un blog canaglia

kennedy bob

Il Pil, la maturità, il mio lanciafiamme

in economia by

(attenzione, il seguente articolo e’ stato scritto con una tastiera giapponese, quindi accenti e apostrofi sono messi a cazzo. Se l’ha accettato il nostro internal grammar nazi, potete farcela anche voi.)

————————————————————

“Buongiorno, patente e libretto…lo sa a che velocita’ andava?”

“Non so, a PPP? Pro capite? Sia piu’ preciso, dannazione!”

Le indiscrezioni sulla prima prova di maturità che gli studenti italiani delle superiori stanno svolgendo in questo momento parlano di una traccia intitolata: “Il PIL come misura di tutto?”. Se vero, siamo di fronte ad una situazione ridicola, grave e imbarazzante.

Ridicola, perche’ gia’ il titolo (e i contenuti, ma entro piu’ avanti nel dettaglio) presuppone l’accettazione, anzi la legittimazione, di un errore grave da parte della cosiddetta societa’ civile, ossia l’utilizzo a sproposito del PIL come strumento di misura. In altre parole coloro che citano quotidianamente il PIL, soprattutto con declinazioni negative, sono coloro che non hanno nemmeno idea di che cosa sia tale indicatore, quali siano i suoi utilizzi, quali siano i suoi limiti.

Grave, perche’ nelle scuola (tranne forse ragioneria e qualche liceo scientifico) vengono raramente e troppo superficialmente insegnate materie economiche. Quindi, non si capisce perche’ chiedere agli studenti un parere su una cosa di cui non sanno se non per sentito dire. Io capisco che si voglia innanzitutto verificare le capacita’ analitiche e argumentative di uno studente, ma come si puo’ argomentare bene se la tesi e’ campata per aria?

Imbarazzante, perche’ e’ l’ennesimo campanello di allerta riguardo al disinteresse per una materia con la quale ogni cittadino e’ costretto a confrontarsi quasi quotidianamente una volta compiuti i 18 anni. E in una situazione di mancanza di una didattica solida non rimane allo studente che il messaggio di un’opinione pubblica che parla del PIL con la stessa bava alla bocca con cui parla di Soros e delle banghe.

Immancabile, ovviamente, il discorso di Bob Kennedy sul PIL, che e’ veramente l’esempio di un capolavoro di retorica. Cattiva retorica, ma politicamente un capolavoro. Quando lo leggo mi viene voglia di applaudire ma solitamente ho le mani impegnate dal lanciafiamme con cui appicco fuoco al foglio.

I liceali pero’ possono dirsi salvi. Per caso, 4 anni fa scrissi un articolo che calza a pennello per l’occasione, e che riporto qui. Se vogliono, possono copiarlo

Ee farsi bocciare.

—————————————————————————————————————

Circa un mese fa Corrado Augias introdusse una puntata del suo programma su Rai Tre con l’arcinoto discorso di Bob Kennedy sul prodotto interno lordo:

Non troveremo mai un fine per la nazione né una nostra personale soddisfazione nel mero perseguimento del benessere economico, nell’ammassare senza fine beni terreni. Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dell’indice Dow-Jones, nè i successi del paese sulla base del Prodotto Interno Lordo.

Il PIL comprende anche l’inquinamento dell’aria e la pubblicità delle sigarette, e le ambulanze per sgombrare le nostre autostrade dalle carneficine dei fine-settimana. Il PIL mette nel conto le serrature speciali per le nostre porte di casa, e le prigioni per coloro che cercano di forzarle. Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai nostri bambini. Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari, comprende anche la ricerca per migliorare la disseminazione della peste bubbonica, si accresce con gli equipaggiamenti che la polizia usa per sedare le rivolte, e non fa che aumentare quando sulle loro ceneri si ricostruiscono i bassifondi popolari. Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione o della gioia dei loro momenti di svago. Non comprende la bellezza della nostra poesia o la solidità dei valori familiari, l’intelligenza del nostro dibattere o l’onestà dei nostri pubblici dipendenti. Non tiene conto né della giustizia nei nostri tribunali, né dell’equità nei rapporti fra di noi. Il PIL non misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio, né la nostra saggezza né la nostra conoscenza, né la nostra compassione né la devozione al nostro paese. Misura tutto, in breve, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta.

Può dirci tutto sull’America, ma non se possiamo essere orgogliosi di essere americani.

Ora.

Augias è un gigante della cultura, e non mi sento di non perdonargli il brillio di soddisfazione nei suoi occhi alla fine del discorso. Ma tutti gli altri esseri umani… “Discorsi del genere dovrebbero farli ascoltare dal primo giorno delle elementari fino al giorno della seduta di laurea”, scrive MrBorghes su Youtube. Addirittura, durante lo stage in revisione, ho trovato una copia del discorso incollata dentro un armadio che conteneva le fatture: avrei preferito trovarci un calendario di Brigitte Bardot in versione contemporanea. Kennedy ha generato un incredibile esempio di allucinazione collettiva ottenuta attraverso un discorso manipolatorio che dovrebbe essere incorniciato nel capitolo principale del manuale della cattiva retorica. Basterebbe conoscere il concetto di PIL, la sua triplice natura, la sua composizione in formula. Non stiamo parlando di definizioni filosofiche sulla sostanza, l’anima e l’esistenza di Dio: il PIL è il totale dei redditi/del valore aggiunto generato/della produzione finale di una nazione. Non stiamo parlando di integrali e arcotangenti, ma di una semplicissima addizione proposta a pagina 15 di un qualsiasi libro di macroeconomia.

Chi osanna questo discorso percepisce un messaggio di questo tipo: “Il PIL è sbagliato perchè il suo perseguimento nasconde i veri bisogni e obiettivi delle persone”. Ma l’errore sta nel vedere il PIL (e la sua crescita) come target, mentre invece è un semplice strumento di misura. I meteorologi, quando usano i termometri, non si prefiggono di modificare il clima: quello, al massimo, è il mestiere di chi ha il potere per impattare sull’inquinamento. Come il PIL non misura la bellezza della poesia (posto che chiunque intenda misurare la bellezza della poesia o la gioia dei momenti di svago è un pirla), il termometro non misura il calore umano nei rapporti intrapersonali: non è quello il suo scopo. “Ma cosa scrivi, che su tutti i giornali dicono che l’obiettivo principale è la crescita (del PIL)?”. Certamente, ma di nuovo, il PIL è soltanto uno strumento di misura, e non un manuale di politica economica; ci dice che per farlo crescere basta intervenire su uno di quegli addendi (o sulle loro aspettative, ma non complichiamo le cose), ma non ci dice come intervenire. La spesa pubblica può aumentare sia pagando gli stipendi di centomila soldati che combattono una guerra sbagliata, sia sussidiando centomila disoccupati (tranquilli amici liberali, era solo un esempio). Tocca alle persone che hanno in mano il joystick scegliere come giocare affinchè il gioco duri il più possibile, e non al joystick.

I Bob-allucinati sostengono comunque che cercare soltanto la crescita economica è sbagliato e miope. Essendo il PIL uguale al reddito di una nazione, è una versione alternativa del motto: i soldi non danno la felicità. Sarà anche vero, ma di certo sono due cose altamente correlate. Prendiamo le classifiche dei Paesi per reddito pro capite, e confrontiamole con quelle per i diritti umani, per la libertà di stampa, per la qualità d’informazione, per l’emancipazione femminile. Scommetto che troveremo più o meno gli stessi paesi al vertice, a metà e alla fine di ogni classifica; evidentemente si cresce economicamente intervenendo sull’onestà della pubblica amministrazione, sull’intelligenza dei dibattiti, sulla giustizia dei tribunali. Altrimenti arrendiamoci ad essere inutili come le squadre che non puntano né alla vittoria né alla salvezza; avremo l’orgoglio delle muffe, e il PIL continuerà a dirci tutto di noi. E noi continueremo a non saperlo leggere.

 

Per quelli che la partita doppia è andare allo stadio ubriachi. Prendo un libro o un giornale di economia, lo apro a caso, leggo e – qualche volta – capisco l'argomento, infine lo derido. Prima era il mio metodo di studio, adesso ci scrivo articoli. Sono Dan Marinos, e per paura che mi ritirino la laurea mantengo l’anonimato.

5 Comments

  1. Beh, non credo che verrebbero bocciati se copiassero il tuo testo, ma non è questo il punto. Forse nemmeno sanno chi era, e soprattutto cos’ha fatto Bob Kennedy. Trovo in ogni caso il titolo del tema interessante, con la premessa, d’accordo con quanto sostieni tu, che è errato usare la sigla o il concetto PIL nella domanda. Così come ha sbagliato Kennedy a usare la sigla PIL. Tuttavia il discorso sta in piedi se si sostituisce con “interesse economico” o “crescita economica” o “l’economia” o simili. Qualcuno potrà così scrivere che in fondo la crescita economica è direttamente proporzionale a tutte le altre conquiste civili o civiche, come dici tu (e sono sostanzialmente d’accordo, anche se le varie classifiche che citi andrebbero davvero confrontate), e qualcun altro forse scriverà che no, il dato economico non è tutto nella vita. L’importante è la correttezza delle argomentazioni, che credo sia poi il vero metro di giudizio per la nota finale. Un tema interessante anche nell’ottica del discorso europeo che vede una comunità economica più o meno (mal)stabilita, a fronte di una comunità politica lungi dall’essere stabilita.

    • In realtà nemmeno così il discorso sta in piedi. E’ un problema di direzione del rapporto causa-effetto.
      Le persone che vivono in Occidente non sono diventate più libere perchè sono più ricche; sono diventate più ricche perchè sono più libere, e più diventano ricche e più vogliono libertà. E’ bidirezionale. Da decenni il dibattito fra gli economisti che si occupano di crescita economica (quindi della crescita del PIL) verte su cose come i fattori istituzionali (cresce di più una democrazia o una dittatura? cresce di più un paese con la common law o la civil law? con servizi liberalizzati o no? con tanti diritti civili o pochi? con quale legge sul lavoro? e soprattutto, perchè?), quindi è in sostanza una ricerca su quali sistemi di regole hanno migliori effetti sull’economia; oppure verte sui fattori sociali, il famoso e ancora non ben definito “capitale sociale” (cresce di più un paese dove la gente sente che può fidarsi delle persone con cui interagisce nella vita quotidiana? cresce di più un paese in cui la gente ha tanti valori in comune? ha tanti riferimenti culturali comuni? parla più lingue? ha nozioni scientifiche diffuse? e soprattutto, perchè?). Qualche anno prima si era già capito che il livello di istruzione dei lavoratori e il livello di innovazione tecnologica erano ben più importanti per il livello del PIL nel lungo periodo rispetto a fattori tradizionali come quanta forza lavoro. In sostanza, tutta la vita fa PIL, perchè il PIL è appunto solo un termometro, e misura tutto quello che fa economia, e tantissime cose della vita fanno economia.
      Prendiamo l’esempio della bellezza di una poesia. Se una poesia è straordinariamente bella, molto probabilmente la leggeranno in tanti, perchè chi la legge vorrà farla leggere anche agli altri. Il fatto che la leggano in tanti significa che qualcuno ne avrà un effetto economico positivo: le case editrici che la pubblicano, i siti web che ne ospitano il testo (tu la leggi gratis, ma quel click qualcosa a loro vale), le persone che la recitano in qualche evento o sono invitate a leggerla in tv, e se è ancora vivo magari pure chi l’ha scritta. Questi effetti economici entrano nel PIL, e probabilmente lo fanno anche crescere visto che tanta gente ha preferito consumare la poesia rispetto a consumare un impiego alternativo degli stessi fattori (soldi, tempo e impegno delle persone ecc.). Se invece una poesia persino più incredibilmente bella per qualche motivo non viene letta da nessuno, non è solo una brutta notizia per l’umanità che non può vivere la soddisfazione emotiva suscitata da tale bellezza, ma lo è anche per l’economia che a parità di tutto il resto orienterà quel piccolo pezzo dei suoi consumi su qualcosa di meno ottimale.
      Insomma, il discorso di Bob Kennedy è un gran discorso politico perchè è pieno di trasporto e la moneta della politica è l’emozione, l’ispirazione: ma se uno vuole andare a fargli le pulci e verificare un pezzo alla volta le affermazioni, in realtà è solo un discorso di superficie, che serve a stilizzare una visione del mondo in cui un elettorato possa riconoscersi, non a descrivere la realtà.

      Tornando al PIL, se continua ad essere così popolare nonostante da un po’ di tempo ci siano in giro misure alternative del benessere (HDI, l’indice del Bhutan, ecc.) è perchè svolge bene la sua funzione, misurare il benessere economico. Siccome dove c’è benessere economico di norma sono presenti i suoi fattori di lungo periodo (buone istituzioni, capitale sociale, buona istruzione, innovazione tecnologica ecc.), il PIL finisce per essere utilizzato informalmente come una loro misura approssimativa; mettersi a declamare che secondo qualcuno “PIL = felicità” e costruirci contro un argomento politico è solo un’errata interpretazione.

  2. Per una serie di spiacevoli motivi personali non aprivo Libernazione da mesi. Trovo tutto molto cambiato, in meglio. Non so se è dovuto al fatto che non trovo più quei grevi commenti che ne appesantivano la lettura, né se è così perché avete introdotto un filtro, fatto è che per me è un piacere leggere pagine come questa e di ciò ringrazio sia il blog che l’autore e i commentatori.
    Venendo al tema, è chiaro che il PIL non è altro che un misuratore dell’economia o della ricchezza di un paese, ma anche queste, come pure la libertà (non solo economica) vanno considerate puri strumenti da usarsi, per chi impara ad usarli, per il fine ultimo che non può che essere la felicità individuale per il maggior numero possibile di persone. Ma questa è filosofia, e la filosofia stessa insegna (eterogenesi dei fini) che è bene monitorare il processo per essere abbastanza certi che gli strumenti usati continuino ad assicurarci il fine.
    Per ora, vale ancora quello che ho letto su una maiolica di un mio vicino: “Non è la ricchezza che dà la felicità. Figuriamoci la miseria”.

    • Caro Snob,
      mi spiace molto, spero non sia successo nulla di grave (mancare Libnaz per qualche mese non lo e’). Ci fa inoltro molto piacere sapere che tu abbia notato cambiamenti in meglio. Che io sappia non ci sono filtri attivi (quanto meno sui miei articoli), ma anche io ho notato un cambiamento nei commenti.
      Riguardo al tema del post, non posso far altro che sottoscrivere la maiolica del tuo vicino!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from economia

Go to Top