un blog canaglia

Buchi

in società by

Il 1° gennaio 2013 gli italiani tra i 15 e i 64 anni erano 38.697.060 (dato ISTAT).
Secondo il World Drug Report delle Nazioni Unite il 14,6% della popolazione italiana di età compresa fra i 15 e i 64 anni ha sperimentato la cannabis.
Mediante una semplice operazione aritmetica, dunque, si può affermare che 5.649.771 italiani hanno provato almeno una volta a farsi una canna.
Il che equivale a concludere, se prendiamo per buono quello che va dicendo Giovanardi, che quasi sei milioni di persone residenti nel nostro paese, tra l’altro tutte ricomprese nella fascia d’età più attiva, ha (o rischia di avere) “i buchi nel cervello”.
A questo punto, ne converrete, sarebbe il caso di restare attoniti per il fatto che il paese non sia da tempo precipitato nel caos: aerei che si sfracellano sui palazzi del centro, treni che si dirigono a Napoli quando dovrebbero andare a Milano, chirurghi che scambiano l’appendicite con le tonsille, pizzaioli che mettono l’insetticida nei calzoni, vigili urbani che provocano catastrofici incidenti ad ogni incrocio.
Chissà, magari sarebbe il caso di convertirsi: vista la gigantesca quantità di “buchi nel cervello” che ci circonda da ogni lato, se l’Italia non si è ancora trasformata in un cumulo di macerie fumanti dev’essere per forza un miracolo.

METILPARABEN E’ nato e cresciuto al Colle Oppio, ha studiato dai preti, è commercialista, tifoso della Lazio e radicale. La combinazione di queste drammatiche circostanze lo ha condotto a sviluppare una fastidiosa forma di nevrosi ossessivo-compulsiva caratterizzata da crisi di identità: crede di essere il blogger Metilparaben.

2 Comments

  1. Giovanardi… no dico , Giovanardi… ti piace vincere facile Metil?

    scherzo ovviamente, per non piangere.

    Probilmente lo conosci già, ma in caso contrario ti segnalo “perchè l’antiproibizionismo è logico ( e morale)” di P.Tincani: mi è piaciuto molto e corrobora con un pò di sani dati alcune mie idee in merito.
    Saluti e buon weekend

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from società

Al posto di Fabo

Già si sentono i rumori di fondo dell’esercito di fondamentalisti che si
Go to Top