20 FATTI POCO NOTI SU KIM JONG-UN

in humor by
  1. Ha questa bruttissima abitudine di rivolgere indovinelli ai camerieri e quando quelli sbagliano li condanna a morte. Situazione che assume contorni drammatici quando dimentica la soluzione e finisce tutto in un bagno di sangue.
  2. Soffre di una grave idiosincrasia per l’espressione “fanalino di coda”. Se viene pronunciata in un raggio di quindici metri gli prendono fuoco le sopracciglia.
  3. La sua acconciatura è stata disegnata dal famoso architetto Philippe Starck, che in realtà voleva fargli uno scherzone ma si è lasciato prendere un po’ la mano.
  4. Il destino beffardo ha fatto si che nascesse senza il buco del culo.
    Una volta adolescente, quando un chirurgo belga ha scoperto questa peculiarità e si è proposto di operarlo, ha risposto: No grazie, sto benissimo così.
  5. Grande amico di Roberto Saviano condivide con quest’ultimo la curiosa abilità di mangiare spaghetti aspirandoli attraverso il condotto auricolare.
  6. Avete presente il raccapricciante monologo di Adriano Celentano a San Remo 2012?
    Un’ idea sua.
  7. Per un po’ di tempo si era messo in testa di diventare un posatore professionista di grès, suo padre stava impazzendo “Jong-Un santocielo! Sai benissimo che devi fare il dittatore!” e Jong-Un “No babbo, no, ormai ho deciso, voglio fare il posatore di grès, lasciami in pace.” dopo ha cambiato idea perché lui su queste cose è molto volubile.
  8. Come dimostrato nella foto qui sotto, pochi mesi fa una brutta ernia gli aveva gonfiato a dismisura lo scroto fino a farlo diventare delle dimensioni e dell’aspetto di un cavallo da corsa.KINM CAVALLO
  9. Ha studiato in Svizzera sotto copertura, nessuno l’ha mai scoperto perché la copertura consisteva nel raccontare a tutti che lui in realtà era negro.
  10. Ha inventato una variazione del famoso cocktail Bellini. Simile all’orginale rimangono invariati i 3/10 di prosecco ma al posto dei 7/10 di purea di pesca un bel 7/10 di sborra.
  11. Avete presente la storia dello zio condannato a morte e fatto divorare dai cani? Menzogne statunitensi.
    È stato fatto divorare dai cani ma non era condannato a morte.
  12. A volte si sente triste perché non comprende alcuni testi di Franco Battiato.
  13. Nelle notti di luna piena si siede vicino alla finestra, imbraccia un violino e per alcune ore suona la nota mi.
  14. Ha un tecnica di masturbazione su cui mantiene il massimo riserbo. Sappiamo solo che due volte al giorno si chiude in bagno con alcune scatole di cheerios, olio di cocco, un pungolo elettrico, l’ultimo libro di Michele Serra e una foca leopardo che puntualmente muore.
  15. Il nome completo è Kim Jog-Un-Shift-Alt-Tab-Esc-Dio-Porco.
  16. Dotato di un senso dell’umorismo all’avanguardia fa spesso battute incomprensibili, se non ridi: campi di lavoro.
    Un esempio?
    Ci sono un ebreo, un francese e un tedesco.
    Fine della battuta.
  17. Fanatico del mondo cosplay la foto qui sotto lo ritrae nel suo elaborato travestimento da Franco Frattini.
    KIM COSPLAY
  18. Nonostante anni di impegno non riesce a farsi il nodo alla cravatta, quando ci prova inizia a sudare copiosamente, poi ad un certo punto lancia un urlo isterico e corre a farsi cagare in bocca da un cane.
  19. Grande amatore, si vanta di conquistare le donne anche solo con la poesia.
    Oppure con la poesia e i fiori.
    Oppure con la poesia e i fiori e le serenate.
    Oppure col Rohypnol.
  20. Coerentemente con la sua passione per Tiziano Ferro ha stabilito che l’articolo 1 della costituzione Nord Coreana recitasse:
    Come fa male cercare, trovarti poco dopo, e nell’ansia che ti perdo ti scatterò una foto, ti scatterò una foto, eheheeeeeeeeee.

 

25 FATTI POCO NOTI SU JORGE MARIO BERGOGLIO

13 FATTI POCO NOTI SU MATTEO RENZI

 

Originatosi nella provincia emiliano-romagnola, da bambino soffre d'asma e ha l'aspetto di un profugo albino del Mali, a quattordici anni gli parte lo sviluppo e prende rapidamente le sembianze del famoso dirigibile Hindemburg. Caparbio collezionista di imprese epiche che terminano regolarmente molto presto e molto male, incallito disegnatore di peni, detesta i film di fantascienza degli anni ottanta ivi compreso Blade Runner ma escluso Ritorno al Futuro, più di ogni altra cosa ama John Steinbeck poi, in ordine sparso, la panificazione domestica, dare fuoco alle cose, il giardinaggio, Phoenix Marie.

1 Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*