un blog canaglia

Andare ai matti

in politica by
Intanto, da qualche parte in Friuli-Venezia Giulia:
  1. “Facciamo cosi’, adottiamo una strategia di gruppo: tu voti PD e rendi il governo stabile, io voto Monti cosi’ li tiene d’occhio” “E lei che fa?” “Eh, lei…lei fa il cane sciolto”.
  2. “Mi guardi gli orari delle messe di oggi?” “mica vorrai andare a messa prima di votare?” “perche’no?” “non mi fido del prete”.
  3. “Non rimane che analizzare i nomi sulle liste” “Ok, allora, nel PD c’e’ questa candidata, e’ quella che ha preso piu’ voti alle primarie in regione” “Pessimo segno!”
  4. “Guardami che tra gli eleggibili non ci siano avvocati, ce ne sono gia’ troppi in Parlamento!”
  5. “Ma chi sono questi dell’Unone di Centro?” “Tabacci” “Beh, e’ cosi’ male?” “Se lo voti alla Camera qui fai eleggere gli ex UDC al sud” “Ah, ok, capito”
  6. “Allora voto FID? Ma siamo sicuri? Il capolista e’ uno che e’ stato smentito da mago Zurli'”
  7. “Monti alla Camera?” “Il capolista e’ quello di Scienza e Vita, quello che manifestava davanti alla clinica a Udine dove e’ morta Eluana” “Ah, ok, capito”
  8. “Bom, bom, va ben, votero’ per quei del declino”
  9. “Vado a votare questa mattina” “No, vieni con me al pomeriggio” “Non ti fidi di me?” “No, tu vai li’, vedi i simboli colorati e ti distrai”
  10. “Decidero’ nella cabina elettorale” “Mi raccomando non fare come nel 2008 che non venivi piu’ fuori” “non riuscivo a ripiegare la scheda!”
  11. “Ma che ne dite di votare PD?” “No.”
  12. “Avete visto come lo zio ce l’ha con FID?” “Ok, voto FID”
  13. “ARGHHHHHHHHHHHHHHHHHHH”

Triestina di nascita, della sua terra si porta dietro lo spirito patriottico, lo spritz e la tendenza a sottovalutare qualsiasi raffica di vento sotto i 130 km/h. Radicale, milanista e milanese nel cuore, dopo la laurea il suo corpo fugge verso la Perfida Albione. Qui ottiene un dottorato in storia economica con una tesi sul divario Nord-Sud dopo l’Unità d’Italia. Il suo cervello invece, grazie alla sua tesi e alla mai curata passione per la politica, rimane in larga parte in Italia.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from politica

La festa spenta

Oggi è il 25 aprile. Come sempre, ci sono manifestazioni e cortei
Go to Top