un blog canaglia

Così fan tutti

in giornalismo/internet/società by

Aiuto, la censura cala sulle terga degli omosessuali. Da qualche giorno circolano le foto per la campagna di iscrizioni dell’associazione radicale Certi Diritti. Lo slogan è riportato su un cartello con la scritta “dai corpo ai tuoi diritti”, sapientemente usato dai militanti e simpatizzanti nudi per coprirne le parti intime.  Qualcuno dei soggetti forse preso dall’euforia ha però dimenticato di posizionare il cartello e Facebook non ha gradito, rimuovendo le immagini. Ora, c’è chi ritiene che questa rimozione si configuri come censura verso la campagna. Il fatto è che Facebook ha regole precise anche se arbitrarie su cosa può essere pubblicato e sostanzialmente un pene non è nella lista. La cosa può piacere o no ma nessuno ci obbliga a usare Facebook che non è certo l’unico sito esistente. Non vedo perché la foto del pene di un miltante di Certi Diritti dovrebbe essere trattata in modo diverso dalla foto del pene di qualsiasi altro. Di suo la campagna stile “mi spoglio per”, con i cartelli al posto giusto, non mi è sembrata particolarmente originale (è stata al massimo piacevolmente utile a scoprire tartarughe nascoste nei pantaloni di alcuni amici e compagni). Viene però il dubbio che le certe foto siano state postate nella speranza (ben riposta) che venisse rimossa per poi urlare alla censura contro Certi Diritti. Siamo seri, e se abbiamo voglia di mostrare quanto belli mamma ci ha fatti, scegliamo il contesto giusto, tipo che so, un sito dove non sia vietato.

Triestina di nascita, della sua terra si porta dietro lo spirito patriottico, lo spritz e la tendenza a sottovalutare qualsiasi raffica di vento sotto i 130 km/h. Radicale, milanista e milanese nel cuore, dopo la laurea il suo corpo fugge verso la Perfida Albione. Qui ottiene un dottorato in storia economica con una tesi sul divario Nord-Sud dopo l’Unità d’Italia. Il suo cervello invece, grazie alla sua tesi e alla mai curata passione per la politica, rimane in larga parte in Italia.

4 Comments

  1. Mi sfugge il nesso fra il diritto a sposarsi e le foto (bellissime, per carita’) di addominali e piselli. E’ passato un po’ di tempo dagli anni ’70!

  2. Ciao Anna,
    ho trovato questo tuo articolo. D’accordo su alcuni punti, meno o affatto su altri. Allora ti iscrivi a Certi Diritti ? 😉

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from giornalismo

Go to Top