un blog canaglia

jackson-samuel-django

Abbiamo vinto. Lode al governo

in politica by

Dunque ricapitoliamo: il Senato della Repubblica ha approvato (dopo aver giurato e spergiurato che non era possibile) la fiducia su un provvedimento il quale

  • conferma la discriminazione degli omosessuali nei confronti dell’istituto del matrimonio
  • istituisce una forma distinta di unione (Senta signora Parks, lei su quel posto non può proprio sedersi: che ne dice se invece facciamo un bello sgabello dedicato solo a voi… abbronzati?)
  • elimina il riferimento alla possibilità di adozione del figlio del partner (nonostante essa sia già possibile). Lo ripeto perché magari non è abbastanza chiaro: OGGI la stepchild adoption, ancorchè complicata, è possibile ma il DDL Cirinnà fa finta che non esista
  • viene festeggiato con toni trionfalistici dall’onorevole Angelino Alfano (peraltro ministro e vicepresidente del consiglio del suddetto governo) che, dall’alto degli ZERO voti conquistati dal suo partito alle elezioni politiche del 2013 ha dettato praticamente l’intera linea di governo dall’inizio della legislatura imponendola ad ampie porzioni del partito di maggioranza.

Eppure, nonostante tutto questo, nonostante la disuguaglianza formale tra matrimonio e unione civile possa comportare facilmente una discriminazione pratica (c’è uno sgravio per le coppie sposate? chi ha detto che debba essere esteso alle unioni civili? e le graduatorie comunali e regionali per l’accesso ai servizi? e il calcolo dell’ISEE? etc. etc.), nonostante sia evidente che il prossimo che si azzarderà a chiedere, banalmente, l’uguaglianza di fronte alla legge si sentirà rispondere “Cazzo vuoi? Ti abbiamo pure fatto le unioni civili. Fila via, che i VERI problemi sono altri” (con buona pace di chi ci crede davvero e ha tutta la mia stima per questo), nonostante di fronte alla discriminazione non può esserci trattativa o compromesso (o sei discriminato o non lo sei, tertium non datur), gli alfieri del bispensiero renziano ci raccontano del fantastico risultato raggiunto, si commuovono per l’elemosina ricevuta e tacciano gli altri di disfattismo e ingenuità. Ed io non so se sia più deprimente immaginarli in malafede o meno.

P.S.: ovviamente è tutta colpa dei grillini

7 Comments

  1. 1) Vero, ma meglio di nulla
    2) Vero, e quindi? Ho letto il testo e non mi pare che sia poi tanto diverso da un matrimonio.
    3) Vero, a questo punto era necessario per ottenere qualche cosa invece del nulla degli ultimi 20 anni e passa. Almeno non sono passati alcuni degli emendamenti della LN che avrebbero rischiato di legare le mani ai magistrati in materia.
    4) I grillini hanno avuto l’opportunità di cogliere due piccioni con una fava (ottenere la Cirinnà senza modifiche e “dettare la linea a Renzi al posto di Alfano” e l’hanno buttata alle ortiche.
    5) Sulle colpe dei grillini: senza dubbio verissimo.

  2. “ha vinto l’amore”. Pure a prendere per i fondelli, sta.
    Ma quanto può scendere in basso la propaganda politica?
    Ha vinto il vaticano, i vandeani, gli ipocriti che con due divorzi alle spalle ci insegnano cosa è famiglia, ha vinto la marcia su roma di chi scende in piazza per negare i diritti ai bambini, dicendo di volerli proteggere.
    Il PD strappa a questa gente una legge che è buona solo per poter rivendicare qualcosa in tribunale senza partire proprio dal nulla, per poter essere demolita dalla Consulta così come è stata demolita la legge 40. ma sarà un processo lungo, costoso per chi vi accederà, mentre il resto del mondo va avanti.
    “Ha vinto l’amore”. Dovremmo votarti davvero, quando mistifichi così tanto il tuo operato politico? Solo perchè non c’è di meglio? Probabilmente milioni di pecore lo faranno.
    Scritta l’ennesima tremenda pagina di un parlamento che non sa più cosa significhi legiferare. Ed è questa la cosa che più fa gelare il sangue.

  3. Concordo tristemente ma in effetti… non è un punto di partenza per le prossime leggi secondo te? Non contribuirà a cambiare il “sentire” quotidiano, in modo che un domani non ci saranno più scuse?

  4. onestamente mi sembra una reazione scomposta e ingiustificata: prendiamo un paese a caso, vicino a noi, la Francia. Mooolto più laici di noi, hanno dapprima adottato i PACS, e solo ultimamente il matrimonio vero e proprio. Senza entrare nei dettagli tecnici, l’unione civile italiana é molto più dei suddetti PACS e poco meno del matrimonio etero. Sicuramente era meglio tutto e subito, ma se l’alternativa era nulla (fino a quando ancora???) allora molto meglio la soluzione di compromesso adottata.

  5. Il M5S non aveva interesse a collaborare col PD per il rischio che la legge fosse percepita esclusivamente come un successo di Renzi.
    Il PD non aveva interesse a collaborare col M5S per il rischio di inimicarsi NCD, i cui membri saranno pure antipatici ma tengono su il governo.
    Stante il fatto che il PD non ha vinto le elezioni 2013 e quindi deve votare i provvedimenti con il resto della coalizione, questa legge mi sembra un buon compromesso, anche perché se aspettiamo il prossimo giro, chissà chi ci ritroviamo a palazzo Chigi

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from politica

Go to Top