotto il caxxo” piuttosto che Cortina d’inverno, è solo che gli ultimi anni vengono tutti quì. Non sono daccordo sul fatto che nel salento viviamo grazie al turismo, 10 anni fa non ci veniva nessuno e non mi sembra che siamo ai tempi della pietra. Siamo pugliesi ma ci sentiamo salentini perchè, di fatto, non vi è nulla di simile con il resto della puglia ( e non sto dicendo che siamo meglio), i dialetti, le usanze e anche il cibo cambia, siamo semplicemente diversi. Poi, se permettete, avete rotto con queste offese tra tutta l’Italia, basta con questi stupidi campanilismi. Il Nord è palesemente più organizzato del Sud e, le persone hanno più rispetto delle regole. Al Sud ci consoliamo con il mare, il sole e stu cazzu te jentu …….. Io Amo tutta l’Italia, ci sono posti bellissimi ovunque ……

  55. Ai Salentini risentiti voglio dire solo una cosa: senza stare a gareggiare tra tonalità di azzurro del mare che sarebbe ridicolo e poi cambia a seconda della posizione del sole, il mare in Italia è tutto bello.

    Quando dito che il mare al Nord è una fogna, è nero, che se ti bagni devi farti la doccia per non prendere malattie non è chiaro di che mare parlare. D’accordo forse la riviera romagnola e i lidi veneziani sono saranno il massimo, ma sono PULITI, più puliti di tanti mari cristallini, infatti il colore azzurro del mare dipende dal suo fondale, a Rimini c’è un mare pulitissimo ma un fondale terroso che intorpidisce l’acqua. A Taranto ci sono mari con fondali rocciosi o bianco-sabbiosi, mare cristallino e scarichi abusivi di materiali tossini a tre metri.

    Chiusa la questione riviera romagnola e lidi di venezia, mi dite quali altri mari in Italia sarebbero brutti e sporchi? I mari di Liguria e Toscana sono stupendi, incontaminati, caraibici, riviere ricche di insenature, grotte, spiaggette. Il Lago di Garda pur non essendo “mare” è un posto meravigliosa, acque cristalline, spiaggie bianchissime e avvolte nella natura, profumo di agrumi e di fiori, clima meraviglioso tutto l’anno. E non parliamo della baia di Trieste, mare stupendo, clima perfetto. E non parliamo dei bellissimi laghi, dai colori mozzafiato e dalla maestosità imbattibile delle regioni alpiniche. Nelle Marche ci sono dei mari da pelle d’oca, ad esempio la Riviera del Conero, cercate “le due sorelle” e vedrete. Ma anche la riviera della palme ha un mare molto bello, un ambiente naturale stupendo, movida, cultura, gastronomia. La stessa Fano ha un bellissimo mare, sassi bianchi, acqua cristalline.

    Quindi alla fine questo canzonato Nord (molto più criticato del Sud ormai) e che comunque comprende anche l’Italia centrale visto che ormai per la gente del Sud che parla di Nord anche il Centro è Nord, dove sarebbe? Con territori a clima sub-mediterraneo o mediterraneo come la Liguria, la Toscana, il territorio del Garda, le Marche, la baia Triestina, territori che producono oli, vini buonissimi, con inverni miti, pesca abbondante, fiori, agrumi dove sarebbe questo Nord così scuro da inscurire anche il cuore delle persone a detta vostra? Milano e Torino? E quello sarebbe il Nord per voi?

    Veramente è ora di mettere su un po di umiltà e cominciare a scoprirla tutta l’Italia. Scoprire che si mangia da Dio anche in Toscana, in Liguria, in Emilia, nelle Marche, che ci sono mari stupendi anche in altri posti, che ci sono paesaggi mozzaffiato in altre regione, che di arte e storia ne è pieno ogni paesino di 1000 abitanti di ogni provincia del nostro territorio.

    Non c’è niente di male ad essere fieri di un territorio, ma è sbagliato quando questa fierezza diventa chiusura mentale, spocchia e diffidenza. Quando ci si porta il cibo da casa convinti che faccia tutto schifo a 100 chilometri di distanza, quando si giudica ancora prima di vedere. E questo io lo vedo fare a molto salentini, siciliani, salernitani molto più che non ai liguri o ai toscani ad esempio che di posti meravigliosi, di paradisi in terra, ne hanno da vendere.

    I miei amici leccesi e tarantini sono tutte persone che rispettano il loro luogo di nascita senza descriverlo con spocchia guardando con sufficienza a tutto il resto, sono persone che descrivono una bellezza con oggettività non con fare da piazzista furbo e che non hanno problemi ad ammettere i difetti. Sono anche persone che amano vedere le bellezze di ogni luogo e amano complimentarsi con gli altri per le bellezze o le bontà dei loro territori.

    Con loro lego, ma con il pugliese spocchioso che “tutto di giu è meglio, anche il corso, ci sono i negozi migliori” non riesco, perché questa presunzione e cecità è un difetto troppo grande per passare inosservato.

    • Io in Italia ci sono nata e cresciuta, poi me ne sono andata, aggrappandomi alle acciughe al verde alla piemontese coi lacrimoni agli occhi…ad oggi, dopo quasi 5 anni, non voglio più tornare, sto bene nel freddo (si fa per dire) Nord Germania…e con tutto il dovutissimo rispetto per le bellezze italiane, che, purtroppo, ho visto poco, mi sono fatta l’idea che noi italiani (me compresa fino a qualche anno fa) siamo convinti di essere i detentori ufficiali del bello e del meglio…Non si mangia bene solo in Italia, non ci sono cose belle solo in Italia…
      A volte me ne vado in giro per la Germania e vedo cose strabilianti, posti indescrivibili, poi lo racconto e la gente dice si però, l’Italia..poi in Germania, si sa (ma chi lo ha detto?) come si mangia male, chissà che freddo e che tristezza..ma dove???Ripeto, leviamoci la convinzione che solo il nostro orticello e proprio solo quello, sia il più verde…
      La spocchia di cui si parla, e condivido il pensiero, la ripercuotiamo anche al di fuori dell’italia… io ci lotto ogni volta che torno a casa…

  56. ma è sbagliato quando questa fierezza diventa chiusura mentale, spocchia e diffidenza, quando si giudica ancora prima di vedere. E questo io lo vedo fare a molto salentini, siciliani, salernitani molto più che non ai liguri o ai toscani.
    E i Calabresi? non dimentichiamoli,io da meridionale pugliese,sono corretto e non faccio quello che elogia e sputa al nord,sono andato via dal mio sud perchè non mi piaceva,e non ci tornerei mai,a mala pena per fare le vacanze.
    per il resto in meridione la presunzione è più alta del nord.infatti il tenore di vita parla chiaro.
    più corruzione al sud? chissà perchè.

  57. Da salentino, e non mi fate dire orgoglioso perche’ si puo’ essere orgogliosi di quello che si e’ fatto ma non di una cosa che non hai scelto, devo dire che due risate me le sono fatte. Divertente, leggero e ironico. E ai colleghi ” salentini” dico di stare tranquilli che mi siete sembrati peggio dei baresi. Avete fatto commenti da ” cozzari”. Per fare turismo bisogna ricordarsi che il turista, anche virtuale, ha sempre ragione.
    Buona vita a tutti.

  58. Con i soliti post avete rotto il cazzo!
    sono anni che ormai, appena inizia l’estate, spuntano i post satirici sul salento.
    L’anno scorso era VICE (e molti altri negli anni passati), adesso questo.
    Il punto è che ormai questa satira fare ridere i soliti polli e incazzare i soliti bimbiminkia.
    Ogni fottutissimo anno si ripetono le stesse battute, le stesse scenette, gli stessi insulti, le stesse ruffianerie autoreferenziali.
    E’ un po come vedere sempre la stessa commedia: non si ride più, nè per la satira, nè per le reazioni che genera.
    Siate un po originali! Perché il risultato e che alla fine, satira o non satira, nel salento ci vengono tutti, punkabbestia, scrittori radicalchic, fighetti, benpensanti, nordici e meridionali… forse l’unico che vorrebbe evitare il salento ad agosto sono solo io.

    un piccolo appunto a Sara (la napoletana): siamo ben consapevoli di essere nati in una terra meravigliosa, proprio per questo si dovrebbe vietare l’ingresso ai napoletani 😉
    dai scherzo… ma la spazzatura buttala nel bidone, non lasciarla per strada che poi puzza!

    • Mentre voi discutete di abolizione del Salento, vengono compiuti dei veri e propri crimini. Ogni giorno, nelle mense italiane, migliaia di lavoratori sono costretti a condire la propria pasta con il Grana Padano. Noi Salentini diciamo basta! Basta con questi crimini enogastronomici a danno dei lavoratori! Il lavoro ha la sua dignità e la pasta si condisce con il GAVOI sardo ed il Pecorino NZIVATO! Ci permettiamo di usare il Pecorino Romano nella gricia, nella carbonara e nell’amatriciana. Ci Ma il Grana padano no, mai!

    • e meno male che, con quei sudici soldi dei napoletani, da racale in giù, c’avete costruito le migliori ville…ABUSIVE!

  59. Concordo con chi ha manifestato il disagio dei salentini durante certe manifestazioni come la Taranta, i bimbiminkia che arrivano da tutt’Italia maleducati che sporcano e deturpano; concordo anche con chi ha detto che noi ad agosto non ci passiamo proprio da Gallipoli x evitare le orde di barbari calati in magna Grecia.
    Salento è cultura e storia, mare azzurro ed incontaminato, cibo sublime e a km 0, chiese barocche e medievali di una bellezza che ovunque se la sognano.
    Il cazzo l’ha rotto chi è troppo ignorante x capire questo e riduce una terra stupenda ad una manifestazione che ha importanza solo x drogati ed ubriaconi .andatevene a Rimini così mi godrò Gallipoli anche ad agosto. Ciao proprio

  60. Secoli fa, quando re Ferdinando II (proprio quello della famosa canzone “Arcu de prato”!!) appena incoronato arrivò a Lecce in visita, trovò sul muro davanti la stazionla frase: Lecce città di cultura ed arte, se ne fotte di chi arriva e di chi parte. Rispettando questa sorta di superiorità intellettuale e di menefreghismo che i salentini hanno insita in loro ti dico: bravo amico mio, rimaniti nel paesello e non venire qui a scassare “lu” ca..u!!

  61. io non ci ho trovato nulla di umoristico!!!!

    Il solito cazzone che cerca di copiare gli articoli di vice, si quello loro dell’anno scorso era più divertente!

    Ma probabilmente ti stiamo dando troppo peso, perché l’obiettivo del tuo articolo è proprio quello di fare tanti commenti, quindi molti clik e magari guadagnare qualche soldino per poterti permettere la tanto criticata vacanza in salento!

    Vabbe ormai ti aiuto anche io a racimolare qualche centesimo in più.

    Ma sottolineo una cosa, primo, questo è tutt’altro che giornalismo; la differenza tra te e un vero giornalista o semplicemente uno scrittore è che tu per fare qualche clik hai bisogno di scrivere cagate, offendere e buttare merda; mentre il secondo attira la nostra attenzione con veri argomenti o vere storie e non ci fa staccare gli occhi dai suoi articoli che riga dopo riga stimolano interesse, scrive con passione e la trasmette!!!

    Praticamente tu sei il nulla, come quello che hai scritto!!!

  62. I veri salentini ti danno ragione! Lu salentu è stato ucciso dai luoghi comuni vacanzieri, in realtà ci son tante cose belle che nessuno s’incula!

  63. Il senso dell’articolo centra in pieno il Salento oggi.
    ll vero salento è stato perso di vista tanti anni fà… più precisamente quando i grandi organizzatori hanno deciso che il salento doveva diventare l’epicentro dei concerti raggae e quando i grandi organizzatori hanno deciso che la festa della taranta doveva diventare nazionale… amo il salento come se fosse la mia terra, amo il salento perchè rispecchia il sud, amo il salento perchè la vita è piena di vitalità, amo il salento perchè è semplice !

    Io ci sono andatoe continuerò a farlo a giugno a luglio e a settembre… ad Agosto ho provato… ma son state le ferie più stressanti della mia vita.. ( ps ho visitato Gallipoli ma non ho mai visto una spiaggia di Gallipoli ) .. cmq è impossibile andarci nelle due settimane centrali, grazie a tutte quelle belle persone che ci vanno solo per le feste.
    hanno rotto il cazzo .. le persone che si credono alternative, i fighetti milanesi ( sono milanese con sangue Sardo ), i napoletani, i laziali i romani, baresi, tutti quelli che sono stati menzionati sopra, ma sopratutto hanno rotto il cazzo gli italiani in generale che rompono il cazzo parlando il finto salentino che si ubriacano e che rompono i coglioni al prossimo che cerca di godersi una terra stupenda, ma sopratutto cerca di godersi le ferie.

    Inoltre, per voi big che organizzate tutto e dico tutto nei 15 giorni centrali di Agosto… perchè non scegliete un paese ( ad esempio Gallipoli ) e fate tutto li ? sotto la torre D’Alema o meglio ancora, non sarebbe meglio organizzare da maggio a settembre ? … così fate copntenti tutti ?

    bhà… cmq Viva lu salentu con lu ! lu sule lu mare lu jentu .. posso mettere un altro lu davanti ? in sardegna il turista mette sa o su davanti a tutto !!

  64. Cosa dire? se non….L’INVIDIA E’ UNA BRUTTA BESTIA, ma poco importa!!! Da buona salentina..io ci rido su, ti offro un bicchier di vino (travasato nella bottiglia di plastica ma proveniente dalla CANTINA DEL MIO BABBO..LA PLASTICA RIMANE SOLO PIù FACILE E MENO PESANTE DA TRASPORTARE) e t’invito personalmente da me per una vacanza…così potrai confermare o smentire le tue stesse parole ;-)..
    PEACE & LOVE

  65. Grazie per avermi risparmiato la fatica di ripetere a tutti quelli che me lo propongono i motivi per cui non andrò in vacanza in Salento. Gli passerò direttamente il link di questo articolo. Soprattutto grazie per la consapevolezza di non sono l’unica che la pensa così!

  66. premetto che ho vari amici salentini e sono 100% terrone di voi. poco tempo fa un musicista che stimo molto, salentino, postava sulla sua pagina facebook una foto con una scritta su un muro “meno salento, più talento”.
    è vero, il mare e bello, si mangia bene, le tradizioni hanno degli aspetti che vanno conservati.
    tutto vero.
    però non se ne può più di sentire parlare ovunque salentino.
    un artista di lecce (per esempio…) arriva su palcoscenici internazionali (con meriti spesso più che discutibili) e cosa fa? risponde in dialetto all’intervistatore, sogghignando contento ed orgoglioso della sua ostentata salentinità.
    come se lo spettatore di civitanove marche debba per forza trovare simpatico un coglione che spara cazzate in dialetto senza che nessuno lo capisca.
    ma orgogliosi di cosa?
    il mare bello ci sta anche in sardegna ma mica spaccano le palle al prossimo raccontando proverbi dialettali quando si trovano in vacanza a madrid….
    vi piace farvi le canne? sai che novità, in tutto il mondo si fuma e vi sono tantissime persone che hanno la cultura delle droghe e non sono dei tossici.
    io me ne sono fatte milioni (qualcuno dirà che si vede…) ma non vado a soffiare il fumo del mio joint in faccia ad il primo poveraccio sbiascicando frasi in calabrese estremo
    si mangia bene, certo…..
    se vuoi invito un salentino a caso a mangiare le melanzane ripiene che fa mia mamma e poi ne parliamo. comunque non chiamo in radio per racontare a tutto il mondo quanto cucina bene mia mathre.
    sei contento del tuo dialetto della tua terra e del tuo sole?
    anche io so felice per te…
    ma non andare a sbandierarlo in giro come se fosse la cosa più figa al mondo
    a me, per esempio, non me ne frega un cazzo del tuo reggae…
    anche senza essere un estimatore del genere apprezzo alcune cose…
    ma ce lo vedete bob marley che strafatto di erba albanese spacca i coglioni a chiunque canticchiando strampalate rime incomprensibili ai più e pure con del contenuto quantomeno inutile?
    lu papa de qua lu papa de la hanno avuto un senso, in parte forse lo hanno ancora…
    ma scendete n’attimo da sto trono che il mondo no ha bisogno di regionalismi di 4 categoria che spacciandosi per alternativo porta avanti dei valori conservatori e reazionari
    insomma
    va bene il salento, viva il salento ma forse un po’ meno salento e più talento farebbe solo del bene
    prima di tutto ai salentini stessi

    • sono salentino, ed è una vita che sopporto questo posticcio orgoglio dell’essere abitanti del tacco d’italia. ben venga questo articolo che tra l’altro mette a nudo l’assoluta mancanza di autoironia del salentino medio.

  67. Faccio un appello a tutto il mondo e all’Italia in primis: andate sul Gargano visitate la sua incomparabile bellezza ,pagate meno e vedete cose uniche. Dal mare ai boschi ai laghi scogliere alte a picco con baie uniche fino a coste basse da bianche a rosa . Paesi a picco sul mare e tramonti da favola ; il tutto è un parco nazionale comprendente le bellissime isole Tremiti

  68. Il sole stupendo nel tavoliere quando da un mare verde diventa biondo a grano maturo….Le sue masserie ,il pan cotto con tutte le verdure spontanee della terra di Foggia ..
    I pittoreschi paesini del sub appennino tra campi e boschi incontaminati la cucina contadina i famosi saporittissimi torcicnelli di carne . senza parlare del Gargano e del barese raffinato e vario. La Puglia è terra varia e ricca da Foggia a lecce

  69. era agosto 2008 e il giornale locale dipingeva l’orda di vacanzieri come zozzoni punkabbestia (già allora), io ero con loro, accampato nella splendida riserva di torre dell’orso e sinceramente da naturalista non mi sentivo calzare questa descrizione. domenica mattina mi sveglio e trovo la pineta straripante di turisti di etnia imprecisata ma soprattutto locals (i paesani dell entroterra) a fare il pic nic, e fino a quì niente di strano, fatto stà che arrivate le sei del pomeriggio la pineta sembrava il vietnam con i vari cadaveri del pranzo. insomma che io e gli altri punkabbestia (colpevoli dello sfacelo a detta della stampa) fermiamo il netturbino (unico e abbandonato a se stesso) e ci facciamo regalare una bella confezione di sacchi della monnezza poi distribuiti tra i vari campeggiatori abbusivi al motto: regà facciamoci riconoscere. morale della favola pineta pulita in 15 minuti e le guardie che invece di cacciarci ci stringevano la mano.
    2014: ormai ho deciso di viverci in salento e sono già 5 anni, terra meravigliosa ma piena di contraddizioni. le cose vanno sempre peggio l’ignoranza è sia del turista che del salentino, ma direi più del salentino perchè il turista và educato!
    se volete fare soldi col turismo votate sindaci competenti che creino infrastrutture adatte all’accoglienza, non il fratello del cugino del cognato! se tu local te ne fotti del tuo territorio il turista se ne fotte due volte.
    meno autovelox più cessi pubblici, meno etilometri più differenziata, meno lamentele più buon esempio, non vi piace il traffico: manifestate per chiedere il trasporto pubblico. meno parcheggi abusivi più FSE, meno sagre della salsiccia/frisedda/purpu/ecc. più cultura, meno pizzica pizzica più fontane pubbliche. basta demandare a terzi quello che possiamo fare noi!!!!!!!
    l’ignoranza è una brutta bestia da aosta a leuca!!!!!!!!per concludere: grazie all’autore dell simpatico articolo per dare spunto di discussione, in ogni caso se non potete cambiare il mondo almeno quando andate al mare fate come me: bustina alla mano pulitevi il vostro pezzettino di spiaggia:
    1°perchè non credo che vi piaccia prendere il sole in mezzo alla merda,
    2°perchè l’unica cosa che potete fare è dare l’esempio.
    io vengo da rimini (dove il mare fa cagare e la natura non c’è) e nessun riminese ha mai sputato in faccia ad un napoletano/romano/milanese/calabrese ma gli ha messo a disposizione locali organizzati e bidoni della spazzatura ogni 20 metri che pur volendo una bottiglia a terra non la lasci e se la lasci 10 minuti dopo non c’è più, le risse non fanno in tempo a scatenarsi perchè gli sbirri sono peggio dei falchi e non stanno lì solo a fottere soldi con le multe. detto questo grazie e vaffanculo.

  70. Sì! Sì! Sì! alleluja! finalmente qualcuno che lo dice senza fronzoli, ci siamo rotti il cazzo di fare gli alternativi, io per essere veramente alternativa scelgo di fare la persona normale, quella che oggi in tempo di crisi le vacanze non se le può permettere e che, grazie alla fortuna di abitare in un paese di mare, il sole me lo piglio aggratis sulla spiaggia libera!

  71. Bravo! non ci venire in Salento e non farci andare neanche tutti quei coglioni che ci vanno per trombare, ubriacarsi e insozzare questa meravigliosa terra….tutti a casa, ci vado io in Salento senza tanti coglioni in mezzo alle scatole….. comunque abbi la compiacenza di firmare i tuoi articoli!

  72. Il Salento e’ un luogo come un altro, ogni luogo ha un anima e in questa c’e’ la sua identità.
    E’ la bellezza che sfugge agli occhi dei più…e spesso agli occhi di chi vive in un luogo che ama….

    Tutta la terra d’Otranto e’ fuori di sé. se ne e’ andata chissa’ dove. E’ una terra nomade, gira su stessa. A vuoto.
    Carmelo Bene

    Questa e’ l’anima della terra di cui parlate appunto “a vuoto”….

  73. Anche i salentini hanno largamente rotto il cazzo. Hanno il problema che il turismo modaiolo e selvaggio gli ha distrutto la terra natìa, son d’accordo, però “Salentu, Salentu, Salentu” poi appena possono se ne scappano (per andare spesso in Campania o in Abruzzo, cioè in posti dove c’è ancora meno lavoro e meno possibilità delle Puglie, e lo dico con cognizione di causa). Ottima capacità nel vendersi e buone capacità imprenditoriali ma provincialismo imbarazzante, per non dire ridicolo. E senso dell’umorismo basso, molto basso.

  74. Non è difficile, però in fondo, capire che questo post è ironico e che magari all’autore piace il Salento tanto quanto agli altri.
    L’ironia serve anche a questo. Godetevela senza partire per le Crociate….

  75. Quel pizzico d’identità salentina che fa parte dei miei natali mi fa desumere che i commenti stizziti siano principalmente di “poppete”, no?

    Il salentinismo e tutto ciò che ne è scaturito appresso (“lu sole, lu mare e lu jentu” p. es.) SONO il male.

  76. La caratteristica più evidente dei meridionali è che alla minima critica anche se ironica, reagiscono chiudendosi a riccio rivendicando l’appartenenza ad una società che nelle loro descrizioni pare un mondo perfetto. Purtroppo anche quando si parla di mafia c’è questa reazione…

  77. Dai ragazzi, che pa..lleeeeeee è un articolo che da un punto di vista.
    Le critiche sulle critiche, il campanilismo, le critiche alle controcritiche, sono sicuro che fra qualche post uscirà pure il nome di salvini e di berlusconi…..che pa….lle!
    Io sono di Roma ed adoro il salento come del resto tutta l’italia, però non nego che ormai molti miei amici vanno in salento, senza sapere nulla del salento, senza che gli importi qualcosa delle tradizioni, ma solo perchè ci sono i rave sulle spiagge, solo perchè sta diventando un luogo comune dove vanno tutti.

  78. Ho letto con grande interesse l’articolo ed i post che ne sono conseguiti. E’ da tempo che quando si parla della puglia come di uno dei posto piu’ belli rispondo con il seguente link: http://gringotrails.com/trailer/ queste sono le conseguenze del turismo di massa, di gente insensibile che cerca solo divertimento e sballo che non richiede e non che non porta alcun tipo di ricchezza, che se ne va lasciando dietro di sè il triste spettacolo del suo vuoto interiore e del suo marciume. Turista hai rotto il cazzo !! Chiunque tu sia, da qualsiasi posto tu venga, stai alla larga dalla nostra terra……tieniti i tuoi soldi e lascia stare la nostra terra, perchè se deve diventare così meglio rimanere poveri. Miinima e moralia. Turisti di massa ed operatori turistici senza scrupoli: avete veramente rotto il cazzo, in Salento e nella Puglia tutta !!

  79. Ciao a tutti, son un Sardo emigrato da 30 anni, divisi tra Torino e Salento(dove vivo attualmente da 10 anni, gli altri 9 vissuti in Sardegna e avete la mia età); dalla maggior parte dei commenti leggo che ci si prende troppo sul serio. Dovrei forse sentirmi offeso dal post “La vacanza in Sardegna ha rotto il cazzo”? E’ solo un viaggio mentale, un esercizio di stile, l’altra faccia della medaglia, la parte oscura della luna, uno scritto.
    La Sardegna, il Salento, sono luoghi spettacolari ricchi di storia e bellezze naturali, paradisi dove purtroppo non ci sono solo angeli.
    Un abbraccio.
    Joseph Seu

  80. Allora, vi scrivo ora da Ostuni. Ho appena passato, su consiglio di pugliesi, 7gg vicino a Gallipoli. Mammamia lo schifo. Lo schifo dei turisti, lo schifo delle condizioni delle spiagge, delle strade, delle attività commerciali che mi aumentano il prezzo durante la notte della taranta (no scontrino fiscale, ovvio, male italico, concordo, ma st’accoppiata vince forte), lo schifo di chi mi ha affittato una caverna spacciandomela per casa. Intanto sono troppi anni che a Roma (sì sono romano e sono il primo a criticarla, risparmiatevi) sento pugliesi spacciarmi la Puglia e il Salento (ormai esiste solo il Salento pare) come eden, dove il mare è più bello, come le terre, cibo, l’aria, il cielo, le stelle e stocazzo. E anni che sento di quanto Roma faccia cacare, schifo, trafficata, esosa, senza parcheggio e blabla. Ho odiato i pugliesi per sto campanilismo spinto, ste critiche su Roma (anche giuste, ma spesso senza visione d’insieme) a getto continuo, sempre, incessanti, contrapposte a sto eden apuleo. Ok, vengo in Puglia, e mi raccomandano Gallipoli. Manco io e la mia ragazza fossimo festaroli, roba che in Sicilia abbiamo speso 20gg tra i monumenti e 4 di mare. Eppure “no no, assolutamente Gallipoli”. Arriviamo e siamo inorriditi. Turisti zozzi? Sicuro. Ma le scariche abusive che ho trovato spesso? La mondezza a bordo strada? I copertoni di auto abbandonati? I prezzi assurdi? Il cibo pessimo? I servizi non visti? Le oasi protette (punta della suina) dove di protetto non c’è niente se non il guadagno dello stabilimento? Hanno piantato gli ombrelloni su uno scoglio, non c’è un cestino, un controllo, ma il parcheggio si paga. Otranto l’ho amata, Ostuni mi sta piacendo molto, domani Trani, oggi Cisternino, ma sempre spiagge zozze per colpa dei turisti ma nessuno che pulisca, quindi i soldi dei turisti dove vanno? In Sicilia non ho trovato mai spiagge così. E i ristoratori scorretti? Bisogna cercarli col lanternino quelli decenti. Colpa del turismo di massa. Ma vedo grossi colpevoli in chi ci specula, e ci speculano i locali. Sicuramente dimenticò mille cose, ma del Salento porto via una idea negativa di luogo, di gente campanilista come i leghisti che me l’hanno pompata come eden ed è peggio di Roma (dove non do la colpa ai turisti o altro, ma nei problemi di Roma ci vedo la colpa in primis chi ci abita), dove la massa fa soldi e va bene, dove vi lamentate dei turisti ma senza il Salento avrebbe pochi denari a fine anno, dove ai salentini spesso fa schifo tutto fuori dal Salento ma non vedono o riconoscono un limite della loro terra manco se lampeggia nella buia notte, dove pare che mare e cibo li abbiano inventati in Salento, dove migliorare servizio significherebbe migliorare il turismo, dove “solo lu salentu”, ma a settembre tutti da Roma in sud a rompermi il cazzo che Roma (e Milano e Venezia e dio sa quali altre città) fa schifo, ma lavori a Roma, non ti ha chiamato il sindaco, né nessuno ti obbliga a restare, come io non credo tornerò in vacanza in Salento. Flame aperto. Ma ho scritto col cuore in mano, con la poca esperienza di chi ha vissuto in Italia e all’estero, al nord e al sud del nostro paese, coi siciliani e coi calabresi, ma nessuno è riuscito mai a creare false aspettative con tanto inutile campanilismo quanto i pugliesi.

  81. se pensate che il salento sia il posto più bello d’Italia ,davvero non conoscete il Gargano che tra l’altro ogni estate fa più presenze turistiche del Salento ,un turismo più antico ,quello della montagna del sole che non si è mai sputtanato ed è rimasto sempre molto raffinato

  82. MAMMA MIA CHE COMPETITIVITA’….nessuno mette in dubbio la bellezza di Roma,Napoli,o della Sicilia. …praticamente state confrontando le mele con le pere..quello che si mette in discussione è la condotta dei romani,napoletani ma anche degli stessi pugliesi….inoltre vorrei anche aprirvi un mondo:il Salento non è solo Otranto o Gallipoli! quello è il Salento dei festaglioli, poi c è il Salento per chi ama musei,scavi,castelli e architettura(volte a stella,volte a botte e altre costruzioni che solo in puglia si trovano),o anche per chi cerca la tranquillità e il relax….se non vi fossilizzate sugli stessi luoghi potete scoprire un’altra faccia della puglia e del salento (e visto quanto è grande,è difficile che vi rompa il cazzo).detto questo sappiate che la puglia è turistica da sempre (magari non come la Sardegna e la sicilia),sin da piccola ho visto tedeschi e francesi in spiaggia,il problema è che da quando si è sputtanata (diciamo da quando va di moda) e si è riempita di turisti italiani abbiamo perso i turisti stranieri….vorrà pur dire qualcosa!

  83. A me l’articolo ha fatto ridere e ci ho trovato molte cose vere (sono stato in salento 3 volte). Comunque vorrei dire alla gente di stare un po più tranquilla e imparare anche un po a ridere di sé stessa….io sono napoletano, e se dovessi leggere un articolo sui difetti di Napoli e dei napoletani probabilmente mi farei comunque una piacevole risata 🙂

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from società

Go to Top