un blog canaglia

Bersani è mio papà

in politica by
Quando sento parlare Bersani la prima reazione è di tenerezza. Naturalmente poi sopraggiungono sgomento, rabbia, scoramento, bestemmie, ecc. La tenerezza deriva dal fatto che in Bersani vedo il papà che tutti vorremmo (se non ce l’abbiamo già, sia ben chiaro, nel caso il mio papà mi stesse leggendo). Bersani è rassicurante, calmo, ti dice le cose come stanno dandoti la sensazione che se ti impegni andrà tutto bene. Un po’ come mio padre quando da ragazzina mi aiutava a fare i compiti di matematica e io non riuscivo mai a risolvere un’equazione che fosse una. Bersani, come mio padre, è persona onesta, sensata, stimata sul lavoro, intelligente, modesta e credo pure generosa. E’ quello che se ti ritrova il portafoglio ti chiama e te lo restituisce, quello che se vede uno che butta una carta per strada gli fa una ramanzina prendendosi del rompiballe, quello che ha sempre la colf in regola e che non ha mai parcheggiato in doppia fila nemmeno per tre minuti. L’unica differenza è che mio padre non farebbe il candidato premier nemmeno sotto tortura, un po’ per mancanza di voglia e un po’ per mancanza di attitudine, mentre Bersani si ostina a stare lì e trattarci tutti come dei ragazzini delle medie che non riescono a risolvere le equazioni di primo grado.

 

Triestina di nascita, della sua terra si porta dietro lo spirito patriottico, lo spritz e la tendenza a sottovalutare qualsiasi raffica di vento sotto i 130 km/h. Radicale, milanista e milanese nel cuore, dopo la laurea il suo corpo fugge verso la Perfida Albione. Qui ottiene un dottorato in storia economica con una tesi sul divario Nord-Sud dopo l’Unità d’Italia. Il suo cervello invece, grazie alla sua tesi e alla mai curata passione per la politica, rimane in larga parte in Italia.

6 Comments

  1. la differenza più grande, a mio avviso, è che l’avversario più modesto di bersani, uno come bersani se lo mangia a merenda. figurati grillo e berluscontipertutti.

  2. Persona bravissima e onesta, come tutti nel parlamento. Anni ed anni a fare il suo onesto lavoro con uno stipendio da fame. Se avessi un padre del genere sarei scappato di casa ben presto, anche se invece probabilmente avrei un posto prestigioso in qualche istituzione…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from politica

La festa spenta

Oggi è il 25 aprile. Come sempre, ci sono manifestazioni e cortei
Go to Top