un blog canaglia

In serie C

in politica/società by

Poi uno legge che non solo i francesi, ma perfino gli americani -che quando ci si mettono sanno essere bigotti come pochi- legalizzano i matrimoni omosessuali e la marijuana, mentre dalle nostre parti se parli di questa roba con uno che si dichiara progressista -progressista, eh, mica reazionario- continua a ripeterti come un disco rotto che sono cose delicate, che bisogna evitare di offendere quelli e di scontentare quegli altri, che è necessario “conciliare le varie anime” della società civile e via avanti con tutto il resto del repertorio.
La verità è che questo povero paese, in un modo o nell’altro, è precipitato in serie C.
E se non ci stiamo attenti l’anno prossimo rischia pure di retrocedere.

METILPARABEN E’ nato e cresciuto al Colle Oppio, ha studiato dai preti, è commercialista, tifoso della Lazio e radicale. La combinazione di queste drammatiche circostanze lo ha condotto a sviluppare una fastidiosa forma di nevrosi ossessivo-compulsiva caratterizzata da crisi di identità: crede di essere il blogger Metilparaben.

6 Comments

  1. Più che altro ce la giochiamo coi dilettanti, e cioè sempre e solo tra noi, raccontandoci che qui, in fondo, si sta di un bene…

  2. ci meritiamo questa classe politica, prona al potente di turno (sia Vaticano, Mafia o il Presidente dello Stato Libero di Bananas)

  3. Io condivido l’idea di fondo, eh. Però usare come esempio alcuni stati degli Stati Uniti d’America (in cui le differenze tra lo stato di Washington e il Texas è un po’ come quella tra il Trentino-Alto Adige e la Romania, o tra la Sicilia e la Lettonia), forse è un po’ pretestuoso.

  4. In Italia non siamo pronti ad affrontare nessun tipo di dibattito progressista: ci provò Prodi, e venne crocifissso. Di liberalizzazione delle droghe leggere, a parte i Radicali, nessuno osa neanche parlarne.
    Ci fosse un politico che abbia il coraggio di farlo: nemmeno Vendola!
    Logico che guardiamo sognanti le elezioni americane…qua abbiamo una classe politica triste, vecchia e priva di idee.

    Come se non bastasse il non essere minimamente un minimo progressisti, continuiamo a pagare insegnanti di religione assunti dalla Chiesa, ad avere il crocifisso nelle aulee, a sognarci la parità salariale uomo-donna (cosa che in Inghilterra venne ottenuta nel 1970), ed è inutile che mi dilungo con l’elenco altrimenti la tristezza mi assale.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from politica

La festa spenta

Oggi è il 25 aprile. Come sempre, ci sono manifestazioni e cortei
Go to Top