un blog canaglia

beppe-grillo-

E’ arrivato Grillusconi

in politica by

Se arriveranno gli avvisi di garanzia, se i dirigenti ostacoleranno il sindaco, queste manovre si ritorceranno contro di loro.

Diciamoci la verità: se una frase del genere l’avesse pronunciata Berlusconi vent’anni fa, in relazione a un sindaco qualsiasi eletto nelle liste di Forza Italia in una qualsiasi città italiana, in molti avrebbero iniziato a stracciarsi le vesti e a prodursi nelle lamentazioni che conosciamo fin troppo bene, avendole sentite decine e decine di volte.
In testa al coro, naturalmente, ci sarebbe stato lui, Beppe Grillo, insieme a tutti i suoi accoliti: per i quali fin troppe volte un semplice avviso di garanzia è stato più che sufficiente per fare sfoggio di un giustizialismo tanto fondamentalista quanto urlato, e le ipotesi complottiste sui magistrati politicizzati hanno rappresentato a lungo altrettante confessioni di colpevolezza, specialmente se declinate, come si dice, mettendo le mani avanti.
Senonché, oggi una frase del genere non viene pronunciata da Berlusconi, ma da Grillo. Il quale, evidentemente, ha smesso di ritenere che gli avvisi di garanzia equivalgano alle condanne per passare a una posizione più articolata, in base alla quale essi assumono significati diversi, o per meglio dire opposti, a seconda di chi li riceve: sentenze inoppugnabili di colpevolezza nei casi in cui riguardano gli altri, dimostrazioni cristalline di onestà, in quanto evidentemente riconducibili a meccanismi cospirativi, quando toccano a loro.
Così quello che fino a ieri, per l’universo mondo, altro non è stato che un marchio d’infamia, da oggi, e solo per i grillini, si trasforma paradossalmente in un vero e proprio bollino di onestà: e contestualmente iniziano a prendere forma, a esistere nel mondo reale, le “manovre” che fino a pochi mesi fa, quando venivano evocate da altri, costituivano irripetibili occasioni di prodursi in frizzi, lazzi e attribuzioni di nomignoli assortiti.
Proprio come quello che lo scrivente, indegnamente, è stato costretto a coniare nel titolo di questo post.
Il nostro amico, del resto, se lo merita.

METILPARABEN E’ nato e cresciuto al Colle Oppio, ha studiato dai preti, è commercialista, tifoso della Lazio e radicale. La combinazione di queste drammatiche circostanze lo ha condotto a sviluppare una fastidiosa forma di nevrosi ossessivo-compulsiva caratterizzata da crisi di identità: crede di essere il blogger Metilparaben.

5 Comments

  1. Cazzo, ma al Capriccioli brucia proprio tanto che è arrivato qualcuno come i radicali ma con i coglioni di farlo davvero? Paura per il posto di lavoro? Io dico di vederli all’opera, poi si potrà dire se sono meglio o peggio dei predecessori. Non che sia difficile fare meglio, basta non rubare. Solo i delinquenti hanno paura degli onesti.

    • Je bbrucia, je bbrucia!
      Condivido la tua logica, di sicuro peggio di quello che esiste non si può proprio fare (si spera) ed è ora di finirla con sta storia che “non hanno esperienza” e “non sanno cosa vuol dire governare…” e “meglio far fare a qualcuno che lo fa di mestiere” (!!!).
      Poi possiamo anche discutere sul fatto che si siano “scelti” una bella gatta da pelare con il governo di Roma, anche se tifo per loro al 100% la vedo davvero dura riuscire a far bene e districarsi in una “piovra malata” quale deve essere la situazione romana… Chissà quanti si staranno fregando le mani e staranno preparando dei bei “trabocchetti politici” da mettere sulla strada della nuova giunta.
      Ah, per tornare al discorso dell’articolo, ricordo poi che sarebbe più costruttivo secondo me fare la conta di quanti sono indagati in attesa di giudizio o magari condannati all’interno dell’attuale governo (e magari vedere di che partito sono), prima di “stracciarsi le vesti” contro i 5s…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from politica

Go to Top