un blog canaglia

Guarda, Messi ha dato un calcio al pallone!

in religione by

Abbracciare i migranti, stringi stringi, è l’unica cosa che Cristo abbia detto in tutta la sua vita.
Abbracciare i migranti, voglio dire, come esemplificazione della necessità di andare incontro ai diseredati, ai derelitti, ai miserabili, di considerarli i primi anziché gli ultimi.
Solo questo, praticamente, ha detto Cristo: e badate, la parola “solo” significa che questo da solo basta a disegnare una rivoluzione straordinaria, che non c’era bisogno di altro, mica che si tratti di roba da poco.
Ecco, adesso ci ritroviamo nella situazione in cui il capo della Chiesa che sostiene di ispirarsi a Cristo si reca ad abbracciare i migranti e tutti i giornali ne parlano con titoli a corpo centotrenta e la gente si sdilinquisce e tutti a dire “ammazza che rivoluzionario ‘sto papa”, mentre dovrebbe trattarsi dell’abc, della normalità, del minimo sindacale.
Voglio dire, io se dovessi andare allo stadio a guardare il Barcellona e mi sorprendessi a esclamare “Ehi, guarda che roba, Messi ha dato un calcio al pallone!” mi preoccuperei, giusto un pochino.
Poi fate voi.

METILPARABEN E’ nato e cresciuto al Colle Oppio, ha studiato dai preti, è commercialista, tifoso della Lazio e radicale. La combinazione di queste drammatiche circostanze lo ha condotto a sviluppare una fastidiosa forma di nevrosi ossessivo-compulsiva caratterizzata da crisi di identità: crede di essere il blogger Metilparaben.

4 Comments

  1. Ma insomma, non capisco il senso del post: era normale per un Papa andare a Lampedusa? Ha fatto bene ad andarci perché questo è il suo “mestiere”? Se non ci fosse andato lo avremmo criticato? Le risposta è sì per tutte e tre le domande; il fatto che tutti i giornali ne hanno parlato mi sembra la controprova che sono gli altri che non hanno fatto il loro mestiere. Berlusconi tanto per farla fuori dal vaso ha detto che avrebbe comprato una villa…

    • il punto è che i giornali hanno salutato la cosa come ‘evento rivoluzionario’. Ne riparleremo alle prossime elezioni, quando i sottoposti del suddetto Papa Ernesto Che Guevara appoggeranno i creatori dei CIE in cambio della promessa che l’unione di Mario e Gino non sarà mai riconosciuta civilmente.

  2. […] Che un Papa, da Lampedusa (Lampedusa. Non Gaza, non Pyongyang, non Kandahar), predichi la carità – secondo diversi autori la più importante delle tre virtù teologali, quelle che fondano l’agire morale cristiano  – non mi è parsa una notizia degna delle prime pagine dei giornali. È come stupirsi che Messi abbia dato un calcio al pallone. […]

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from religione

Go to Top