un blog canaglia

greek-chicken

La Grecia, l’Europa e il gioco del pollo

in economia/mondo/politica by

Al di là delle questioni di merito (che lascio a gente ben più esperta di me in materia), quello che mi colpisce maggiormente di questa storia è che Grecia e (semplificando) Europa, invece di sedersi a un tavolo e cercare concretamente e responsabilmente una soluzione a questo casino, si siano messi a fare il gioco del pollo.

Cos’è il gioco del pollo? È questo qui sotto (minuto 2:35).

Perché, vi chiederete, di fronte ad uno snodo cruciale come quello a cui stiamo assistendo, i leader dei paesi coinvolti ci cimentano in quello che santa wikipedia martire ci spiega essere un passatempo da deficienti? Perché il loro scopo non è trovare la soluzione migliore al problema (la Grecia non ha i soldi ERGO se va per stracci l’Europa i suddetti soldi non li rivedrà mai) ma far contente le rispettive tifoserie che li dovranno votare alle prossime elezioni. Ed ecco quindi Tsipras che tira fuori un referendum con una settimana di preavviso (paventando le dimissioni in caso di esito negativo) per gettare in faccia alla Merkel* che ha dalla sua parte l’intero popolo greco (anche perché è stato eletto col 36%), e la troika insistere con le misure che già avevano fatto casino la volta precedente e ispirate, almeno in parte, su uno studio quantomeno controverso (ma che per altri paesi, tipo Irlanda e Portogallo, hanno effettivamente funzionato).

Il bello del gioco del pollo è che l’unico motivo razionale per giocarci è essere convinti che l’altro si farà più male di te nello schianto (specie se entrambi i contendenti si affidano alla teoria del pazzo). Ho quindi la netta impressione la vera scommessa in ballo sia su cosa succederà quando la Grecia uscirà dall’euro con Tsipras che spera, almeno nel medio periodo, di cavarsela non troppo male (cosa che distruggerà l’idea stessa di austerity visto che nessuno mangerà più la minestra potendo saltare agilmente dalla finestra) e la Merkel che tifa per uno scenario Maxmaddesco/Kenshiriano da usare come monito per il prossimo stronzo che proverà a fare il furbo.

Per riepilogare la stupidità della situazione osserviamo che

1) Tutti gli attori coinvolti ritengono assolutamente normale scommettere sulla pelle di undici milioni di tizi

2) Qualsiasi esito ci sia nella vicenda l’idea stessa di Europa è probabilmente defunta nella mente di tutti i suoi cittadini

3) È la terza volta in 150 anni che la Germania raggiunge l’apice della sua potenza e si prodiga per buttare tutto nel cesso: stavolta è forse la peggiore di tutte in quanto avrebbe concretamente potuto guidare l’Europa ad assumere un ruolo chiave nello scacchiere internazionale (scusate l’orribile espressione da bignami del giornalismo). Immaginate un’Europa forte e unita come interlocutore credibile verso la Russia in alternativa agli USA (anche lì un bel gioco del pollo) e ponte verso Africa e Medio Oriente. Cara signora Merkel, in vista della prossima volta assuma come spin doctor il Dr. Jack Shephard.

4) L’ho già detto ma vale la pena ripeterlo: se la Grecia va per stracci, i debiti NON LI PAGHERÀ MAI: per la cronaca buona parte di quei debiti sono nei confronti dell’Italia. E questo ci porta a

5) Renzi fa la figura del tizio che, non avendo studiato un cazzo, pensa che sputtanando il compagno di banco con la maestra si salvi il culo dall’interrogazione. Anche in una situazione di merda, riusciamo comunque a distinguerci alla grande.

*Si intenda “Merkel” come personificazione della Troika, e dei vari elettorati nordeuropei

5 Comments

  1. >L’ho già detto ma vale la pena ripeterlo: se la Grecia va per stracci, i debiti NON LI PAGHERÀ MAI: per la cronaca buona parte di quei debiti sono nei confronti dell’Italia.

    e quindi a soluzione e’ dargli altri soldi che non ti ridara’ mai?

      • Lo dico da completo ignorante della materia da quel che mi sembra leggendo i giornali:
        Il FMI vuole che la Grecia riceva soldi dall’EU per pagare la sua rata.
        L’EU vuole dargleli se ha la prospettiva di rivederli, altrimenti nisba.

        Ora il punto e’ che e’ vero che se un debitore non puo’ pagare immediatamente e vantaggio del creditore rimodulare il debito in modo da vedere i suoi soldi.

        Ma contemporaneamente anche i creditori (gli stati europei) hanno i loro creditori (altri stati, fornitori, ditte, privati) e se prestare altri soldi aumenta il debito del resto potrebbe non valere la pena ed essere meglio segnare il tutto come perdita e chiudere.

        Questo da un punto di vista strettamente economico.

        L’altro dubbio che mi rimane da profano della materia e’ perche’ debba essere l’EU a riformulare il suo debito verso la Grecia e non il FMI, dato che e’ l’organo internazionale preposto a queste cose.

        • A me sembra che stiamo dicendo la stessa cosa: o consideri la partita persa o rifinanzi la Grecia sperando che si rimetta in piedi e alla (molto) lunga ripaghi tutto.

          Il fatto che la Merkel (vale ancora la nota del post) non abbia ancora mandato Tsipras a cagare mi fa pensare che qualche dubbio a finire nel burrone (ovvero a “segnare il tutto come perdita e chiudere”) ce l’abbia visto che il default non sarebbe affatto la fine del problema, anzi.

          Per le questioni più tecniche ti rimanderei al post di Rosario che ne sa moooolto più di me http://libernazione.it/ich-bin-griechisch/

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from economia

Go to Top