un blog canaglia

camion

Camionisti rumeni, razzisti italiani

in giornalismo/società/televisione by

Nell’ennesimo, tragicissimo, incidente estivo, due gemelli di nove mesi hanno perso la vita in A12 in seguito allo scontro tra l’auto su cui viaggiavano e un’autocisterna che trasportava prodotti chimici.

Il conducente del tir è stato denunciato per omicidio colposo, ma solo come atto dovuto da parte della procura, dato che, per il momento, non gli sono state attribuite responsabilità o negligenze gravi. Il camionista non era ubriaco e non ci sono state manovre azzardate. Semplicemente è scoppiato uno pneumatico, probabilmente per l’elevata temperatura dell’aria e dell’asfalto.

Capita, in estate, in autostrada.

Epperò.

Epperò il telegiornale ha tenuto a precisare, a più riprese, la nazionalità del conducente del tir. “Camionista rumeno”, per la precisione. Come se la provenienza dello sfortunato lavoratore avesse qualcosa a che fare con quello che è successo, come ci sia una connessione tra l’essere rumeno e provocare accidentalmente delle morti in autostrada – o con l’esplosione degli pneumatici in estate.

Credo non siano necessari ulteriori commenti. Niente di nuovo sotto il sole di luglio.

Ma la cosa davvero preoccupante è che non parliamo di uno Studio Aperto qualsiasi, che su questo populismo di stampo nazi-leghista ci campa, ma del notiziario di Sky, un canale solitamente serio o perlomeno sobrio. Un’attitudine d’altronde diffusissima in maniera trasversale tra la maggior parte dei notiziari televisivi, giornali e siti d’informazione.  Il che rivela una tendenza tanto subdola quanto preoccupante: l’implicito razzismo dei servizi di informazione italiani.

Detesto il buonismo capriccioliano che inventa spiegazioni socio-economiche dal nulla su fenomeni antropologici estremamente complessi (“gli zingari rubano perché sono poveri ed emarginati”), così come mi disturbano profondamente gli ammiccamenti vigliacchi e reificatori sull’origine nazionale/etnica/razziale di certe persone, come se queste fossero segnate da un ineluttabile destino di perversione e delinquenza.  E trovo la cosa ancora più disturbante dal momento che viviamo in un paese che si nutre di televisione, anzi, un paese costruito sulla televisione.

E se la nostra televisione è razzista, noi cosa siamo?

Nato nella Somalia italiana nel 1909, si dedica giovanissimo all'antropologia lombrosiana e alla frenologia. Dopo aver contribuito alla fondazione di Latina, nel 1938 fugge in Argentina con Ettore Majorana poiché non condivide la linea morbida di Mussolini sul banditismo molisano. Rientrato in Italia negli anni '70 in seguito a una scommessa persa con Cesare Battisti, si converte allo stragismo mafioso e alla briscola chiamata. Tra i fondatori occulti di Grom, oggi passa la maggior parte del suo tempo refreshando la pagina facebook di Marco Mengoni.

6 Comments

  1. “Camionista rumeno” vuol dire solo “camionista di nazionalità rumena”. Se avessero scritto “camionista tedesco” o “camionista italiano” non avremmo avuto questo post buonista (e un po’ grillino, diciamolo) di Libernazione. E no, la televisione italiana non è razzista, semmai ha il difetto contrario: cavalca l’onda del buonismo capriccioliano (e speriamo non billypilgriminiano, in futuro) che soffoca l’Italia come l’afa estiva.

    • Veramente per camionista di origine italiana, la TV usa “camionista”.
      D’altro canto, essndo connazionale, non crdo sia necessario specificarne l’origine.
      Certo che se nel caso del camionista di origini rumene, il servizio andasse avanti ripetendo il rumeno 60 volte mi sentirei di dire che e’ un po’ forzato.

      • No, i giornalisti specificano tante volte la provenienza, anche se si parla di italiani, arrivando a dare persino dati circa il comune residenza (es. “il quarantenne ferrarese”) o di nascita. Ergo questo articolo mi sembra insensato.

    • Lei è rimasto negli anni ’70-’80, quando i titoli del Corriere erano ‘rissa tra calabresi: due feriti’ e ‘marito siciliano ammazza la moglie’.
      Oggi sono diventati ‘rissa al bar tal dei tali’, poi leggendo scopre che i feriti erano originari di Crotone (a volte).

  2. L’altro mese ho letto la notizia che uno è stirato perché je so’ andate de traverso le patatine. Er cameriere che ja servite era rumeno! E lavorava ar Mc Donards, che è rumeno puro quello!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from giornalismo

Go to Top